Stupinigi tempo primo

Stupinigi - 18/11/2011 : 09/04/2012

Dopo un lungo lavoro di restauro, iniziato negli anni ’80, riapre al pubblico con una mostra Stupinigi, gioiello barocco progettato da Juvarra.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZINA DI CACCIA
  • Indirizzo: Piazza Principe Amedeo n.7 - Stupinigi - Piemonte
  • Quando: dal 18/11/2011 - al 09/04/2012
  • Vernissage: 18/11/2011 ore 12 per la stampa
  • Generi: arte antica, inaugurazione
  • Orari: Tutti i giorni dal lunedì alla domenica comprese le festività ad eccezione di 24 -25 dicembre 2011. Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17,00 (ultima partenza) – visite guidate con partenza di gruppi ogni 30 minuti; Sabato, domenica e festivi dalle 10,00 alle 17,15 (ultima partenza) – visite guidate con partenza di gruppi ogni 15 minuti Occorre presentarsi in biglietteria mezz’ora prima della visita. La biglietteria chiude mezz’ora prima rispetto agli orari indicati.
  • Biglietti: Intero 12,00 euro; Ridotto 8,00 euro (over 65, ragazzi e giovani da 12 a 26 anni) e gruppi di almeno 15 persone; Ridotto scuole 5,00 euro (almeno 20 studenti accompagnati da un docente)
  • Sito web: http://www.piemonteitalia.eu

Comunicato stampa

Dal 19 novembre 2011 la Palazzina di Caccia di Stupinigi riapre al pubblico con uno straordinario percorso di visita. La mostra “Stupinigi tempo primo. Tesori ritrovati” illustra gli interventi di restauro del complesso di Stupinigi, dal 1997 Patrimonio dell’Umanità Unesco insieme alle altre Residenze sabaude, ma ormai chiuso al pubblico dal 2006.



PRENOTA LA VISITA



Il percorso di visita prende avvio dalla Corte d’onore dove sono stati ripristinati i parterre verdi tracciati sugli assi delle Rotte di Caccia.
Nell’atrio si propone la storia mauriziana del luogo

Si prosegue nella Scuderia juvarriana, con il Cervo del Ladatte, ornamento originale della cupola, e, alle pareti, i 12 Medaglioni lignei con effigi tratte dalla Genealogia Sabauda. Di qui, nella Biblioteca alfieriana con primi arredi, nella Galleria di Levante con i Trofei del Collino, nella Sala degli Scudieri con le Cacce di Corte del Cignaroli. Si fa ingresso cosi' nel Salone centrale, affrescato dai fratelli Valeriani sul tema delle Storie di Diana, dea della caccia, con le splendide appliques, i paracamini e il monumentale lampadario: fulcro dell'edificio, dal quale si diparte l'intera sistemazione architettonica del territorio.
La visita si completa nell'Appartamento di Levante, detto dei Duchi di Chiablese, secondo un percorso cerimoniale che parte dall’Atrio e dalla Camera di Parata, attraverso salotti, camere da letto e studioli, per finire nella Camera da Gioco. Tutte le sale, interamente restaurate nelle splendenti decorazioni ad affresco, con stucchi, tappezzerie originali in seta e in carta dipinta, espongono gli arredi e i mobili preziosissimi, opera dei grandi ebanisti piemontesi quali Piffetti e Bonzanigo.