Roberto Demarchi – Vangeli Astratti

Torino - 09/03/2012 : 25/03/2012

La mostra, che propone dodici tavole dipinte con episodi e momenti dei Vangeli, nasce con l'intento di dare vita ad un percorso devozionale contemporaneo.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DELLA SINDONE - CHIESA DEL SS SUDARIO
  • Indirizzo: Via San Domenico, 28, 10122 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 09/03/2012 - al 25/03/2012
  • Vernissage: 09/03/2012 ore 18.30
  • Autori: Roberto Demarchi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì - domenica 10-12/15-18
  • Biglietti: ingresso libero
  • Uffici stampa: SEC

Comunicato stampa

Il 9 marzo 2012 inaugura la mostra “Vangeli Astratti” presso la Chiesa del SS Sudario a Torino, un sito che coerentemente al progetto riflette in modo profondo gli ideali figurativi ed etici di Demarchi, un luogo sacro unico al mondo, che fa vivere a tutti gli effetti la pienezza religiosa e artistica della mostra dedicata ai Vangeli.



La mostra, che propone dodici tavole dipinte con episodi e momenti dei Vangeli, nasce con l'intento di dare vita ad un percorso devozionale contemporaneo

Roberto Demarchi dopo aver affrontato, con l'uso di un particolarissimo linguaggio astratto, l'interpretazione e la rappresentazione del pensiero occidentale delle origini (ciclo Perì Physeos) ha riversato la sua attenzione su tematiche dell'Antico Testamento dando vita alla serie del “Genesi” già presentata a Torino e a Roma da Antonio Paolucci.

I “Vangeli Astratti” testimoniano l'approdo al Nuovo Testamento e la mostra alla Chiesa del SS Sudario ne offre un'intensa e particolare sintesi.



L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Museo della Sindone, con la Confraternita del SS Sudario e il Centro Internazionale di Sindologia che hanno aperto, per la prima volta, le porte della loro Chiesa per ospitare una mostra dal tema sacro ma di un artista contemporaneo astratto. La presenza dei quadri di Demarchi in tale ambiente entra in una sintonia unica e perfetta. La mostra culmina con la scena della Pasqua e della Risurrezione di Gesù, poste in altezza sull’altare.