Start Living Again (SLA) #3

Solza - 23/06/2012 : 22/07/2012

Terza tappa della mostra fotografica a favore dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA Onlus), promossa dal Circolo di Cultura fotografica e sostenuta da Fondazione Bracco.

Informazioni

  • Luogo: CASTELLO COLLEONI
  • Indirizzo: Piazza Bartolomeo Colleoni, 2 - Solza - Lombardia
  • Quando: dal 23/06/2012 - al 22/07/2012
  • Vernissage: 23/06/2012 ore 19.30
  • Curatori: Giulia Minetti
  • Generi: fotografia, collettiva
  • Orari: tutti i giorni: dalle ore 9 alle ore 18 5, 14, e 19 luglio e dalle 9 alle 24
  • Biglietti: ingresso libero
  • Sito web: http://www.aisla.it

Comunicato stampa

Apre il 23 giugno presso il Castello Colleoni di Solza (Bg) la terza tappa della mostra fotografica a favore dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA Onlus), promossa dal Circolo di Cultura fotografica e sostenuta da Fondazione Bracco.

Con l’acquisto delle immagini e del catalogo dell’esposizione sarà possibile sostenere la ricerca contro la SLA



Milano, 18 giugno 2012 - “Start Living Again (SLA)” è il titolo della mostra fotografica che verrà aperta il prossimo 23 giugno alle 19.30 a Solza (BG) presso il Centro Castello Colleoni, che ha concesso gratuitamente gli spazi, e con il sostegno di Fondazione Bracco. Non sarà solo un momento dedicato agli amanti della fotografia: acquistando il catalogo e le fotografie esposte nella rassegna, infatti, sarà possibile finanziare la ricerca scientifica di AISLA Onlus.
La mostra, il cui titolo “gioca” con l’acronimo della malattia (SLA), proseguirà sino al 22 luglio.


Sono cinquantacinque gli scatti realizzati da altrettanti fotografi italiani ed europei che raccontano il “movimento” attraverso scorci di vita quotidiana, passi di danza, acrobazie sportive, suggestioni della natura. In bianco e nero e a colori, le foto saranno esposte nei suggestivi Spazi del Castello Colleoni di Solza.
L’iniziativa nasce dalla volontà del “Circolo di cultura fotografica” di sostenere l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, in particolare grazie all’incontro con Osvaldo Pieroni, uno dei soci fondatori del circolo nazionale, fotografo e professore ordinario di sociologia dell'ambiente presso l'Università della Calabria, affetto da Sclerosi Laterale Amiotrofica da due anni.
Tra le immagini esposte vi è anche una sua fotografia.

Emanuele Minetti, uno dei soci fondatori del “Circolo di Cultura Fotografica”, racconta come è nata l’idea del progetto: ”Da laboratorio virtuale di riflessioni e contributi culturali, in breve tempo siamo diventati un luogo di promozione di iniziative sempre più concrete a favore di chi ha bisogno. Con Start Living Again abbiamo scelto di sostenere la ricerca scientifica sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica attraverso la collaborazione con Aisla.”

La SLA è una malattia neurodegenerativa dell’età adulta, di cui non si conoscono le cause e per cui non esiste ancora guarigione. Questa patologia comporta la perdita progressiva dei motoneuroni, i neuroni deputati a controllare direttamente o indirettamente i muscoli e il loro movimento. In pochi anni la SLA causa una compromissione delle funzioni motorie, fino ad arrivare al coinvolgimento di quelle vitali: deglutizione, fonazione e respirazione.

Le informazioni per l’acquisto del catalogo e delle fotografie esposte nella rassegna sono disponibili sul sito di AISLA Onlus www.aisla.it






Cultura Fotografica, di fronte alla malattia che ha colpito uno dei propri membri, decide di “muoversi insieme per chi non può più muoversi” e contribuire alla raccolta di fondi per la ricerca.


Il tema della mostra è “Movimento” e vuole rappresentare una sorta di speranza, una via
d’uscita dall’immobilità che provoca la SLA, un immaginario di fiducia nella prospettiva di uscire da questa malattia.
Movimento del corpo, del respiro, dello “spirito”.
Alberi, vento come alito di vita, mare, acqua, voli d’uccelli - simboli che richiamano la voglia di vivere - figure che danzano, che resistono, che si muovono verso un futuro in cui la ricerca possa offrire finalmente una soluzione ad una malattia
fino ad ora incurabile.
La mostra e il catalogo sono a cura di Sandro Iovine e Giulia Minetti.