Restiamo Umani – The Reading Movie

Vittorio Veneto - 24/01/2015 : 24/01/2015

Il film “Restiamo Umani – The Reading Movie”, lettura integrale del libro “Gaza – Restiamo Umani” di Vittorio Arrigoni sarà proiettato presso l’Aula Magna di Vittorio Veneto (Tv). Il film porta in sé l’identità di un vissuto senza steccati politici, dottrinari o mercantili, contiene il cammino, il tragitto o lo scopo di restituire la dignità là dove è stata calpestata.

Informazioni

Comunicato stampa

Il film “Restiamo Umani – The Reading Movie”, lettura integrale del libro “Gaza – Restiamo Umani” di Vittorio Arrigoni sarà proiettato sabato 24 gennaio alle ore 20:30 presso l’Aula Magna di Vittorio Veneto (Tv).

L’incontro, in memoria di Vittorio Arrigoni è stato fortemente voluto dall’associazione Salus Bellatrix, per portare all’attenzione dell’opinione pubblica le reiterate stragi di civili e bambini, che ancora oggi si compiono nella terra martoriata di Palestina.

Durante la serata, sarà proiettata una parte del film (40 minuti circa), seguiranno testimonianze e incontro con i registi e ospiti



Moni Ovadia, che compare fra i protagonisti, dispiaciuto di non poter intervenire, farà pervenire un appello rivolto alla cittadinanza di Vittorio Veneto e a tutti i sostenitori dell’associazione.



RESTIAMO UMANI – The Reading Movie

Il documento storico di un crimine contro l’umanità

Gaza: 22 giorni di bombardamento, più di 1200 vittime civili, oltre 400 bambini assassinati

“Restiamo Umani – The Reading Movie” è il film della lettura integrale del libro “Gaza – Restiamo Umani” scritto da Vittorio Arrigoni (B. Brianza 1975 – Gaza 2011), diario giornaliero dei 22 giorni di massacro avvenuto durante l’operazione militare ‘Piombo Fuso’, sferrata dal governo israeliano contro i civili della striscia di Gaza, tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009, in cui morirono più di 1200 civili e oltre 400 bambini furono assassinati.

Il film, narrato seguendo i capitoli del libro, è stato girato alla prima lettura per mantenere l’empatia e la forza espressiva di ogni protagonista.

Vittorio Arrigoni, volontario dell’International Solidarity Movement, assisteva negli ospedali e sulle ambulanze a soccorrere la popolazione di Gaza, vittima di un bombardamento senza precedenti e contro ogni convenzione internazionale, in cui furono distrutti ospedali, scuole, moschee e abitazioni civili.
Vittorio Arrigoni ci ha lasciato l’unica testimonianza al mondo, scritta giorno dopo giorno, dell’intera offensiva e costituisce il documento storico di un crimine contro l’umanità.

L’opera è nel suo genere distante dal documentario, dalla fiction, dalla docufiction, dalla lettura teatrale o da altro conosciuto. “Restiamo Umani” è l’opera prima di un nuovo genere cinematografico chiamato “Reading Movie”. Letteralmente, il film della lettura.

Il film si articola in 19 capitoli letti da 19 personalità internazionali, fra le più autorevoli eminenze accademiche e culturali in difesa dei Diritti Umani, i quali mettono i loro volti e le loro storie personali nei racconti di Arrigoni e fanno rivivere le ingiustizie, i terrori, i massacri subiti dal popolo palestinese, sovente in “buona pace” o nell’indifferenza dell’intera cosiddetta “società civile”.

Le 19 personalità presenti nel film:

Stéphane Hessel, co-redattore firmatario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
Noam Chomsky, politologo, scrittore e attivista per i Diritti Umani
Roger Waters, compositore, cantautore e fondatore dei Pink Floyd. Attivista per i Diritti Umani
Mairead Corrigan Maguire, Premio Nobel per la Pace 1976 e attivista per i Diritti Umani
Luisa Morgantini, ex-vicepresidente del Parlamento Europeo. Attivista per i Diriti Umani
Egidia Beretta Arrigoni, madre di Vittorio Arrigoni e sindaco di Bulciago, Lecco
Arcivescovo Hilarion Capucci, arcivescovo Melchita di Gerusalemme in esilio
Rabbino Yisroel David Weiss, attivista per i Diritti Umani e portavoce di Neturei Karta (rabbini ortodossi anti-sionisti)
Don Andrea Gallo, prete da marciapiede e partigiano
Moni Ovadia, attore, scrittore e musicista
Mohammad Bakri, attore e regista
Massimo Arrigoni, poeta sonoro, attore e autore
Alberto Arce, reporter di guerra, superstite di ‘Piombo Fuso’
Ronnie Barkan, attivista per i Diritti Umani
Akiva Orr, attivista per i Diritti Umani, politico e scrittore
Huwaida Arraf, attivista per i Diritti Umani, avvocato e co-fondatrice dell’International Solidarity Movement (ISM) e del Free Gaza Movement
Maria Elena Delia, attivista per i Diritti Umani
Norman Finkelstein, politologo, attivista e autore. Figlio di vittime dell’Olocausto
Ilan Pappé, storico, attivista per i Diritti Umani. Direttore del Centro Europeo degli studi sulla Palestina e del Centro di studi etno-politici dell’università di Exeter





Restiamo umani – The Reading Movie porta in sé l’identità di un vissuto senza steccati politici, dottrinari o mercantili, contiene il cammino, il tragitto o lo scopo di restituire la dignità là dove è stata calpestata.

La storia del genocidio di Gaza è presa esattamente dal libro di Arrigoni ‘Gaza-Restiamo Umani‘ e i personaggi che la interpretano la restituiscono all’impotenza o al disvelamento dei governi che hanno taciuto o ignorato l’eccidio.

È il diario giornaliero, la testimonianza di un massacro in corso.

Arrigoni, ricordiamolo, era un volontario dell’ISM (International Solidarity Movement)… nei giorni dell’operazione di guerra “Piombo Fuso” si trovava sulle ambulanze con gli infermieri della Mezzaluna Rossa per soccorrere la popolazione di Gaza colpita dalle bombe israeliane… il braccio armato di Israele distrugge ospedali, scuole, moschee, abitazioni… utilizzando anche “fosforo bianco”… arma vietata dalle convenzioni internazionali.

I corrispondenti della stampa internazionale sono allontanati da Gaza e così ad Arrigoni e pochi altri, resta di raccontare ciò che vede, e cioè la carneficina che Israele ha commesso contro il popolo palestinese.

L’architettura filmica, la sapienza fotografica, la compiutezza espressiva che sono al fondo di Restiamo umani – The Reading Movie, mostrano la forza autoriale di Renzi e Incorvaia e più ancora registrano un attacco radicale contro la cultura del silenzio… lasciano negli occhi dello spettatore la verità dell’essere e del suo divenire.
Il film-parlato di Renzi e Incorvaia riporta alla luce una cicatrice storica mai emarginata e richiama i partigiani della libertà, dell’uguaglianza, della fraternità a indignarsi contro ogni sorta di autoritarismo… i misfatti di ogni potere, di ogni guerra, di ogni privilegio sono per propria natura brutali… lo furono in tempi antichi e continuano ed esserlo ai nostri giorni.



Vittorio Arrigoni

http://vimeo.com/28451416

https://vittorioarrigoni.wordpress.com/

Trailer
http://vimeo.com/60459101

Intervista a Don Andrea Gallo, uno dei protagonisti del film

https://www.youtube.com/watch?v=bMiBCeC8WrE