Thomas De Falco – Metamorphosis

Milano - 05/04/2019 : 18/05/2019

Mostra personale performance e installazione tessile.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO PAEPA
  • Indirizzo: via Alberto mario 28 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 05/04/2019 - al 18/05/2019
  • Vernissage: 05/04/2019 ore 19
  • Curatori: Paola Ugolini
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

In mostra una serie di lavori realizzati appositamente per l’occasione tra cui un grande arazzo site/specific. L'artista è rappresentato dalla Galleria Richard Saltoun di Londra, presente a Miart 2019. Per l’opening De Falco metterà in scena una spettacolare performance con installazione tessile



“Thomas De Falco – scrive la curatrice nel testo critico di presentazione della mostra - si è formato alla scuola di tessitura dell’arazzo del Castello Sforzesco di Milano, i suoi lavori sono fortemente materici e spesso in bilico fra bidimensionalità e tridimensionalità, con i cotoni e le lane che inaspettatamente si intrecciano a rami, foglie e fili di rame così da creare delle superfici stratificate e dense. Il rapporto con la Natura, intesa come Grande Madre e come Natura Generans è molto forte ed è sottolineato ed enfatizzato dal wrapping, una speciale tecnica con cui l’artista torce i fili di tessuto facendoli sembrare delle robuste radici, delle liane o delle vene pulsanti di linfa, di sangue e di vita, che nelle performances connettono l’umano con il mondo vegetale”. L’aspetto performativo nel lavoro di De Falco – prosegue Paola Ugolini – “è quindi essenziale perché sottolinea visivamente e plasticamente quella speciale compenetrazione dell’opera con il mondo vegetale che è una delle cifre distintive della sua estetica. I wrapping legano e connettono i corpi nudi dei performers ai lavori creando così una totale simbiosi fra umanità, natura e tessitura qui intesa come atto creativo di trasformazione. Come in una sorta di processo alchemico Thomas De Falco trasforma quindi l’organico in inorganico e vice-versa, dando vita ad un originale e serrato dialogo fra la trama dell’opera, i riferimenti al mondo vegetale ed il corpo”.