Ruvidezze 0.3

Firenze - 18/01/2019 : 02/03/2019

Mostra collettiva che per la sua quarta edizione.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA CARTAVETRA
  • Indirizzo: Via Maggio 64/R - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 18/01/2019 - al 02/03/2019
  • Vernissage: 18/01/2019 ore 18,30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal martedì al venerdì 15:30/19:30, sabato 10:00/13:00 – 15:30/19:30

Comunicato stampa

CARTAVETRA è lieta di inaugurare il 2019 con RUVIDEZZE 0.3, mostra collettiva che per la sua quarta edizione propone opere di Gianna Bentivenga, Vanessa Costantini, Lorenzo Fontanelli, Marco Lituani, Pavlo Makov, Teresa Pera, Flavia Robalo.
Gli artisti, pur utilizzando tecniche diverse (lavori su carta, pittura, incisioni, disegno e scultura), condividono la stessa visione e sensibilità verso il processo creativo. Un approccio dinamico che vuole far vivere a fondo l’esperienza patafisica dei lavori scelti, volutamente disposti in modo da far emergere la dinamica degli opposti: il chiaro e lo scuro, il grande e il piccolo, il leggero e il greve


L’inaugurazione è venerdì 18 gennaio 2019 alle ore 18:30.
Gianna Bentivenga vive e lavora a Roma, città che ha dato avvio alla sua formazione. Sin dai tempi dell’Accademia delle Belle Arti si dedica all’incisione, proposta in una chiave del tutto contemporanea e indirizzata a superare i conservatorismi legati ad una tecnica così antica.
Vanessa Costantini è una pittrice fiorentina che, da una iniziale formazione “classica”, si è orientata gradualmente verso un’arte sempre più simbolica, fatta di linee semplici e di pochi colori, ma che sappia ben comunicare all’osservatore il proprio messaggio.
Lorenzo Fontanelli, ex docente al Liceo Artistico, è un disegnatore e scultore fiorentino che pone al centro della sua ricerca la connessione fra la condizione biologica dell’uomo, le sue caratteristiche, le sue inclinazioni, con quelle del contesto fisico e geografico che lo ospita.
Marco Lituani, artista fiorentino, traduce nelle sue opere, esposte in tutta Europa, una forte passione per la pittura e soprattutto per la scultura, dove predilige l’utilizzo di pietre, ceramica, legno e fusioni.
Pavlo Makov è un artista ucraino. Sin dalle origini della sua produzione, consistente in incisioni rielaborate manualmente con la grafite, l’artista vuole descrivere il difficile passato della sua terra, gli usi, i costumi e le specificità del suo popolo, muovendosi contemporaneamente tra una dimensione duramente reale ed una fortemente utopistica.
Teresa Pera è una disegnatrice e pittrice catalana. I suoi lavori più recenti sono incentrati sull’indagine delle relazioni poetiche fra arte e paesaggio, soprattutto quello marino della sua terra d’origine e per lei sempre fonte di ispirazione.
Flavia Robalo è un’artista argentina che dopo il diploma in Accademia e la laurea in Psicologia si trasferisce a Pietrasanta, in Italia. Lì si dedica in particolare alla scultura in marmo e in legno, concentrandosi su figure umane con l’obiettivo di rappresentarne visioni e mutazioni.