Smalltown boy

Bologna - 12/12/2013 : 15/01/2014

Il titolo della mostra vuole ricordare il video omonimo dei Bronski Beat del 1984, in cui un ragazzo è costretto ad abbandonare il suo paese natale per andare a vivere la sua omosessualità nella grande città.

Informazioni

Comunicato stampa

Il titolo della mostra vuole ricordare il video omonimo dei Bronski Beat del 1984, in cui un ragazzo è costretto ad abbandonare il suo paese natale per andare a vivere la sua omosessualità nella grande città. Bologna non è un vero e proprio paese, ma neanche una grande città, ed alle volte il suo atteggiamento provinciale [che, beninteso, può avere sia un'accezione negativa che positiva] fa sì che vengano costruiti muri di incomprensione che dividono varie sfaccettature del territorio


La mostra vuole indirizzare questo aspetto del luogo che ci circonda, raccontando i vari mondi degli artisti partecipanti, e nel frattempo essere un momento di ritrovo per gli artisti della città prima delle vacanze invernali.
Alex Meszmer & Reto Müller, Ann Craven, Annalisa Cattani, Bruno Mangiaterra, Chiara Pergola, Claudio Serrapica, Collectif Indigene (Andreanne Oberson et Jean-Marie Reynier), Daniela Spagna Musso, Davide Bonazzi, Dragoni Russo, Eduardo Herrera, Elena Grossi, Elena Hamerski, Elio Marchegiani, Enrica Berselli, Ester Grossi, Fabio di Camillo, Fabrizio Rivola, Federica de Ruvo, Franco Armieri, Giancarlo Norese, Gianni Turin, Giovanni Mundula, Javier Mayoral, Katia Morichetti, Man Ray, Mark Staff Brandl, Massimo Gennari, Monica Carrozzoni, Paolo Frascaroli, Patrizia Giambi, Riccardo Lolli, Sabrina Muzi, Sandra Sisofo, Simona Paladino, Simone Rondelet, Stefano W. Pasquini, Stefano Scheda, Stefano Stagni, Stickyboy
Alla ToyWith.it minigallery:
"IL SATURNO MANGIA UNO DEI PROPRI FIGLI"
Mostra personale di Nemanja Cvijanović