Silvia Levenson – Wonderland

Bolzano - 19/09/2014 : 04/11/2014

La parola Wonderland si fa immagine ed invita ad entrare nel paese delle meraviglie che l'artista argentina, Silvia Levenson, ha concepito per la mostra alla galleria Antonella Cattani contemporary art.

Informazioni

  • Luogo: ANTONELLA CATTANI - CONTEMPORARY ART
  • Indirizzo: Rosengartenstrasse 1a - Bolzano - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 19/09/2014 - al 04/11/2014
  • Vernissage: 19/09/2014 ore 18,30
  • Autori: Silvia Levenson
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Ma Di - Ve Fr 10.00 - 12.30 16.00 - 19.30 Sab Sam 10.00 - 12.30

Comunicato stampa

La parola Wonderland si fa immagine ed invita ad entrare nel paese delle meraviglie che l'artista argentina, Silvia Levenson, ha concepito per la mostra alla galleria Antonella Cattani contemporary art.
Attraverso installazioni ed oggetti, principalmente riferiti al mondo dell' infanzia, Levenson mette in atto una strategia narrativa che ha per obiettivo quello di ricercare la sensazione di meraviglia, quel sense of wonder che è al tempo stesso una reazione emotiva da parte di chi guarda



Le allusioni simboliche, contenute nei lavori, si rivelano a partire dalla scelta del materiale impiegato - il vetro - che, con la sua "magica" trasparenza, può rappresentare una forma illusionistica per guardare oltre...
Anche nel caso dell'installazione Wonderland - è la miriade di foglioline, realizzate in vetro e sospese fra i fili di ferro, che ne disegnano la scritta, a conferire un senso di fragilità e straneamento.
La ricerca espressiva e formale di Silvia Levenson, oggi internazionalmente apprezzata e riconosciuta, si sviluppa dal 1990, proprio nell'ambito della scultura in vetro.
Agli esiti di questo studio appartengono le sofisticate vetro-fusioni realizzate per l'occasione ed allestite a parete. In alcuni di questi lavori la narrazione si fa più intima e individuale poichè contengono effettivamente anche delle storie di vita.
L'artista attinge dai ricordi di infanzia - gli anni vissuti in Argentina sotto la dittatura di Jorge Rafaèl Videla - e utilizza una serie di foto che la ritraggono insieme alla sorella, sostituendo i loro volti con le teste di animali come cervi, agnelli, lupi; una scelta questa, destabilizzante di una realtà che forse vuole farsi fiaba.

Credo che l'infanzia faccia parte di un mondo misterioso dove tutto è possibile, nel bene e nel male, afferma Silvia Levenson.
Celebrata dall'arte, imparentata con l'estetica dell'artista come maschera o cifra del suo immaginario, l'infanzia che guardiamo, abita da molti secoli il cerchio invisibile della realtà e ne conserva una chiave segreta che, per questa mostra, l'artista ha inteso affidare alle sue Strange Little Girls.
Le bambine ibride che abitano Wonderland, sculture in vetro -fusione a cera persa-, indossano indumenti cuciti a mano, bianco-candido; tutto in loro concorre ad affermare quel carattere di innocenza che l'artista intende contrapporre all' alienante sapienza tecnologica della nostra società.
Anche in questo caso osserviamo come la relazione tra arte ed infanzia, nella storia, prevalentemente iconografica, abbia guadagnato con il contemporaneo, un'altra dimensione. Sempre più spesso accade di confrontarci con opere che sottolineano la fragilità del mondo infantile, quando in realtà sono intese ad evidenziare la fragilità stessa dell'essere umano.
Ne sono esempio anche la stanza per l'infanzia, realizzata da Andy Warhol per mettere in discussione la società degli adulti e criticarne i comportamenti, come pure l'ambigua culla in vetro di Mona Hatoum, senza dimenticare poi i volti dei bambini di Arnulf Rainer, dai tratti cancellati e reinventati o quelli di Marlene Dumas.
Nella mostra che si inaugura venerdì 19 settembre alle ore 18.30, Silvia Levenson considera infine l'aspetto ludico e lo trasforma in una installazione che ne conclude il percorso. She flew away è un lavoro composto da una altalena in vetro, finemente istoriato, ed un paio di scarpette che, posizionate a terra, evocano una recente presenza.



SILVIA LEVENSON è nata a Buenos Aires nel 1957. Dal 1981 vive e lavora in Italia a Lesa (NO) e in Argentina a Buenos Aires.
Ha esposto in istituzioni come il Museum of Fine Arts di Houston, il New Mexico Museum of Art di Santa Fè, la Fondazione Alexander Tutsek-Stiftung di Monaco, il Corning Museum of Glass di Corning NY, il Museo Castello del Buonconsiglio, Trento.
Del 2014 sono le mostre al David Owsley Museum of Art, Ball State University e al Ebeltoft Glass Museum, Denmark. Tra le personali e partecipazioni nel 2013 - 2014:
The secret order, Bullseye Gallery,. Portland (OR) USA | Identidad Desaparecida,muestra en el marco del Congreso Jurisdiccion Universal en el Siglo XXI Teatro Goya, Madrid | Life Strategies David Richard Gallery, Santa Fé, Usa | Not Neutral , Lorch-Seidel Gallery, Berlin I feel in balance, Project room at Fondazione Durini, Milano.| From_&_t(w)o, Kunst Meran, Italy | Greffè/Griffè, Biennale Nationale de Sculpture Contemporaine, Trois Rivieres, Canada. |
In the name of love, Alexander Tutsek-Stiftung Koln, Germany.