Tino Repetto. La ricerca dell’assoluto

Genova - 16/12/2021 : 13/02/2022

Una donazione e tre esposizioni in memoria dell’artista, tra Genova e Milano

Informazioni

  • Luogo: ACCADEMIA LIGUSTICA DI BELLE ARTI
  • Indirizzo: Largo Alessandro Pertini 4 (Piazza De Ferrari) - Genova - Liguria
  • Quando: dal 16/12/2021 - al 13/02/2022
  • Vernissage: 16/12/2021 Ore 17
  • Autori: Tino Repetto
  • Curatori: Giulio Sommariva
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al venerdì 14.30 / 18.30 su prenotazione (010.560131) sabato e domenica 10.30 / 18.30 25 e 26 dicembre, 1 e 2 gennaio, 6 gennaio 14.30/18.30
  • Editori: SAGEP

Comunicato stampa

Un’importante donazione giunge nelle collezioni del Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti: quaranta disegni e due dipinti a olio su tela, opere che illustrano l’attività artistica di Tino Repetto, artista genovese di nascita ma milanese di adozione, che alla sua città e - in
particolare alla Ligustica che aveva frequentato in gioventù - ha voluto destinare una significativa testimonianza della sua produzione

Una donazione che colma una lacuna, poiché l’artista non era ancora rappresentato nelle collezioni pubbliche genovesi; alla moglie, Natuscia Calza, e alla figlia Alolika Repetto, va la nostra gratitudine per la generosità del gesto che, in questo particolare contesto di difficoltà,
assume un significato forte, un segno di speranza per il futuro. L’occasione della donazione ha dato il via ad un progetto espositivo su tre sedi: il Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti ospiterà il primo evento di dicembre, a cura del Conservatore Giulio Sommariva, al quale seguiranno altre due mostre nel mese di gennaio allo Studio d’Arte del Lauro di Milano, a cura di Cristina Sissa, e a Palazzo Nicolosio Lomellino, a cura di Claudio Castellini.
Un filo sottile, come quello che contraddistingue il segno di Tino Repetto, condurrà il visitatore sulle sue tracce, disegnando un percorso analogo a quello intrapreso dall'artista stesso, nella condivisione degli affetti dei suoi luoghi e delle atmosfere a lui care. Il catalogo, edito da Sagep, raccoglie infine l’intero corpus di opere in mostra, ed è arricchito da nuovi testi critici e dalla ripubblicazione di alcuni saggi e interviste.