Valentina De Rosa / Vincenzo Pagliuca – Monadi

Caserta - 26/10/2018 : 15/12/2018

Doppia mostra personale di Valentina De Rosa e Vincenzo Pagliuca intitolata MONADI, a cura di Gabriela Galati.

Informazioni

Comunicato stampa

aA29 Project Room è lieta di presentare la doppia mostra personale di Valentina De Rosa e Vincenzo Pagliuca intitolata MONADI, a cura di Gabriela Galati.

Valentina De Rosa ha lavorato dal 2013 a Firenze in una villa del XV secolo che ospita persone con gravi problemi psichici, motori, e sensoriali. L’artista si è avvicinata a loro per ritrarli uno a uno, su uno sfondo di colori piatti e vividi, in una situazione allo stesso tempo quotidiana e personale, che segue in alcuni casi i tratti stilistici del ritratto classico

De Rosa si rapporta ai soggetti ritratti con uno sguardo empatico ma, come scrive Giovanni Fiorentino, senza nessuna intenzione di denuncia, distanziandosi in questo modo della tradizione del reportage. Le opere trovano un punto di equilibrio nel modo distaccato e allo stesso tempo delicato con cui espongono la fragilità e momentanea calma delle vite delle persone rappresentate.

La serie di Vincenzo Pagliuca mònos nasce da una lunga ricerca che l’artista ha realizzato lungo l’Appenino Meridionale, dal basso Lazio fino all’Aspromonte, fotografando all’alba o in condizioni di luce particolari. L’artista compone l’immagine mettendo le case isolate, che in molti casi non sono più abitate e in cui lo stato di deterioramento e abbandono è evidente, al centro. Sono architetture apparentemente casuali ma in grado di creare relazioni straordinarie con il contesto circostante.
Le condizioni di luce scelte tingono le foto di tonalità tali da veicolare il freddo dell’alba invernale in campagna.
L’uniformità della serie, sia dal punto di vista delle tipologie architettoniche, sia dal punto di vista della composizione, rende evidente, quasi in maniera paradossale, le particolarità e unicità di ogni esemplare.

Così, entrambi i progetti presentati, Villa Montertuli di De Rosa e mònos di Pagliuca, dialogano in mostra su diversi tipi di singolarità, allo stesso tempo uniche e solitarie.






BIO

Valentina De Rosa


Valentina De Rosa nasce a Napoli nel 1984. Ha studiato pittura e si è specializzata in “Fotografia come linguaggio d’arte” presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli.
Tra le sue mostre personali: Myosotis, Villa Monteturli, Firenze; Mono no aware, Centro per la fotografia Vivian Maier, Campobasso.
Ha esposto in diverse mostre collettive come: Seconda Biennale dei giovani fotografi, Bibbiena; IX Premio Nazionale delle Arti, Accademia di Belle Arti di Brera; X Premio Nazionale delle Arti, Accademia di Belle Arti di Bari; Fotoconfronti OFF 2015, Bibbiena; The Darkroom Project Exibition 5, Tevere art gallery, Roma; Smart up Optima premio di arte contemporanea, Napoli; Premio Arte Laguna 15.16, Arsenale, Venezia; VI edizione dell’Expo di arte contemporanea di Marche Centro d’Arte, San Benedetto del Tronto; Doni – Authors from Campania, Museo Madre, Napoli; Epifanie, SMMAVE centro per l'arte contemporanea, Napoli; Epifanie 02, Galleria del Cembalo, Roma; Premio Combat Prize 2017, Museo Civico G. Fattori, Livorno; FOTO_ACC_17 10 anni di fotografia Biennio di II Livello Accademia di Belle Arti di Napoli , Epifanie 02, Museo Arcos di Benevento; Yicca 2017-International Contest of Contemporary Art, Museo Fondazione Crocetti, Roma; 18^ Potfolio Italia, Bibbiena; Epifanie 02, Bottega Cece’ Casile, Milano; RIAPERTURE photofestival, Ferrara; Garfagnana fotografiaf 2018, "TiefKollektiv/ProfondoCollettivo", Glorenza. Finalista tra i 15 fotografi del Premio Ponchielli 2017.

Vincenzo Pagliuca

Vincenzo Pagliuca, nato a Broni (Pavia) nel 1980. Vive e lavora a Milano. La sua attività di ricerca si rivolge all’architettura ed alle differenti tipologie di insediamenti umani. I suoi lavori sono stati presentati in diverse mostre in Italia ed all’estero, tra cui The Censored Exhibition (Copenhagen Photo Festival, Copenhagen 2018), Darmstadter Tage der Fotografie (Darmstadt 2018), Epifanie (SMMAVE Centro per l’Arte Contemporanea, Napoli 2017, Catalogo Peliti Associati), Portfolio Italia (Centro Italiano della Fotografia d'Autore, Bibbiena 2017), Imago Mundi, Luciano Benetton Collection (Museo Madre, Napoli 2017, Catalogo Antiga), House&Home (Ulster Museum, Belfast 2015), [email protected], Urban Connections (Grad Cultural Center, Belgrado 2010). Finalista alla quattordicesima edizione di “Portfolio Italia – Gran Premio Hasselblad”. Vincitore nel 2013 del Premio Reportage Napoli Monitor. Dal febbraio 2015 è parte del gruppo Lab02 creato dal fotografo Antonio Biasiucci.