Sol LeWitt / David Tremlett – Keeping Time

La Morra - 21/09/2019 : 13/10/2019

Mostra Keeping Time immaginata dalla famiglia Ceretto assieme agli eredi dei due artisti.

Informazioni

  • Luogo: EX DISTILLERIA CERETTO
  • Indirizzo: Vigneto Brunate - La Morra - Piemonte
  • Quando: dal 21/09/2019 - al 13/10/2019
  • Vernissage: 21/09/2019 ore 16,30 su invito
  • Autori: Sol LeWitt, David Tremlett
  • Curatori: Guy Robertson, Tony Tremlett
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento, inaugurazione, doppia personale
  • Orari: La mostra rimarrà aperta fino al 13 ottobre, sabato e domenica dalle 15.00 alle 18.00
  • Uffici stampa: STILEMA

Comunicato stampa



La Cappella del Barolo di Sol LeWitt e David Tremlett, uno dei primi e più riconoscibili progetti di recupero e valorizzazione del contesto ambientale delle Langhe con interventi di arte contemporanea internazionale, compie vent’anni.

Costruita nel 1914 come riparo da temporali e grandinate per chi lavorava nelle vigne circostanti e mai consacrata, la Cappella di SS. Madonna delle Grazie fu acquistata dalla famiglia Ceretto nel 1970 assieme a 6 ettari del prestigioso vigneto di Brunate, nel cuore della DOCG del Barolo



Ridotta a rudere dopo anni di abbandono, si è trasformata in uno degli edifici più famosi del territorio, la Cappella del Barolo, grazie alla famiglia Ceretto che nel 1999 ne ha affidato una reinterpretazione in chiave modernista al genio degli artisti Sol LeWitt e David Tremlett.

La scintilla creativa è scaturita all’improvviso davanti a un bicchiere di Barolo e alla maestosità del paesaggio. Agli artisti è subito piaciuta l’idea di recuperare l’edificio in rovina in una divisione spontanea degli interventi: all’esterno forme geometriche in colori acidi e forti disegnate dall’americano Sol LeWitt, maestro dell’arte concettuale; all’interno grandi campiture in tinte morbide, stese con il palmo della mano dall’inglese David Tremlett, anche autore dei riflessi acquei del pavimento marmoreo.



“Non lo penso come chiesa, e neppure come edificio, quadro oppure scultura. Lo penso come oggetto, un'opera d'arte, per la quale usare il colore.”

Sol LeWitt – settembre 1999 Il giornale dell'arte



“Abbiamo voluto accendere un fuoco sulla collina.”

David Tremlett – settembre 1999 La Stampa



Per celebrare l’anniversario, molti gli eventi in programma nell’autunno, tra cui una Camminata organizzata con Torino Spiritualità e dedicata ai colori della Cappella con una lezione di Riccardo Falcinelli (sabato 14 settembre - [email protected]) e la mostra “Keeping Time” immaginata dalla famiglia Ceretto assieme agli eredi dei due artisti e curata da Guy Robertson (direttore Maheler - LeWitt Studios) e Tony Tremlett, figlio di David Tremlett (inaugurazione sabato 21 settembre - [email protected]). Per la prima volta lo scenario delle vigne delle Brunate ospiterà una mostra d’arte che sarà allestita negli spazi dell'ex distilleria Ceretto intorno alla Cappella del Barolo. L’anniversario è anche occasione di racconto grazie ad un libro, edito da Corraini, che raccoglie documenti inediti e ripercorre la storia e l’evoluzione del progetto che ha portato al felice legame tra le Langhe e l’arte.



Ceretto e l’arte

Nella morbidezza del paesaggio langarolo le cantine Ceretto spiccano con le loro linee architettoniche in cui il design moderno si sovrappone con naturalezza alle geometrie del paesaggio integrandosi armoniosamente con lo stile costruttivo del luogo. Un’inedita scelta estetica che rivela il forte legame con l’arte contemporanea e l’architettura moderna emerso fin dagli anni ’80, e divenuto, con il nuovo millennio e l’entrata in azienda della terza generazione, un inconfondibile segno distintivo.

Architetti, artisti e designer di fama mondiale sono periodicamente coinvolti in variegati progetti, tra i quali oltre alla ristrutturazione della Cappella del Barolo (1999) ad opera di Sol LeWitt e David Tremlett, dobbiamo citare il Cubo, a Castiglione Falletto, una struttura trasparente che sovrasta il paesaggio vitato della DOCG del Barolo e lo scenografico Acino presso la tenuta Monsordo Bernardina, una piattaforma sospesa sul declivio che dà all’osservatore la sensazione di fluttuare al di sopra delle colline; da non dimenticare il fascino de La casa dell’artista (2010), tra i filari di vite della tenuta Monsordo Bernardina, un loft realizzato dal recupero di un vecchio casolare, che ha ospitato artisti come Kiki Smith, James Brown, Francesco Clemente, Miquel Barcelò e Gary Hume, e al cui interno trova spazio il letto a baldacchino creato dall’artista Anselm Kiefer, e ancora il cancello/scultura ideato dall’artista Valerio Berruti per proteggere il vigneto di Bricco Rocche a Castiglione Falletto o le opere di Kiki Smith e Francesco Clemente ospitate nei due ristoranti di famiglia La Piola e Piazza Duomo, casa del cuoco tristellato Enrico Crippa.

Molte le mostre di arte contemporanea realizzate grazie ai prestiti provenienti da collezionisti, istituzioni o artisti e organizzate dalla famiglia Ceretto. Gli allestimenti, tutti curati da Bill Katz, sono stati: “10 Artisti per Steven”, un’esposizione in onore dell’architetto americano Steven Shailer con opere di Simrel Achenbach, Donald Baecheler, James Brown, Francesco Clemente, Lynn Davis, Renate Graf, Juan Hamilton, Robert Indiana, Marina Karella, Anselm Kiefer, Tom Levine, Andrew Lord, Thomas Nozkowski, Kiki Smith, Philip Taaffe, Terry Winters e Zachary Wollard (2010); “Americans”, collettiva con i lavori di Jasper Johns, Julian Lethbridge, Ed Ruscha, Kiki Smith e Terry Winters (2012); “Rivers” con opere di Ellsworth Kelly (2013); “Der Rhein” (il Reno), esposizione di otto grandi tele intitolate realizzate da Anselm Kiefer (2014); “Mary Magdalene”, tre grandi sculture di Kiki Smith (2015); “After Omeros”, personale di Francesco Clemente (2016); “Holding the Milk”, la video-installazione di Marina Abramović (2017); “Lynn Davis & Patti Smith. Conspiracy of Word and Image” con la presenza di Lynn Davis e Patti Smith (2018) .

Ceretto e l’arte: 20 anni della Cappella di Sol LeWitt e...

Il prossimo 21 settembre si celebra il ventennale della Cappella del Barolo che segna l’inizio dell’avventura nell’arte contemporanea della famiglia di produttori di vino. Con una mostra dei due artisti in vigna