Simbiosi – OpenArt tra natura e storia

Pietraporciana - 07/08/2016 : 25/09/2016

Seconda Edizione della manifestazione “Simbiosi” – OpenArt tra natura e storia - a cura di Anna Cochetti, da un’idea di Ivan Russo - che prosegue il Progetto di Spazio aperto d’arte ambientale presso il Rifugio di Pietraporciana, immerso nella omonima Riserva, inaugurato lo scorso anno.

Informazioni

  • Luogo: PODERE PIETRAPORCIANA
  • Indirizzo: Riserva Naturale Senese Pietraporciana - Pietraporciana - Toscana
  • Quando: dal 07/08/2016 - al 25/09/2016
  • Vernissage: 07/08/2016 dalle h.11.00 alle h.20.00
  • Curatori: Anna Cochetti
  • Generi: arte contemporanea, collettiva

Comunicato stampa

“Simbiosi” – OpenArt tra natura e storia
da un’idea di Ivan Russo
a cura di Anna Cochetti
II EDIZIONE
“Frammenti di libertà: percorsi”

Spazio aperto d’arte ambientale presso il Podere Pietraporciana
Promosso da Circolo Legambiente Chianciano Terme
Con la collaborazione di “Coop

ALMA GEA”
Patrocinio dei Comuni di Chianciano Terme e Sarteano

Domenica 7 Agosto 2016
dalle h.11.00 alle h.20.00

dal 7 Agosto al 25 Settembre 2015

Rifugio di Pietraporciana presso Riserva naturale di Pietraporciana
(Sarteano – Siena, [email protected], 334/8161795)


COMUNICATO STAMPA

Domenica 7 Agosto 2016, dalle ore 11.00 e fino al tramonto, si inaugura la Seconda Edizione della manifestazione “Simbiosi” – OpenArt tra natura e storia - a cura di Anna Cochetti, da un’idea di Ivan Russo - che prosegue il Progetto di Spazio aperto d’arte ambientale presso il Rifugio di Pietraporciana, immerso nella omonima Riserva, inaugurato lo scorso anno.

Promosso dal Circolo Legambiente Chianciano in collaborazione con la Coop. “ALMA GEA”, il Progetto denominato “Simbiosi” – OpenArt tra natura e storia” intende contribuire a diffondere – attraverso la costituzione di uno “spazio aperto d’arte ambientale”, sul modello di altre esperienze già avviate in Italia e all’estero - la conoscenza e la frequentazione della Riserva Naturale di Pietraporciana presso un destinatario, italiano e straniero, attento ai valori naturalistici, paesaggistici e storici di un contesto ambientale speciale, qual è quello costituito dalla Riserva Naturale.

A partire dai caratteri fondamentali della storia e della morfologia dei luoghi – che ne fanno un “bene culturale” specifico, sia dal punto di vista territoriale, in tutte le sue articolazioni, che da quello memoriale – il Progetto “SIMBIOSI” – OpenArt tra natura e storia, si configura come un progetto che intende intervenire sugli spazi esterni ed interni del Rifugio di Pietraporciana per realizzare, nel corso di alcuni anni, la costituzione di un Parco d’arte in progress, aperto alla libera fruizione dei visitatori.

La filosofia che ispira il Progetto generale è la relazione instaurata dagli artisti con la Riserva di Pietraporciana, finalizzata alla ideazione e installazione di lavori in situ, realizzati con materiali naturali e ispirati ad uno dei temi che alimentano il genius loci, che vanno dalla persistenza di ere geologiche remote (come nella faggeta) alle leggende locali, alle vicende storiche più recenti (la proprietà Origo, la guerra partigiana), passando, attraverso la storia del paesaggio agrario, fino al tema attuale dell’accoglienza e dell’educazione ambientale ed ecosostenibile, che è al tempo stesso, educazione alla cittadinanza, attraverso la bellezza e la libertà. E accanto agli interventi d’arte ambientale, il Progetto si avvarrà, per ogni edizione, dell’apporto di opere – dipinti, disegni, fotografie, video, sculture, installazioni – da collocare temporaneamente negli spazi chiusi e aperti del Rifugio Pietraporciana, nonché di performance di artisti attinenti il tema.

La Seconda Edizione sceglie quest’anno un percorso tematico specifico incardinato su quei “Frammenti di libertà” che, muovendo dal pretesto fornito dalla storia popolare della scelta di rinuncia alle armi e alla guerra fatta dal Crociato che qui volle farsi eremita col nome di “Il Bruco”, passando per la lotta di libertà partigiana, giunge alla ricerca di libertà di migranti e fuggitivi, di donne ed uomini cittadini del mondo, fino ad approdare ad una più ampia riflessione – anche sotto forma di provocazione – su che cosa significhino oggi, dal punto di vista semantico e valoriale – il concetto e la parola “LIBERTA’”.


Intervengono gli Artisti:
Lamberto Pignotti, Lucilla Ragni, Stefania Fabrizi, Nello Teodori, Paolo Scotti,
Marco Tronci Lepagier, Andrea Cresti, Andrea Liberni, Gilles Cuomo, Olivier Paravel.
Dominique Paravel, Graziella Reggio, Michiel Blumhental, Luce Delhove, Elizabeth Frolet,
Ugo Piccioni, Maziar Mokhtari, Cosimo Valsecchi, Paola Caso.
“Bâtons sacrés”: Beatrice Bartolozzi, Toni Bellucci, Paolo Biagioli, Alessio Biagiotti,
Silvia Bistacchia, Mario Boldrini, Marino Ficola, Luca Leandri, Giada Mazzini,
Miriam Montani, Angelica Romeo, Francesco Ruggiani

Azione scenica:
“LA FUGA”
testi tratti da "Guerra in Val d'Orcia", di Iris Origo
con Claudio Borgoni

Il Catalogo sarà presentato Domenica 25 Settembre 2015, in occasione della chiusura della Seconda Edizione.