Simon Roberts – We English

Torino - 06/02/2013 : 06/03/2013

Simon Roberts è un giovane e promettente fotografo inglese (classe 1974) già vincitore di numerosi premi e con importanti mostre in Musei internazionali.Con il progetto "We English" Simon ritorna ad un progetto "identitario",che segue il precedente "Motherland" (che lo aveva portato in Russia).

Informazioni

  • Luogo: PHOS
  • Indirizzo: Via Giambattista Vico 1 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 06/02/2013 - al 06/03/2013
  • Vernissage: 06/02/2013 ore 18.30
  • Autori: Simon Roberts
  • Generi: fotografia, personale

Comunicato stampa

testo di/ text by Claudio Composti

Simon Roberts è un giovane e promettente fotografo inglese (classe 1974) già vincitore di numerosi premi e con importanti mostre in Musei internazionali.Con il progetto "We English" Simon ritorna ad un progetto "identitario",che segue il precedente "Motherland" (che lo aveva portato in Russia). Però questa volta,davvero, si dedica ad un giro nella sua "Terra Madre", l' Inghilterra. Il senso di appartenenza alla sua cultura viene ricercato nel raccontare,attraverso i suoi scatti, le usanze degli inglesi nel loro tempo libero

In We English si riconosce la britishness, non scevro da un taglio "pittorico",che ricorda le rappresentazioni della collettività borghese a riposo,di gusto tardo ottocentesco, come poteva accadere nel dipinto "La Grande Jatte" (1884) o "La Baignade à Asniére" (1883) di Seurat. Una finestra su un Paese dalle tradizioni forti e salde, che rende evidente il rapporto stretto tra l'Uomo e la Natura in cui vive e prolifica. Una ricerca che fa di Simon Roberts non solo un fotografo, bensì un sofisticato e attento "antropologo visuale",che usa le immagini per parlarci dei rituali sociali degli Inglesi. O forse, dell'Essere umano.

Simon Roberts is a promising young British photographer (born 1974) has already won numerous awards and major exhibitions in international museums.With the project "We English”, Simon returns to a project about identity, which follows the prevoius project "Motherland" (that had brought him to Russia). But this time, really, Simon does a ride in his "Earth Mother" 's, England. The sense of belonging to his culture is looked up in the story, through his shots, the customs of the English in their spare time. In “We English” we recognize a kind of “Britishness”,with a "pictorial cut”, which recalls representations of middle-class communities at rest, of late nineteenth-century taste, as in the Seurat’s paintings "La Grande Jatte" (1884) or "La Baignade à Asnière"(1883).
A country with old and strong traditions, which makes evident the close relationship between Man and Nature in which lives and prolifics. Research that makes Simon Roberts not only a photographer, but a careful and sophisticated "visual anthropologist", which uses images to tell us about social rituals of ENGLISH. Maybe, of the Human Being.