Silvio Porzionato – Codice Temporale

Calatabiano - 21/07/2013 : 21/08/2013

112 tele create appositamente dall’artista che è rimasto così colpito e suggestionato da questo luogo millenario, tanto da volerlo “vestire” con una mostra il cui tema è il tempo inteso cronologicamente e percepito dall’uomo nell’unico modo reale, cioè attraverso il suo scorrere fisico, lo scorrere del tempo sull’uomo”.

Informazioni

  • Luogo: CASTELLO DI CALATABIANO
  • Indirizzo: Via Alcantara 142 - Calatabiano - Sicilia
  • Quando: dal 21/07/2013 - al 21/08/2013
  • Vernissage: 21/07/2013 ore 21
  • Autori: Silvio Porzionato
  • Curatori: Alberto Agazzani
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 22:00. Orario continuato.
  • Biglietti: Intero: € 5,00 - Ridotto: € 3,00 (tra 6 e 18 anni ed oltre 65 anni) + € 2,00 ascensore; gratuito (bambini sotto i 6 anni; diversamente abile)

Comunicato stampa

Domenica 21.07.2013, alle ore 21, nell’incantevole cornice del Castello di Calatabiano, a cura del MacS (Museo Arte Contemporanea Sicilia) si terrà il vernissage della mostra intitolata “Codice Temporale” di Silvio Porzionato. Saranno presenti: il Direttore del MacS, Giuseppina Napoli, il curatore del museo Alberto Agazzani e l'artista, Silvio Porzionato



Giuseppina Napoli (Direttore MacS) - “In linea con la filosofia del MacS che intende perseguire un’unione tra passato e presente, tra antico e contemporaneo, in un dialogo con la storia dell’arte di tutti i tempi, abbiamo scelto di portare la personale “Codice Temporale” di Silvio Porzionato, talentuoso artista piemontese, in un luogo che unisce in sé tempo e memoria e che è il sito perfetto per apprezzare le straordinarie opere di questo artista che restituiscono visivamente il tempo dell’uomo. Il Castello di Calatabiano è infatti un sito storico tra i più importanti e suggestivi della Sicilia Orientale che, dopo un’imponente opera di restauro e innovazione tecnologica è oggi visitabile e frequentato da 40/50.000 visitatori l’anno che lì ritrovano la storia della civiltà e dei popoli del Mediterraneo. Nelle sale del Castello verrà ospitata la personale “Codice temporale” che è un’istallazione contemporanea-figurativa; si tratta di 112 tele create appositamente dall’artista che è rimasto così colpito e suggestionato da questo luogo millenario, tanto da volerlo “vestire” con una mostra il cui tema è il tempo inteso cronologicamente e percepito dall’uomo nell’unico modo reale, cioè attraverso il suo scorrere fisico, lo scorrere del tempo sull’uomo”.

Alberto Agazzani (Curatore d’arte MacS) – “Il concetto di tempo così come l'arte stessa sono invenzioni e prerogative tutte e solo umane, strettamente legate fra di loro. È infatti anche per vincere la misteriosa fatalità del tempo ed il vuoto che esso provoca che i nostri antenati inventarono l'arte, ossia un “mezzo” in grado di donare immortalità alla memoria di coloro divorati dall'insaziabile e ineluttabile voracità di Chronos. Il ritratto, dunque, sin dalla sua origine sacra, quel velo della Veronica modello di ogni icona ortodossa, nasce per riempire il vuoto che l'oblio del tempo provoca, tramandando una memoria oltre e attraverso il tempo stesso, così tentando di vincerne il terribile, fatale oblio. Nel Castello di Calatabiano, luogo nel quale millenni di storia trovano forma e sostanza, Silvio Porzionato, ritrattista infallibile e come tale fine psicologo, lancia la nuova, inedita sfida a Chronos attraverso un'installazione composta da oltre cento ritratti, ognuno dedicato ad ogni anno di una ideale vita: una galleria sterminata di “specchi di Chronos” resa ancor più suggestiva dalla severità delle mura millenarie del castello. Significativo e concettualmente centrale risulta la circostanza per la quale i soggetti di questi ritratti appartengono ad una normale e qualunque quotidianità, scelta che trasforma ogni tela in una sorta di ideale specchio attraverso il quale osservare lo scorrere del tempo sul volto e nell'anima di ognuno di noi, cogliendo in maniera vivida, profonda e psicologicamente sottile, come solo la pittura può compiere, quell'inquietudine o serenità fuggente e sfuggente sottesa fra un attimo “che non è più” ed uno “che non è ancora”. Attimi di cosciente consapevolezza che nel loro insieme trasformano ognuno dei nostri volti (e quindi delle nostre vite) in simulacri di storie in costante divenire, uniche ed irripetibili”.

Biografia Silvio Porzionato, nasce a Moncalieri (TO) il 06 Giugno del 1971. È un pittore figurativo che predilige la pittura ad olio ed acrilico su tele di grandi dimensioni, concentrandosi prevalentemente sull’uso cromatico del bianco e nero e su vari toni di grigio, raccontando in pittura le sue personalissime riflessioni sull’uomo e, inevitabilmente, sul fluire del tempo. Dopo un diploma di maturità artistica, si occupa per un decennio di design per un’importante azienda torinese. Decide poi di ricominciare una nuova vita nel silenzio della terra del Roero (CN), in intimo contatto con la natura e con l’arte. La sua attività espositiva ha inizio nel 2007, anno in cui è selezionato al “Premio Arte Mondadori”. Nel 2010 vince il premio della critica a “Saluzzo Arte” e realizza un'opera permanente per il Museo d'Arte Urbana di Torino. Prende successivamente parte a numerose mostre collettive e personali. Nel 2011 è selezionato per la 54. Biennale di Venezia, esponendo sia all'interno del Padiglione regionale che del Padiglione Italia a Torino, Sala Nervi. Recentemente ha scelto di spostarsi nella sua nuova casa-studio a Pancalieri (TO), dove dipinge tuttora.