Sono soltanto qui e ora?

Milano - 04/12/2019 : 04/01/2020

Mostra collettiva.

Informazioni

  • Luogo: FRANCESCO PANTALEONE ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Via San Rocco 11 - 20135 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 04/12/2019 - al 04/01/2020
  • Vernissage: 04/12/2019 ore 18,30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: martedì - sabato 15.00 - 19.00

Comunicato stampa

Se c’è un senso al sopravvivere al tempo forse è quello che passa attraverso l’arte, allora forse, sono le opere prodotte dalla sensibilità degli artisti, vaticinatori del tempo, a rendere immortale quell’infinitesimale attimo che è il passaggio dell’uomo su questa terra.
L’idea di questa mostra nasce come omaggio ad Attilio Rappa, amico e collezionista che dell’amore per l’arte contemporanea ha fatto il cardine della propria esistenza


Da tempo stavo immaginando di presentare una serie di opere legate dal tema della luce, ma solo adesso spinto dalle emozioni l’ho messa in piedi ed è stato naturale legare questa idea ad Attilio, incoraggiato anche dal lavoro del 2017 di Liliana Moro Sono soltanto qui ed ora? che dà anche il titolo alla mostra, quest’opera è stata per me come una sorta di suggerimento a qualcosa che immaginavo già nella mia testa. (leggi di più)

EN_If surviving the passage of time has any meaning, maybe it is conveyed through art—then, perhaps, it's the works created by sensitive artists, our time prophets, who secure the immortality of that infinitesimal moment that is the journey of man on this earth.
The idea behind ​​this exhibition was to pay tribute to Attilio Rappa, friend and collector, whose love for contemporary art became the fundamental cornerstone of his life.
I have long been thinking about showing a series of works linked by the theme of light, but I managed to set it up only now that I am driven by emotions, and it was natural to relate this idea to Attilio. I was also spurred on by the work Liliana Moro made in 2017, Sono soltanto qui ed ora? (Am I just here and now?), which also gave the title to the exhibition—her work was for me a kind of inspiration for something that I already imagined in my head. (read more)