Stefano Arienti

Noviglio - 04/11/2015 : 30/04/2016

Kartellmuseo, completamente rinnovato in occasione del suo 15° anniversario, mette in mostra 65 anni di storia dell’azienda e accoglie un’installazione dell’artista Stefano Arienti.

Informazioni

  • Luogo: KARTELLMUSEO
  • Indirizzo: Via delle Industre, 3 20082 - Noviglio - Lombardia
  • Quando: dal 04/11/2015 - al 30/04/2016
  • Vernissage: 04/11/2015
  • Autori: Stefano Arienti
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento, inaugurazione
  • Orari: Ogni mercoledì è a disposizione dei visitatori un servizio navetta gratuito dal negozio Kartell di Milano (via Filippo Turati angolo via Carlo Porta), con partenza alle ore 14.30. Dopo la visita guidata gratuita, il rientro a Milano è previsto alle ore 17.30. Il servizio è disponibile tutti i mercoledì, dal 4 novembre 2015 al 27 aprile 2016. Prenotazione obbligatoria entro il lunedì precedente l’evento.

Comunicato stampa

Kartellmuseo, completamente rinnovato in occasione del suo 15° anniversario, mette in mostra 65 anni di storia dell’azienda e accoglie un’installazione dell’artista Stefano Arienti. La mostra sarà aperta al pubblico, previa prenotazione, fino al 30/04/2016.

Kartellmuseo è stato fondato nel 1999 e raccoglie circa 1.000 oggetti prodotti dall’azienda dal 1949 ad oggi. La collezione è arricchita dall’installazione “Fra gli alberi” di Stefano Arienti, realizzata appositamente per lo spazio espositivo


Tre pannelli larghi da 3,5 a 5 metri e alti 9, costituiti da teli antipolvere da ponteggio cuciti a macchina su cui l’artista ha tratteggiato con inchiostro color oro alberi stilizzati ai cui piedi, in scala 1:1, sono raffigurati alcuni oggetti Kartell, come le sedute La Marie, Louis Ghost, Bubble Club, la lampada Bourgie e gli sgabelli Gnomes.
Il disegno dell’artista e l’oro della vernice nobilitano un materiale grezzo, industriale, che acquisisce così nuove valenze estetiche.

“Un' opera realizzata espressamente per un interno, un giardino abitabile con alberi quasi in grandezza naturale, disegnato in oro su teli leggeri che scendono dal soffitto del cavedio del museo Kartell, tra gli alberi, alcuni oggetti che si riesce a riconoscere fra i più noti della produzione Kartell”. Stefano Arienti