Roberto Rossini – Indifference/Reference

Genova - 06/05/2014 : 07/06/2014

La composizione finale sembra muoversi nell’inconscio, l’inconscio diventa gesto poietico: la sola ‘referenza’ rimane quella del ‘gesto’, unico atto capace di sottrarsi al dominio utilitaristico-economico-semantico.

Informazioni

Comunicato stampa

Alla pratica della performance, privilegiata come ‘rituale di esposizione pubblica’, viene affiancata una riflessione sui meccanismi trasversali del processo creativo - in particolare l’indagine sul rapporto caso-necessità - che si concretizzano in una serie di lavori di tipo concettuale, punto di incontro tra un’intenzionalità e un accadimento

Il loro tratto comune è di essere costruiti attraverso ‘resti’, frammenti di un qualche cosa che è accaduto (avvenimento aleatorio, coincidenza, citazione…) di cui si può avvertire la discendenza: détournement di immagini, recupero di piccoli oggetti comuni sottratti alla decadenza, frammenti di frasi, residui di azioni performative, found footage - nel caso dei video. La composizione finale sembra muoversi nell’inconscio, l’inconscio diventa gesto poietico: la sola ‘referenza’ rimane quella del ‘gesto’, unico atto capace di sottrarsi al dominio utilitaristico-economico-semantico.

ROBERTO ROSSINI
Dalla metà deglianni ‘70 è attivo sulla scena italiana della performance art.
Nei primi anni ‘80 è stato tra i fondatori del Centro UH!, realizzando performance, trasmissioni sperimentali di drammaturgia radiofonica per la RAI, interventi di videoarte e mail-art e curando la direzione artistica della rivista UH!. Ha partecipato a rassegne internazionali, con eventi ambientati spesso in spazi atipici come edifici industriali e storici, luoghi di culto e di cura, ambienti naturali o defunzionalizzati. Ha tenuto workshop e conferenze sulla performance e sulla comunicazione
multimediale. Ha collaborato con il Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce di Genova con performance, mostre e progetti di didattica.
È membro della Direzione artistica di Art Action International Performance Art Festival di Monza. Docente di Teoria della performance all’Istituto per le Arti Tradizionali - Museo delle Culture del Mondo di Genova.
Nel 2012 ha pubblicato il libro La performance tra arte, mito, rito e gioco, edizioni Utopia Production.

Immagine in linea 2
Roberto Rossini
INDIFFERENCE/REFERENCE - arte visuale, video, performance
a cura di Ferruccio Giromini
catalogo in galleria
testi di Caterina Gualco, Ferruccio Giromini

PROGRAMMA
martedì 6 maggio - ore 18:30 Inaugurazione - Galleria UnimediaModern
mercoledì 14 maggio - ore 18:30 Compilation video - Galleria UnimediaModern
venerdì 30 maggio - ore 21:00 Performance - Palazzo Ducale - Cortile Maggiore
venerdì 27 giugno - ore 19:00 Video installazione - Inaugurazione - Galleria d’Arte Moderna di Genova