Time Lag

Venezia - 07/06/2012 : 07/06/2012

Presentazione libro fotografico Time Lag. A Venezia incontro con l’autrice Patrizia Bonanzinga ed Enrico Gusella, critico e storico della fotografia.

Informazioni

Comunicato stampa

30 maggio 2012 – Nell’ambito delle attività culturali di Thetis SpA, una delle maggiori società d’ingegneria in Italia e impegnata nel campo dell’ingegneria ambientale, meccanica, civile, informatica, elettronica e dei trasporti, avrà luogo giovedì 7 giugno alle ore 17.00 negli spazi dell’Arsenale di Venezia la presentazione del libro Time Lag della fotografa Patrizia Bonanzinga. L’incontro con il pubblico, promosso da Thetis e patrocinato dall’Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Venezia, sarà presentato da Enrico Gusella, critico e storico della fotografia.
Il libro Time Lag rappresenta una sorta di diario di viaggio dell’autrice

Fotografa e globe-trotter, Patrizia Bonanzinga ha lavorato in Mozambico tra il 2007 e il 2009. Dei suoi scatti e dei suoi incontri, risultati del percorso nell’antica colonia portoghese, il libro presenta una sequenza di fotografie e di testi che nascono da una riflessione intorno al tema del tempo e al differente modo con cui esso viene vissuto e percepito in Europa e in Africa. “Noi lo misuriamo minuziosamente; inoltre, le nuove tecnologie accelerano sempre di più le nostre scadenze. In Africa, il tempo sembra scorrere in modo circolare: ogni giornata si reitera all’interno di una stessa matrice quotidiana e sembra che nulla accada. Ma fino a quando potremo illuderci che gli orologi dell’Africa e dell’Europa possano battere ad ore diverse?” È questa la domanda che si pone Marta Dassù nell’introduzione al libro. La rincorsa sembra essere iniziata e il ritardo va perdendo rilevanza; ciò che conta è la necessità e l’opportunità di fare esperienza delle diversità.
Senza esitazione, Patrizia Bonanzinga fotografa gli esseri umani. Ci porta all’interno della loro stessa essenza. Ci mostra il loro ambiente, il loro spazio; cattura i loro legami invisibili. Sono queste relazioni tra le persone che formano la trama più preziosa del suo progetto fotografico. Da Maputo all’Ilha de Mozambique, la viaggiatrice lascia vagare i propri obiettivi rendendoci delle immagini piene di calore e di tenerezza.
Matematica e fotografa, Patrizia Bonanzinga (www.patriziabonanzinga.com), ha vissuto in numerosi Paesi dai quali ha tratto molte ispirazioni. Le sue fotografie sono state esposte in Italia, Stati Uniti, Cina, Russia, Polonia, Guatemala, Spagna, Francia e Belgio e fanno parte di diverse collezioni sia pubbliche che private. Il suo lavoro si sviluppa secondo due piani distinti: da una parte costruisce reportage impegnati in territori sensibili, dall’altra si interroga sulla relazione tra fotografia e realtà costruendo dei grandi formati dove le immagini sono tagliate e rimontate esprimendo ancora un’altra realtà.
Time Lag è il suo quarto libro, pubblicato da Damiani editore (Bologna, maggio 2011).