Savana Club#1 propone la suggestionante performance audiovisuale dal vivo dei Demdike Stare, progetto “occulto” di due insaziabili collezionisti di vinili e vecchi film del Lancashire, con il loro ricercatissimo e mutante percorso acustico accompagnato da immagini noir d’archivio.

Informazioni

  • Luogo: BUKA
  • Indirizzo: via Padova 272 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 09/03/2013 - al 09/03/2013
  • Vernissage: 09/03/2013 ore 21
  • Generi: performance – happening, serata – evento, new media
  • Biglietti: 12 euro
  • Sito web: http://svnsvn.tumblr.com
  • Email: svn@neoma.net

Comunicato stampa

S/V/N/ NUOVI SUONI DALLA SAVANA URBANA + BUKA RE-OPENING
presentano
SAVANA CLUB #1
Sabato 9 marzo 2013 dalle ore 21:00
Buka Milano // Ex Casa discografica CGD abbandonata // via Quintiliano 40

DEMDIKE STARE (UK / MODERN LOVE)
HDADD (IT / QUEENSPECTRA)
DJ PETE AKA SUBSTANCE (GER / HARDWAX)


BUKA è un club fuoriluogo e temporaneo nato negli spazi dimenticati dell'ex casa discografica CGD di Milano. Una volta al mese, uno degli edifici simbolo della storia della musica in Italia si trasforma per ospitare live e dj set di massima attualità


S/V/N/ (Savana) è una rassegna musicale e artistica di ricerca e intrattenimento che conduce nei nuovi suoni e reinterpreta gli spazi urbani più suggestivi del territorio.

Sabato 9 marzo, in occasione della riapertura di BUKA, la collaborazione tra S/V/N/ e BUKA riparte e si consolida con il primo appuntamento di Savana Club nella ex casa discografica CGD, là dove lo scorso 15 dicembre aveva lasciato il segno Savana Underground. Non un evento singolo, ma il primo di una serie a cadenza periodica curata da S/V/N/ che ha trovato ospitalità tra le mura di BUKA, in nome della passione comune per la migliore musica da club unita a performance live di spessore internazionale.

A ogni Savana Club, dunque, la Sala 1 – meglio nota come “il salotto volante” per l’antico sfarzo che ancora trasuda dal velluto rosso del teatrino circolare – verrà rivitalizzata dalla proposta artistica di Savana e dal servizio drink & food offerto da Erreci Studios. La Sala 2 – ribatezzata “il circolo del nonsenso” per i suoi dettagli barocchi e i laserdisc sulle pareti – sarà invece nelle mani dei padroni di casa, Annibale, Saltalamacchia e Discontinuo.

Se la formula cambia, la sostanza rimane. Il 9 marzo Savana Club#1 propone la suggestionante performance audiovisuale dal vivo dei Demdike Stare, progetto “occulto” di due insaziabili collezionisti di vinili e vecchi film del Lancashire, con il loro ricercatissimo e mutante percorso acustico accompagnato da immagini noir d’archivio. In apertura, lo show audiovisuale in anteprima del produttore italiano HDADD, a tema retrofuturismo. A seguire, tre ore di set con DJ Pete, uno dei pionieri della scena dance underground di Berlino in grado di scrivere la storia della capitale tedesca come remixer, produttore e dj internazionale.

Dalle 21:00 presso Buka - Ex Casa discografica CGD abbandonata - via Quintiliano 40 - Milano http://www.buka.uk.net/. Prezzo di ingresso: 12 euro

Programma

sala 1: Savana Club #1
21:00 Modz Wayne (Neoma) // warm up dj set
22:00 HDADD (IT) première audio-visual live show
22:30 Demdike Stare (UK) audio-visual live show
00:00 DJ Pete aka Substance (GER) 3-hours dj set

sala 2: Il Circolo Del Nonsenso


More info http://svnsvn.tumblr.com - [email protected]

Contatti
Ufficio stampa S/V/N/ - Gaetano Scippa - [email protected] - 335 6858609

In collaborazione con Neoma, Basemental, Opposticoncordi, Erreci Studios


Note sugli artisti

Demdike Stare http://www.modern-love.co.uk/artists/demdike-stare
Il nome deriva dalla vera storia di Elizabeth Southerns, meglio conosciuta come Demdike, che nel XVII secolo era a capo delle streghe di Pendle Hill nel Lancashire. Accusata di tre omicidi, la donna morì in carcere nel 1622 prima di arrivare al processo. Dal 2009, Demdike Stare è il progetto audiovisuale occulto di due insaziabili collezionisti di vinili e vecchi film noir con sede nel nord dell'Inghilterra: Sean Canty, membro della cricca Finders Keepers, e Miles Whittaker, DJ e produttore techno di lunga data (MLZ, Pendle Coven). Attingendo in gran parte da materiale d’archivio in vinile e VHS, il tutto rielaborato da un misterioso hardware analogico, i Demdike Stare sprigionano musica eterea dall'inconscio. Il loro ricercatissimo manto acustico attraversa un labirinto di droni glaciali tanto quanto echi di lussureggiante misticismo orientale senza mai perdere la messa a fuoco, diventando ancora più avvolgente e atmosferico dal vivo dove è associato a immagini campionate di film in VHS. Ogni performance live dei Demdike Stare è una colonna sonora unica, suggestiva, di un viaggio che attraversa gli archivi visivi e sonori degli ultimi 50 anni. Delle loro ultime registrazioni, tutte sull'etichetta-culto Modern Love, imprescindibili sono “Tryptych” del 2011, triplo CD che raccoglie altrettanti album in precedenza disponibili solo in vinile più materiale inedito, ed “Elemental” del 2012, rilasciato in formato di doppio CD e quadruplo 12 pollici. In attesa del nuovo album e a conferma delle tendenze anacronistiche dei Demdike Stare, è da poco uscita la loro prima pubblicazione su cassetta, “The Weight Of Culture”.

DJ Pete http://www.djpete.de/
Guardando al panorama techno di Berlino, è impossibile non imbattersi nel punto di riferimento qual è DJ Pete. Non è solo un rappresentante della primordiale techno berlinese, ma anche una delle forze che hanno modellato la prima scena dance underground della capitale tedesca per gli anni a venire. In poco tempo ha contribuito a scrivere la storia della realtà di Berlino come remixer, produttore e dj internazionale, così come parte dello staff del leggendario negozio di dischi Hardwax. Ascoltando Pete, non sorprende che la sua esperienza abbia brillato costantemente attraverso due decenni. I suoi set comprendono una vasta gamma delle correnti più importanti che la musica elettronica ha attraversato nel corso degli ultimi 20 anni, basati su una techno a sfumature industrial, house e sonorità Detroit. Un altro esempio della sua varietà e apertura mentale sta nel fatto che Pete, sebbene come dj preferisca ancora il suono e le qualità tattili del vinile, abbia pubblicato, come parte del duo Scion, “Scion Arrange And Process Basic Channel Tracks“, ovvero il primo CD disponibile in commercio che sia mai stato prodotto completamente con Ableton Live. Con lo pseudonimo di Substance ha prodotto numerose release per Chain Reaction e Scion Versions, così come remix per artisti del calibro di Juan Atkins, Scuba, Robert Hood e Rhythm & Sound.

HDADD http://queenspectra.bandcamp.com/album/ancient-future
HDADD è uno dei side project musicali di UXO, produttore e titolare dell'etichetta indipendente Queenspectra. A differenza di quanto suggerisce la sigla (che sta per High Definition Attention Deficit Disorder), HDADD si focalizza su un tipo di sound accostabile alla techno più psichedelica che incontra atmosfere fortemente cinematografiche. Ha all'attivo due album realizzati nel 2012, "Ancient Future" su Queenspectra e "Static Motion" su AMDISCS. L'immaginario visivo da cui il progetto prende ispirazione è fatto di palme e circuiti, una sorta di scenario sci-fi onirico in cui tecnologia e natura coesistono in maniera organica. La proposta musicale è una spirale di electrofunk che omaggia la cosmic/italo disco attraverso tastiere spacey, profondità deep, dubtechno e citazioni di Vangelisiana memoria.