Three True Stories

Modena - 20/04/2013 : 23/06/2013

Il percorso si articola in tre narrazioni parallele che, partendo da questioni specifiche legate ai contesti d'origine delle artiste, affrontano temi universali come l'identità di genere, il diritto all'esistenza, l'esperienza dello sradicamento. Tre storie vere, che appartengono al nostro tempo, talvolta crude e dolorose, sulle quali tuttavia non è possibile chiudere gli occhi.

Informazioni

Comunicato stampa

Immagini di donne che vogliono cambiare il mondo
Diritti civili al centro della nuova mostra di Fondazione Fotografia Modena 'Three True Stories'
Tre 'storie vere' raccontate dalle artiste Zanele Muholi, Ahlam Shibli e Mitra Tabrizian

Modena - Si inaugura sabato 20 aprile 2013, nelle sale espositive dell'ex ospedale Sant'Agostino di Modena, Three True Stories

La mostra, promossa da Fondazione Fotografia Modena e da Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e a cura di Filippo Maggia, Claudia Fini e Francesca Lazzarini, è dedicata a tre artiste di fama internazionale, che attraverso il video e la fotografia indagano su temi di forte impegno civile: Zanele Muholi (Sudafrica), Ahlam Shibli (Palestina) e Mitra Tabrizian (Iran/Inghilterra).
Il percorso si articola in tre narrazioni parallele che, partendo da questioni specifiche legate ai contesti d'origine delle artiste, affrontano temi universali come l'identità di genere, il diritto all'esistenza, l'esperienza dello sradicamento. Tre storie vere, che appartengono al nostro tempo, talvolta crude e dolorose, sulle quali tuttavia non è possibile chiudere gli occhi.

Nata a Durban nel 1972, Zanele Muholi si definisce un'attivista visuale ed è strenuamente impegnata nella difesa della comunità LGBTI (lesbica, gay, bisessuale, transessuale e intersessuale) africana. Ha lavorato come fotografa e reporter per il magazine specializzato in tematiche LGBTI Behind the Mask e nel 2002 ha fondato un'organizzazione che offre protezione e luoghi d'incontro alle lesbiche africane. Ha documentato i crimini contro la comunità gay, portando alla luce il fenomeno degli "stupri correttivi" praticati come "cura" dell'omosessualità, tacitamente accettati dalla maggior parte della popolazione e giustificati ai fini di una rieducazione alla normalità. Nell'aprile del 2012 ignoti si sono introdotti nel suo appartamento e il materiale fotografico che documentava le ricerche di una vita è stato rubato: sull'episodio grava il sospetto che non si sia trattato di una semplice rapina, ma di una intimidazione nei confronti dell'artista e del suo lavoro. I crimini e le violenze contro le donne lesbiche sono al centro delle opere che saranno esposte a Modena, per la quale Muholi ha selezionato fotografie dalle recenti serie Faces and Phases (2010), Crime Scene (2012) e il video del 2010 Difficult Love (47').

Ahlam Shibli è nata in Palestina, ma vive e lavora ad Haifa, in Israele. Si definisce una "palestinese di Israele" e indaga artisticamente le implicazioni umane, sociali e simboliche del conflitto arabo-israeliano. La sua serie fotografica più recente, Death (2001-2012), è composta da circa settanta immagini scattate in luoghi pubblici e in abitazioni private, accomunate dalla presenza costante di ritratti, scritti, poster che commemorano persone cadute nella lotta contro il regime di occupazione. Attraverso un approccio documentario, la serie rivela le condizioni di vita, materiali ed esistenziali, del popolo palestinese e il suo particolare e necessario rapporto con la morte. Shibli mostra come la proliferazione ossessiva delle immagini commemorative sia in grado di mantenere in vita i defunti, seppur ridotti ad una rappresentazione fantasmagorica dei corpi e dei volti, e di plasmare ideologicamente sia la sfera pubblica, sia quella domestica.


Nata a Teheran, in Iran, Mitra Tabrizian vive e lavora a Londra. Le sue fotografie in mostra a Modena sono tratte dalla serie Another Country (2010) e indagano il tema dell'identità culturale. Sebbene mettano in scena situazioni immediatamente riconducibili al mondo islamico, rivelano in alcuni dettagli di esser state realizzate in ambienti inglesi. Questo scarto visivo è metafora del senso di sradicamento percepito da chi, esiliato, vive a cavallo tra due culture. Di fronte alla scelta se abbracciare o respingere la cultura occidentale, le comunità ritratte da Tabrizian sembrano essersi richiuse nelle proprie tradizioni, forse nell'illusione di poter mantenere intatta la loro identità, o semplicemente per poter sopravvivere, mettendo in atto una strategia quotidiana di resistenza, non priva di contraddizioni. La serie, così come il film del 2004 The Predator (26'), propone inoltre una riflessione sul concetto di Islam e sugli stereotipi occidentali a esso collegati. Le fotografie panoramiche Tehran e Untitled, realmente realizzate in Iran, sollevano infine riflessioni sull'Iran contemporaneo, relative a temi quali l'esilio, il controllo sociale, la costruzione del futuro.

La mostra è accompagnata da catalogo, corredato di tutte le immagini delle opere in mostra e di alcuni testi critici di approfondimento sul lavoro delle artiste.

Fondazione Fotografia Modena è una società strumentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, partecipata dal Comune di Modena, istituita nel 2012 in continuità con il progetto avviato già dal 2007 a margine delle collezioni permanenti di fotografia contemporanea della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Persegue finalità di produzione, valorizzazione e promozione della fotografia storica e contemporanea, realizzando e partecipando a iniziative ed eventi formativi e culturali di rilevanza locale, nazionale, internazionale. Attività principali sono l'organizzazione di mostre e la formazione, essenzialmente attraverso i workshop e i corsi del Master di alta formazione sull'immagine contemporanea.




Note biografiche

Zanele Muholi

Nata a Umlazi (Durban) nel 1972, vive e lavora a Johannesburg. Attivista visuale, collabora con collettivi LGBTI ed è co-fondatrice del Forum for the Empowerment of Women. I suoi lavori sono stati inclusi in importanti mostre internazionali come dOCUMENTA 13 a Kassel (2012), la Biennale di San Paolo (2010), Figures and Fiction al Victoria & Albert Museum di Londra (2011), Face of Our Time II al SFMOMA (2011), Lesbians Seeing Lesbians alla Leslie/Lohman Gallery di New York (2011). La sua opera è pubblicata nelle seguenti monografie: Zanele Muholi: African Women Photographers #1 (Casa África/La Fábrica, 2011), Faces and Phases (Prestel, 2010), Only Half the Picture (Ste publisher, 2006).

Il video Difficult Love (2010) è stato esposto in numerosi festival internazionali e ha ricevuto numerosi premi.

Ahlam Shibli

Nata in Palestina nel 1970, vive e lavora ad Haifa. Una sua mostra personale Phantom Home è attualmente in corso al MACBA di Barcellona e farà tappa a Jeu de Paume, Parigi, e al Museu de Arte Contemporânea de Serralves, Porto. Sue opere sono state presentate alla Haus der Kunst di Monaco e alla The Kosova Art Galledy di Pristina (2012) al MACBA di Barcellona (2008), a dOCUMENTA Kassel (2007), alla Kunsthalle di Basilea e alla Biennale di San Paolo (2006), al Tel Aviv Museum of Art (2003),

Tra le monografie dedicate al suo lavoro Phantom Home (Hatje Cantz 2013), Trauma (Peuple et Culture Corrèze, 2010), Trackers (Walther König, 2007), Lost Time (Ikon Gallery, 2003).

Mitra Tabrizian

Nata a Teheran, in Iran, vive a Londra dalla fine degli anni Settanta. Ha esposto in diversi musei e gallerie internazionali, tra i quali la Tate Britain, Londra (2008), il Folkwang Museum, Essen (2003), il Moderna Museet, Stoccolma (2006). Tra le sue pubblicazioni: Correct Distance (Corner House, 1990), Beyond the Limits (Steidl, 2004), Another Country (Hatje Cantz, 2012). Le sue opere video e fotografiche sono incluse in importanti collezioni di istituzioni quali il Victoria and Albert Museum di Londra; la Queensland Art Gallery/ Gallery of Modern Art; il Moderna Museet, Stoccolma; il Folkwang Museum, Essen. Ha ricevuto diversi premi tra i quali l'AHRB Innovation Awards per il film The Predator (2004).