Transizioni e passaggi

Roma - 23/03/2018 : 26/03/2018

L'esposizione nasce dalla volontà di voler creare un trait d’union tra artisti finlandesi ed il mondo dell'arte della città di Roma. L'intenzione è quella di cercare delle relazioni reali tra il mondo della cultura finlandese e quello della città.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO CERERE
  • Indirizzo: Via Degli Ausoni 3 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 23/03/2018 - al 26/03/2018
  • Vernissage: 23/03/2018 su invito
  • Curatori: Harri Laakso, Krista Mikkola, Riikka Vainio
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Dal venerdì 23 al lunedi 26 marzo 2018 dalle ore 12 alle ore 18
  • Email: riikkavainio@gmail.com
  • Patrocini: Organizzato da: ArsMondo, Finland Society, Bjcem, Ass. culturale Lumi, con il patrocinio di Fondazione Pastificio Cerere, in collaborazione con l’Ambasciata di Finlandia e Casale del Giglio

Comunicato stampa

TRANSIZIONI E PASSAGGI
a cura di Hanna Laakso, Krista Mikkola e Riikka Vainio
Martedì 23 marzo 2018 alle ore 12.00 all interno dello Spazio Cerere si terrà la mostra collettiva Transizioni e passaggi.
L'esposizione nasce dalla volontà di voler creare un trait d’union tra artisti finlandesi ed il mondo dell'arte della città di Roma. L'intenzione è quella di cercare delle relazioni reali tra il mondo della cultura finlandese e quello della città


La mostra presenta un nutrito corpo di opere, dalla pittura al video, dalla fotografia alla scultura, proponendo risvolti contaminanti fra traiettorie astratte e immagini nitide che potranno dare una vista d insieme allo spettatore lasciando allo sguardo la possibilità di raggiungere un punto di prospettiva dove potersi affacciare, osservare e comprendere i punti di vista divergenti delle opere come in un coro che cerca una voce sola.
Hannu Palosuo diventa artefice di una moderna figurazione che rivela come una tematica ricorrente possa risultare di assoluta attualità. Sull’evocazione della memoria e del ricordo, l’artista erge a protagonista dei dipinti la quotidianità, con toni contrapposti ma concordanti per evidenziare il positivo e il negativo dell’immagine, la sua presenza e il suo vuoto.

Hannu Palosuo nasce nel 1966 a Helsinki in Finlandia. Nel 1989 è a Roma, con una borsa di studio, dove frequenta la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi “La Sapienza” con l’indirizzo di “Storia dell’Arte Moderna” e l’Accademia di Belle Arti. Attualmente vive e lavora fra Helsinki e Roma. Numerose sono le esperienze di lavoro artistico in Europa e nel mondo. Partecipa alla Biennale di Venezia del 2009 su invito della Repubblica Araba-Siriana realizzando "None of them is the truth", un’installazione pittorica che ha ricoperto l’intero spazio a lui dedicato nell’intento di “inghiottire” lo spettatore all’interno del lavoro stesso. Alla Biennale di Venezia viene invitato anche nelle due edizioni successive; nell'edizione del 2013 i suoi lavori vengono esposti, all'interno della collettiva"Cara amica arte"curata da Duccio Trombadori.

Nanna Susi è una persona appassionata. È anche un'artista disciplinata, la sua ricerca della perfezione e la sua capacità di pittrice di camuffare l'architettura multidimensionale delle sue opere in una veste espressionista vivace. Per Susi, la pittura è un campo di esposizione per le energie e le correnti che costituiscono la vita.

Nanna Susi è un'artista finlandese contemporanea (nata nel 1967). All'inizio del 2000 ha vissuto e ha lavorato alcuni anni a Roma, in Italia. Attualmente si trova a Helsinki, in Finlandia e a Roma. Ha tenuto numerose mostre privati in giro per la Finlandia e l'Europa, e ha preso parte a mostre collettive su scala internazionale. Susi è stato esposto in una vasta mostra "Underneath the Eyes" presso l'Helsinki Art Museum (HAM) durante il periodo 2012-2013. I dipinti di Susi sono inclusi in molte collezioni finlandesi, ad esempio a Helsinki, nei musei d'arte di Tampere e Lahti, nel museo d'arte EMMA di Espoo, nelle collezioni della Fondazione KONE e in molte collezioni private e straniere.

Il colore di base di Katja Tukiainen è il rosa. Con le sue ragazze carine, forti e svelte, i colori ad olio brillanti e le pennellate eloquenti parla di cose serie. Proprio grazie a questa maniera cute che sussume la limitata autonomia del neo-pop europeo le strategie di appropriazione dello stereotipo che caratterizzano gli stessi Superflat e Pop Surrealism si manifestano nuovamente. Dipinge i suoi slogan per cambiare il mondo e i suoi paesaggi da sogno per chiunque possa intervenire. La sua ricerca artistica si concentra sulla pittura narrativa nello spazio.

Katja Tukiainen conseguito lauree specialistiche presso l'Accademia di Belle Arti di Finlandia e l'Università di Arte e Design. Al momento sta lavorando con il suo dottorato in Visual Artist presso l'Accademia di Belle Arti di Helsinki. I suoi dipinti sono inclusi in molte collezioni prestigiose come la collezione del KIASMA Museum of Contemporary Art e la collezione Gösta Serlachius Fine Arts Foundation. Le sue opere sono esposte a livello internazionale dalla metà del 1990.

Video lavori esposti dagli artisti: Sophia Ehrnrooth, Sasha Huber e Rosa Liksom.

Immagini in movimento e ripetizioni meditative
Ph. D. Hanna Maria Laakso
Dream of Championship di Sophia Ehrnrooth, Haïti Chérie di Sasha Huber e Finlandia – National landscapes di Rosa Liksom sono video sperimentali in cui la ripetizione meditativa evoca lo stato del sogno, della spiritualità e dell’inconscio.
Nel lavoro di Ehrnrooth, dei ragazzi scandiscono i nomi dei giocatori di calcio: vediamo i volti plasmati da un’ampia gamma di emozioni e ascoltiamo la pronuncia di nomi esotici.
Ehrnrooth afferma: “ il sogno di diventare un campione è alla base di Dream of Championship: ragazzi di ogni parte del mondo condividono questa fantasia. Nel video dei ragazzi scandinavi recitano il ruolo di giocatori conosciuti e meno conosciuti da tutto il mondo – ai loro occhi tutti campioni in egual misura².
In Haïti Chérie di Huber, lavoro nato in risposta al terremoto di Haiti del 2010, vediamo degli angeli di neve disegnati dal corpo del regista sul mare ghiacciato in Finlandia. Quello che questo pattern ripetitivo suggerisce è la tristezza della perdita come anche uno stato trascendentale in cui la speranza esiste.
In Finlandia – National landscapes di Liksom, seguiamo delle donne che indossano il burka afgano vagando nel paesaggio finlandese. La ripetizione dei passi di queste donne senza volto spinge lo spettatore a focalizzarsi sui contrasti tra familiare e straniante, tra conosciuto e sconosciuto.
I tre lavori riflettono la formazione dei tre artisti. Ehrnrooth ha lavorato come artista visivo nel campo della pittura e della fotografia dopo essersi diplomato all’Accademia di Belle Arti finlandese. Huber ha conseguito un Master all’Università di Arte e design di Helsinki, il suo lavoro spazia tra video, fotografia ed interventi performativi o progetti editoriali. Liksom ha studiato antropologia e scienze politiche a Helsinki, Copenaghen e Mosca. In aggiunta al suo lavoro letterario, ha fatto per decenni pittura e lavori video.
I lavori abbandonano la linea narrativa evocando temi che esplorano questioni come la solidarietà e la democrazia, i sogni e le speranze. Nell’opera di Ehrnrooth, l’innocente ammirazione dei ragazzi per gli eroi del calcio prescinde da le loro origini razziali, etniche e religiose – sono tutti semplicemente degli eroi. Nel lavoro di Huber, nel regno del trascendentale, ciò che rimane è il proprio sé spirituale. Nel lavoro di Liksom, il conosciuto si mescola armoniosamente con l’ignoto, rendendoci testimoni del multiculturalismo alla luce della natura finlandese in continuo cambiamento. Quindi, per la loro natura contemplativa, i tre lavori si avvicinano alla stabilità della pittura o all’immobilità della fotografia: invitano lo spettatore a guardare dentro l’immagine - dando libero spazio a diverse interpretazioni e puri stati emotivi.