Tracce su carta

Taranto - 09/12/2017 : 30/01/2018

Con Tracce su carta, CRAC Puglia prosegue l’impegno intrapreso nell’ambito della ricerca sul disegno e sul progetto d’artista/studio preparatorio, indagando idea e prassi, pensiero e forma, metodologia e linguaggio nella produzione artistica del Novecento.

Informazioni

  • Luogo: CRAC PUGLIA - CENTRO DI RICERCA ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele II, 17 - Taranto - Puglia
  • Quando: dal 09/12/2017 - al 30/01/2018
  • Vernissage: 09/12/2017 ore 18,30
  • Curatori: Massimo Bignardi
  • Generi: collettiva, disegno e grafica
  • Orari: Mart-Ven 9.00-13.00, 18.00-20.00
  • Patrocini: La collettiva, promossa e organizzata da CRAC Puglia, nell’ambito della rassegna Project & Drawing, si avvale del sostegno della Regione Puglia, Assessorato Industria Turistica e Culturale e della collaborazione di diverse istituzioni: Università degli studi di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali, Museo Frac di Baronissi (SA), Associazione “Il Museo e la Città” di Potenza.
  • Editori: GANGEMI EDITORE

Comunicato stampa

Sabato 9 dicembre 2017 alle 18,30 CRAC Puglia - Centro di Ricerca Arte Contemporanea inaugura la mostra Tracce su carta. Aspetti del disegno italiano contemporaneo (1948-2000).
La collettiva, promossa e organizzata da CRAC Puglia, nell’ambito della rassegna Project & Drawing, si avvale del sostegno della Regione Puglia, Assessorato Industria Turistica e Culturale e della collaborazione di diverse istituzioni: Università degli studi di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali, Museo Frac di Baronissi (SA), Associazione “Il Museo e la Città” di Potenza



Con Tracce su carta, CRAC Puglia prosegue l’impegno intrapreso nell’ambito della ricerca sul disegno e sul progetto d’artista/studio preparatorio, indagando idea e prassi, pensiero e forma, metodologia e linguaggio nella produzione artistica del Novecento.
La mostra – curata dal critico e storico dell’arte Massimo Bignardi, docente di Arte Contemporanea all’Università di Siena – è un’ulteriore indagine sulla genesi e le pratiche del disegno nell’esperienza dell’arte italiana contemporanea, una significativa campionatura che va dal secondo dopoguerra agli anni Duemila.
«È una storia che attraversa silenziosamente – scrive Massimo Bignardi nella presentazione in catalogo – il corpo di un lungo periodo, cinquant’anni di un secolo lasciato, da tempo, alle nostre spalle: un transito verso l’attualità nel quale il disegno ha espresso una cifra ben chiara e leggibile, quanto autonoma, all’interno delle molteplici esperienze che hanno caratterizzato la scena artistica nazionale, nella complessità dei suoi svolgimenti, perché intercetta e coniuga sull’immediato piano dell’istinto espressivo, gli umori di generazioni e degli eventi che le hanno caratterizzate».
La collettiva annovera ventisei opere di storici artisti italiani: Carla Accardi, Renato Barisani, Sandro Chia, Stefano Di Stasio, Nunzio Di Stefano, Antonio Donghi, Enzo Esposito, Giosetta Fioroni, Omar Galliani, Alberto Garutti, Marco Gastini, Giorgio Griffa, Carlo Lorenzetti, Ugo Marano, Titina Maselli, Mimmo Paladino, Enrico Paulucci, Mauro Reggiani, Nicola Salvatore, Emilio Scanavino, Atanasio Soldati, Mauro Staccioli, Giuseppe Uncini, Grazia Varisco, Alberto Ziveri, Gilberto Zorio.

La mostra sarà visitabile dal 9 dicembre 2017 al 30 gennaio 2018, insieme alla collezione permanente, “PIANO EFFE - Archivio Storico Nazionale del Progetto d’artista”.
Catalogo edito da Gangemi Editore (Roma), con contributi critici, apparato iconografico e bibliografia essenziale. Prefazione al volume di Giulio De Mitri, presidente CRAC Puglia. Testi di Massimo Bignardi, Irene Cipriani, Bianca Francini, Domenico Iacobellis, Luca Mansueto, Roberta Mena-pace, Anna Maria Montano, Valeria Palleschi, Marta Spanò, Paola Torre, Ursula Tindara Zodda.