Teresa Margolles / Cecilia Bertoni

Vorno - 25/03/2017 : 16/09/2017

“Sobre la sangre”, mostra di Teresa Margolles incentrata sull'odio di genere, a cura di Francesca Guerisoli e Angel Moya Garcia e “round midnight /ritratti”, video installazione di Cecilia Bertoni in cui i ritratti dei cinque performer si trasformano gradualmente per eludere le convenzioni socio-culturali del genere.

Informazioni

Comunicato stampa

“Sobre la sangre” è il titolo della mostra di Teresa Margolles sul tema dell'odio di genere, che sarà allestita presso lo SPE – Spazio Performatico ed Espositivo della Tenuta Dello Scompiglio dal 25 marzo al 25 giugno 2017, a cura di Francesca Guerisoli e Angel Moya Garcia.

Teresa Margolles (Culiacán, Sinaloa, Messico, 1963 – vive e lavora a Madrid) è un’artista visiva che esamina le cause e le conseguenze sociali della morte, della distruzione e della guerra civile

L'artista è nota per la creazione di opere d'arte che si concentrano sui temi della violenza, del genere, della povertà e dell'alienazione. Il suo lavoro critica l'ordine sociale ed economico che rende normali certe morti violente, trasgredendo le convenzioni sociali e artistiche e sottolineando la complicità del governo nel produrre violenza e nel generare povertà. Come firma singola e attraverso il collettivo SEMEFO (Servicio Médico Forense), fondato a Città del Messico nel 1990 e attivo per un decennio, Teresa Margolles è tra le artiste che più hanno trattato il tema della brutalità della guerra tra narcotrafficanti e forze dell'ordine nella Repubblica federale del Messico, realizzando opere dalle quali emerge una ferma condanna alla violenza e a ciò che essa produce nelle famiglie delle vittime, nelle comunità e nello spazio urbano.

L'artista ha sviluppato un linguaggio personale come narratrice intradiegetica, testimone di soggetti silenziosi e di vittime definite come “danni collaterali”, spesso prive di un nome e dunque trattate solo come numeri. Sottili e seducenti, le sue opere offrono inizialmente una piacevole esperienza estetica, che presto però diventa qualcos’altro. Un esempio paradigmatico è stata la mostra personale ¿De qué otra cosa podríamos hablar? per il Padiglione messicano alla Biennale di Venezia del 2009. In essa, tra le diverse azioni e installazioni, il visitatore si trovava di fronte ai teli utilizzati per coprire i cadaveri delle vittime del traffico di droga, per poi imbattersi in una sala espositiva in cui parenti di vittime di morte violenta lavavano il pavimento con una miscela di acqua e sangue delle stesse. Una vicinanza intima al materiale della morte che provoca spesso nel pubblico scosse viscerali che avviano una profonda interrogazione su particolari problematiche sociali. Un altro esempio è stato il lavoro presentato a Manifesta 11, la Biennale europea di arte contemporanea che si è tenuta a Zurigo nel 2016, in cui l'artista ha effettuato una serie di incontri con alcuni lavoratori del sesso transessuali di Zurigo e Ciudad Juárez.

Nel contesto della violenza di genere si inserisce la mostra “Sobre la sangre”, che comprende l’installazione itinerante “Frazada (La Sombra)”, la grande tela che presta il titolo all’esposizione “Wila Patjharu / Sobre la sangre” e la nuova installazione site specific “Testimone”. Nella sua complessità e articolazione, la mostra trasforma integralmente l’architettura dello spazio espositivo Dello Scompiglio, alterandone le caratteristiche fisiche e percettive, per portare il visitatore in un ambiente buio e labirintico che lo avvolge completamente.

Punto di partenza è l’installazione itinerante “Frazada (La Sombra)” (2016), realizzata in occasione della Biennale di Bolivia del 2016, che nella giornata inaugurale si muoverà in alcune piazze di Lucca e successivamente sarà allestita negli spazi esterni della Tenuta. L'installazione è composta da una coperta montata su una struttura metallica alta un metro e novanta, utilizzata generalmente nelle bancarelle. Recuperata dall'obitorio di La Paz e impregnata del sangue di una donna vittima di femminicidio, la coperta perturba chi utilizza la sua ombra per trarne refrigerio nelle giornate assolate, in quanto si accorge solo successivamente del forte odore di sangue che essa sprigiona. Con “Frazada” Teresa Margolles intende visualizzare l'ombra della violenza di genere, che in Bolivia, secondo l'Istituto Nazionale di Statistica, interessa ben l'87% delle donne.

All’interno dello spazio espositivo, la grande tela “Wila Patjharu / Sobre la sangre” (2017), cuore della mostra, è impregnata in questo caso del sangue di dieci vittime di femminicidio a La Paz e ricamata successivamente da artigiane locali attraverso le tecniche tradizionali di decorazione degli abiti di danza popolare boliviana. Emerge in questo modo come spesso il folklore e la tradizione riescano a coprire, a nascondere e a trasformare in ornamento una tragica realtà quotidiana. Motivi floreali e caporali ricamati con paillettes, perline e fili dai colori sgargianti, scandiscono un percorso sinestetico attraverso il quale il pubblico, immerso nella penombra, è condotto per una lunghezza di 25 metri, in un cammino di confronto con le proprie convinzioni e sicurezze etiche ed estetiche davanti al rumore dei propri passi.

Questi passi portano alla terza installazione in mostra, intitolata “Testimone” (2017), e realizzata appositamente per la mostra. L'ambiente si configura come un corridoio perimetrale in penombra in cui sono collocate alcune tracce audio e due fotografie che raccontano di Carla e La Gata, due prostitute transessuali scomparse prematuramente nella messicana Ciudad Juárez. Le registrazioni audio girano intorno al rifiuto e alla riluttanza sociale, alle esperienze e desideri stroncati. La prima uccisa a 67 anni nel 2015 e la seconda a 32 nel 2016, hanno pagato con la propria vita l'odio di genere di cui sono portatori non solo i loro carnefici ma anche le istituzioni. Il loro essere transessuali, prostitute e povere ne fanno morti che non contano, come potrebbe dire Judith Butler, che nel suo saggio “Violenza, lutto, politica” si chiede: “Cosa si intende per umano? Quali vite contano in quanto vite? E, da ultimo, cosa rende una vita degna di lutto?”.

L’appuntamento fa parte di “Assemblaggi Provvisori”, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, con concerti, incontri, installazioni, laboratori, mostre, performance, teatro ragazzi e residenze, incentrati sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere e più specificamente con l’assenza di causalità e coincidenza tra il sesso biologico, il genere (mascolinità–femminilità) e l’orientamento sessuale.

--
Teresa Margolles (1963, Culiacán, Sinaloa, Messico) ha esposto in numerosi musei, istituzioni e fondazioni internazionali. Tra le principali mostre ricordiamo: Biennale di Dallas, 2017, Biennale di Bolivia, 2016, Neuberger Museum of Art, Acquisto, NY, USA 2015; Migros Museum für Gegenwartskunst, Zurigo, 2014; Centro de Arte Dos de Mayo, Madrid, 2014; Principe Claus Fund, Amsterdam, 2012; Museo Universitario de Arte Contemporáneo (MUAC), Città del Messico, 2012; Museo de Arte Moderno, Città del Messico, 2011; Museion, Bolzano, 2011; Kunsthalle Fridericianum, Kassel, 2010; Los Angeles County Museum of Art, Los Angeles, 2010; La Biennale di Venezia, Padiglione messicano, Venezia, 2009.
--
Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All'interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all'Azienda Agricola e all'Osteria, opera l'omonima Associazione Culturale. L'Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni, teatro per ragazzi; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone percorsi all‘aperto, lezioni Metodo Feldenkrais ®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE).

Tenuta Dello Scompiglio – Vorno (Lucca)
SPE – Spazio Performatico ed Espositivo

Cecilia Bertoni
round midnight / ritratti
video installazione

Inaugurazione 25 marzo 2017 – ore 18.00
Fino al 25 giugno 2017

ideazione e regia di Cecilia Bertoni
paesaggio sonoro Carl G. Beukman
performer Olivier Boréel, Eleonora Chiocchini, Katia Frese, Sara Leghissa, Valerio Sirna
riprese e montaggio video BAM con Cecilia Bertoni
trucco video Giulia Avarello e i performer
allestimento installazione Paolo Morelli, Cipriano Menchini, Alice Mollica
anno di produzione 2016


La video installazione round midnight è un adattamento e uno sviluppo di uno dei video presentati originariamente all’interno dell’omonima performance della regista e artista Cecilia Bertoni, presentata dalla Compagnia Dello Scompiglio nel 2016.
Nei video vediamo i ritratti dei 5 performer. Essi appaiono in un primo momento appena svegli, senza filtri o maschere, ancora in uno stato di inconsapevolezza rispetto al dovere di presentarsi al mondo. Successivamente, sbiancati dai loro tratti, emergono truccati secondo le rappresentazioni delle convenzioni di maschile e femminile, mentre alla fine della narrazione loro stessi scelgono un make up che non li copra o che li renda presentabili, ma che racconti di più su chi sono veramente, oltre la dicotomia. All’interno di questi passaggi ci sono rallentamenti, modifiche strutturali rispetto alla normale concezione del tempo in cui diventa difficile definire ciò che si è e ciò che si diventa. Il visitatore assiste alle immagini in un’atmosfera che vorrebbe eludere il tempo di cronos e farlo sentire a proprio agio, quasi come se il mondo non lo osservasse più e non ci fosse bisogno di adottare un ruolo determinato che risponda alle aspettative che di noi si sono create.

--
L’appuntamento fa parte di Assemblaggi Provvisori, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, con concerti, incontri, installazioni, laboratori, mostre, performance, teatro ragazzi e residenze, incentrati sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere e più specificamente con l’assenza di causalità e coincidenza tra il sesso biologico, il genere (mascolinità–femminilità) e l’orientamento sessuale.

--
Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All'interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all'Azienda Agricola e all'Osteria, opera l'omonima Associazione Culturale. L'Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni, teatro per ragazzi; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone percorsi all‘aperto, lezioni Metodo Feldenkrais ®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE).