Trilogia analitica

Caserta - 10/11/2012 : 10/12/2012

Confronto a tre fra assoluti protagonisti della Pittura Analitica, tendenza di ricerca nata in Europa nei primi anni Settanta, l’esposizione si compone di quindici opere realizzate in un arco di tempo esteso tra quegli anni e il primo decennio Duemila.

Informazioni

  • Luogo: NICOLA PEDANA ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: piazza Matteotti 60 (int. Palazzo Palladini - piano terra) - Caserta - Campania
  • Quando: dal 10/11/2012 - al 10/12/2012
  • Vernissage: 10/11/2012 ore 19
  • Curatori: Teresa Lucia Cicciarella
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: martedì/sabato h. 10.00-13.00, 16.30-20.00; venerdì h. 16.30-20.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Confronto a tre fra assoluti protagonisti della Pittura Analitica, tendenza di ricerca nata in Europa nei primi anni Settanta, l’esposizione si compone di quindici opere realizzate in un arco di tempo esteso tra quegli anni e il primo decennio Duemila.Appoggiata sul nascere da critici di prim’ordine quali Filiberto Menna, Italo Mussa e Klaus Honnef, la Pittura Analitica (o Pittura-Pittura) focalizzava l’attenzione sulla centralità di elementi primari quali la tela e il telaio, il segno, la luce e il colore, in costante meditazione sul procedimento creativo dell’artista, rigoroso e disciplinato in ogni sua fase

Il fare pittura, svincolato da simboli, contenuti e sovrapposizioni, è principio e processo assoluto; prende corpo nelle tele naturali di Griffa, percorse da tratti di colore e ombre di geometrie; nei flussi evanescenti di luce-colore di Olivieri; nelle superfici tattili e nelle vibranti cromie di Pinelli. Il processo, tuttavia, non dà mai luogo a fenomeni “freddi”, piani distanti a priori dalla sensibilità dello spettatore: è semmai il fascino del colore a sollecitare la mente e l’occhio, se è vero che, riprendendo un pensiero di Honnef (1973): “E’ difficile ricavare un concetto razionale dai quadri. Essi liberano effetti emozionali, a volte anche irrazionali”.
“Ogni parte dell’opera è struttura-colore spazialmente qualificata”, scriveva Olivieri parallelamente al critico, nel medesimo anno (1973): a fare da contraltare a tale dichiarazione, le partiture cromatiche di Pinelli il quale, precisa ancor oggi, armonizza colori puri accostandoli come note di un pentagramma.

A testimoniare, infine, del preciso equilibrio del segno di Griffa, concorrono non solamente i lavori a breve in mostra a Caserta, ma anche le recenti e prestigiosi occasioni espositive nelle quali il maestro ha esplicitato il suo riferimento alla sezione aurea, antico canone ritmico sotteso alla matematica come alle arti.

Le opere saranno in mostra alla galleria Nicola Pedana Arte Contemporanea fino al 10 dicembre 2012.