The Stamps of the Queen

Verona - 05/08/2017 : 15/09/2017

La città scaligera sarà la prima tappa della mostra itinerante The Stamps of the Queen che, per la prima volta in Italia, raccoglie la più completa collezione di francobolli dedicati alla sovrana del Regno Unito, Elisabetta II, e una ricca raccolta di documenti, fotografie, libri, ritratti reali del maestro Annigoni, “il pittore delle regine”. L’esposizione unica e inedita sarà portata a Genova in autunno e, poi, in altri luoghi in Italia e all'estero.

Informazioni

Comunicato stampa

The Stamps of the Queen – Homage to Elizabeth II, visitabile dal 5 agosto (fino al 15 settembre) nel seicentesco Palazzo della Gran Guardia, nel centro storico di Verona, in piazza Bra, accanto all'Arena, sarà una delle mostre-evento dell’estate, unica sotto tanti aspetti. Ripercorre la vita di Elisabetta II, incoronata nel 1953 a soli 27 anni, fino a oggi attraverso oltre 6.000 francobolli del Regno Unito, delle ex colonie e del Commonwealth. Francobolli provenienti da una collezione privata ed esposti al pubblico per la prima volta.
La mostra prende l’avvio con Giorgio VI, il padre di Elisabetta

L’abdicazione di Edoardo VIII ha aperto la via a Giorgio VI prima, a Elisabetta II poi. Di qui una serie di francobolli – esposti in eleganti cornici – che celebrano la regina nei vari momenti della sua vita, la svelano nelle vesti di giovane donna, di madre, di sovrana, di potenza politica.

Nel colorato racconto per immagini dell’originale raccolta filatelica, la storia dell’ultima grande regina, che possiede una delle più importanti collezioni di francobolli del mondo, s’intreccia inevitabilmente agli ultimi ottant’anni della storia inglese ed internazionale. Elisabetta è una testimone del '900 che non ha eguali, e il soggetto più rappresentato sui francobolli; solo in Gran Bretagna sono oltre 4.500 quelli con la sua effige, in primo piano o in un angolo, se il soggetto principale è altro, una città o una partita di calcio ad esempio. L’inconfondibile pettinatura – sempre uguale nell’incedere del tempo, forse l'unica donna a non averla mai cambiata - e gli abiti dai colori accesi, accuratamente scelti per essere sempre immediatamente riconoscibile tra la folla, li ritroviamo nella realtà e nei francobolli, dove Elisabetta II è l’immagine postale che ha avuto maggiore diffusione al mondo.

Ma l'esposizione veronese è anche l'occasione per fare un viaggio illustrato tra Paesi e territori grazie alle storie che si nascondono dentro e dietro ai francobolli. Un viaggio compiuto attraverso un elemento fra i più amati dai collezionisti italiani, il cui commercio ha un volume di affari annuo di 120 milioni di euro, e ricco di fascino evocativo anche per i più giovani.
Così ci si ritrova alle isole Cook, con Atiu che racchiude gemme cristalline come la piccola One Foot Island, l’unica isola disabitata al mondo ad avere un ufficio postale, il più piccolo della terra, dal quale è possibile spedire cartoline che ricordano fra le altre il viaggio compiuto alle Cook dal principe William, Duca di Cambridge, e dalla moglie Catherine.

Francobolli, e non solo. Fotografie, giornali e libri d’epoca, due riproduzioni dei ritratti reali - Elisabetta II (1954) e il Principe Filippo (1956) - del pittore italiano Pietro Annigoni, (Milano, 7 giugno 1910 – Firenze, 28 ottobre 1988), soprannominato dalla stampa del suo tempo "Il pittore delle regine”, autore del ritratto preferito dalla regina, fra i tanti che le sono stati fatti. Di Annigoni saranno esposte in mostra in un’apposita sezione anche una decina di opere originali.

Francobolli, fotografie, quadri e giornali concorreranno a ricreare l’allure e l’immagine della sovrana più longeva della storia, donna forte e volitiva, protagonista di primo piano del XX e degli inizi del XXI secolo, uno dei personaggi più rappresentativi e rappresentati nei francobolli di tutti i tempi.

Per l’occasione Poste Italiane ha previsto uno speciale annullo filatelico.

Ingresso ridotto per chi presenterà alla cassa della mostra un francobollo con l’effige di Elisabetta II.

Da non perdere la possibilità di fare il "selfie con la regina”, riprodotta a grandezza naturale su un cartonato, per poterlo postare poi sui social.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo di 260 pagine, edito da La compagnia della Stampa, con testi a cura di Vittorio Sabadin, Isabella Brega e Beatrice Giorgi. Seguirà una pubblicazione in tre volumi in cofanetto, di oltre 1000 pagine, arricchite da migliaia di illustrazioni e testi curiosi.


Sponsor: AGSM
Patrocini: Comune di Verona, British Chamber of Commerce for Italy (BCCI), Touring Club Italiano.
In collaborazione con Poste Italiane.