Topylabrys – Fantasyland

Milano - 08/04/2014 : 13/04/2014

Durante la settimana del Salone del mobile 2014 lo spazio ex-Ansaldo, ospiterà un’installazione di topylabrys realizzata grazie al contribuito dell’azienda SLIDE di Buccinasco (MI) ed in collaborazione di Arte da mangiare mangiare Arte e la Società Umanitaria di Milano.

Informazioni

Comunicato stampa

Durante la settimana del Salone del mobile 2014 lo spazio ex-Ansaldo, ospiterà un’installazione di topylabrys realizzata grazie al contribuito dell’azienda SLIDE di Buccinasco (MI) ed in collaborazione di Arte da mangiare mangiare Arte e la Società Umanitaria di Milano.
In Fantasyland, topylabrys presenta un’installazione composta da circa 180 sfere di grandezze diverse realizzate con il materiale plastico di riutilizzo.
topylabrys, al secolo Ornella Piluso, è un’artista che da più di trent’anni usa materiali plastici di seconda vita messi a disposizione da varie aziende


L’azienda SLIDE affida all’artista materiali e forme che lei interpreta in modo unico, tramutando “oggetti” in “personaggi illuminati ed illuminanti e creando così il popolo di Globolandia.
Sarà presente anche CubeX Duo, la stampante 3D di Arte da mangiare mangiare Arte , utilizzata per un’operazione di arte riproducibile all’interno dell’installazione stessa.

Segue il corpo del comunicato stampa.
image





Durante la settimana del Salone del mobile 2014 lo spazio ex-Ansaldo, luogo storico della Milano moderna e industrializzata, ospiterà un’installazione di topylabrys realizzata grazie al fondamentale contribuito dell’azienda SLIDE di Buccinasco (MI) ed in collaborazione di Arte da mangiare mangiare Arte e la Società Umanitaria di Milano.
In Fantasyland, un mondo irreale dove i protagonisti sono personaggi ibridi e buffi, topylabrys presenta Globolandia, un’installazione composta da circa 180 sfere di grandezze diverse realizzate con il materiale plastico di riutilizzo fornitole dalla SLIDE, azienda impegnata da anni nel mondo del Design e dell’Arte e particolarmente attenta a sostenere chi, attraverso la creatività, sviluppa contenuti e valori.
topylabrys, al secolo Ornella Piluso, è il direttore artistico di Arte da mangiare mangiare Arte e un’artista che da più di trent’anni usa materiali plastici di seconda vita messi a disposizione da varie aziende, caratterizzandosi già da tempo come la prima creatrice di sculture e di grandi installazioni basate sul riuso.
Un’azienda come la SLIDE affida all’artista materiali e forme che lei interpreta in modo unico, tramutando “oggetti” in “personaggi illuminati ed illuminanti” e creando così il popolo di Globolandia ed i suoi amici. I protagonisti della storia, che verrà svelata nel tempo, sono due bimbi: Matteo e Lilli. Attorno a loro un mondo fantastico, il mondo che tutti vorremmo.
Partendo dagli oggetti di design della SLIDE, topylabrys approda nel mondo dell’Arte con la creazione di un racconto che, attraverso il divertimento, ci accompagna lungo un cammino di crescita di valori, anche grazie all’apporto creativo di Diana Quinto.
Il progetto di Globolandia è appena cominciato: anche il genio informatico Claudio Gasparini collaborerà nel tempo a farlo crescere tecnologicamente. Infatti sarà presente anche CubeX Duo, la stampante 3D di Arte da mangiare mangiare Arte, protagonista di un’operazione di arte riproducibile all’interno dell’installazione stessa.
La gioia e la fantasia di due piccoli bimbi una volta di più tracceranno un sentiero da seguire, permettendo a topylabrys di gestire con essi il cammino della creatività.