Silva Cavalli Felci – Intrecci

Bergamo - 17/06/2014 : 09/07/2014

Negli ultimi anni la ricerca della Felci si è orientata, infatti, verso una meticolosa operazione di epurazione della materia che restituisce forza primigenia a forme elementari e totemiche.

Informazioni

  • Luogo: EX CHIESA DELLA MADDALENA
  • Indirizzo: via Sant’Alessandro 39/b - Bergamo - Lombardia
  • Quando: dal 17/06/2014 - al 09/07/2014
  • Vernissage: 17/06/2014 ore 19
  • Autori: Silva Cavalli Felci
  • Curatori: Paola Tognon
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: sabato 16.00 – 20.00, domenica 11.00 – 20.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

L’ex Chiesa della Maddalena a Bergamo accoglie, dal 17 giugno al 9 luglio, la personale di Silva Cavalli Felci (Bellinzona, 1935): un “intreccio”, come sottolinea il titolo, di cicli, titoli, date e collaborazioni artistiche, frutto di una riflessione sensibile che, partendo dalla coscienza del sé e del circostante, dalla storia e dalla complessità concettuale della realtà, ha dato vita a dei lavori caratterizzati da un affascinante, quanto inscindibile, binomio di sintesi e immediatezza

Negli ultimi anni la ricerca della Felci si è orientata, infatti, verso una meticolosa operazione di epurazione della materia che restituisce forza primigenia a forme elementari e totemiche. Moderni feticci – realizzati con schiume poliuretaniche, specchi e acciaio inox – in cui si aprono onde, scalfitture e tagli che accentuano gli aspetti dimensionali e simbolici della sua poetica. Accanto ad alcune sculture, realizzate dal 2008 al 2012 (Onda nera, Bitonale, Ascesa, Divergenza, Sesamo bianco), e a quattro installazioni site specific, saranno presenti in mostra una serie di carte del 2013 e i libretti realizzati in stretta collaborazione con scrittori e poeti. Chiude questo piccolo excursus – inteso come sintesi di un percorso terapeutico di condivisione e di un processo di collaborazione tra esperienze autoriali – “La vita è insufficiente”, un volume monografico curato da Paola Tognon che, dagli anni Settanta a oggi, ripercorre un eclettico cammino artistico e biografico.
Due serate, durante il periodo della mostra, saranno dedicate a momenti di riflessione e confronto legati ai progetti della Fondazione Emila Bosis (nata nel 1998, dopo la chiusura dei manicomi, che si occupa della riabilitazione e della risocializzazione di persone con disagio psichico) e alla Sandplay Therapy.

Note biografiche: Silva Cavalli Felci nasce nel 1935 a Bellinzona in Svizzera. Dopo le scuole superiori trascorre un biennio a Londra e frequenta alla St. Martin’s School of Art il corso di disegno e stage design. Nel 1969 conclude gli studi presso l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo. Accanto al percorso artistico, dal 1997 conduce laboratori di attività espressive, attenti all’indagine e alla voce del disagio. Vive e lavora a Bergamo e a Manerba del Garda. www.silvacavallifelci.com