Renato Sabatino – Terrae

Verrone - 13/01/2018 : 04/03/2018

Al Falseum di Verrone ultima mostra del progetto Città di Terre. Ronco e il Biellese per la ceramica, avviato nell'autunno del 2016.

Informazioni

Comunicato stampa

Si inaugura sabato 13 gennaio 2018 alle ore 17 al Falseum di Verrone l'ultima mostra del progetto Città di Terre. Ronco e il Biellese per la ceramica, avviato nell'autunno del 2016.
Protagoniste della esposizione sono le opere in ceramica di Renato Sabatino.
Discendente di artigiani vasai, dalla necessità di conservare le proprie radici, l'artista si riappropria in modo originale delle tradizioni familiari, rendendole insospettabilmente attuali


Determinante nel proprio percorso formativo, dal punto di vista sia tecnico che della ricerca, è stata l’esperienza vissuta in qualità di collaboratore di Luigi Mainolfi, maestro nell’uso dell’argilla, anche se nella sua opera molteplici sono i riferimenti e i richiami alle accumulazioni di Arman, come alle compressioni di César. Vasi di ogni genere e foggia, torniti uno ad uno dall’artista, sono come familiari grafemi combinati insieme per comporre, in modo inatteso, un idioma nuovo e singolare. Una tecnica tradizionale, legata al passato, che arriva a parlare un linguaggio contemporaneo facendo decollare oggetti di artigianato locale verso le lontane orbite dell’arte. Il vasellame perde funzioni e connotazioni originarie, così riorganizzato e rielaborato in infinite e monocrome combinazioni diverse, diventando corpo unico e acquisendo un’identità nuova che rinvia all'uso quotidiano di vasi, brocche, bicchieri ma inseriti in una struttura nuova che ne esalta le linee, le forme come elemento estetico, in sé autonomo e senza alcuna funzione pratica.
La maestria di Sabatino emerge in particolare in una opera di grandi dimensioni: “Trofeo”, la perfetta riproduzione in terracotta della pelliccia di una tigre, lunga oltre due metri e larga oltre un metro, dove il gioco di mimesi perfetta per il Falseum fra sembra/ ma non è raggiunge vertici di grande arte e tecnica artigianale.

La mostra rimane aperta sino al 4 marzo: Il Falseum si trova in via della Valletta, 1 a Verrone (BI). L'apertura è sabato e domenica dalle 10.30 – 13.30 e 14.30 – 19.30.
Per informazioni: [email protected] - +39 389 28 44 372 - 015.8977853 - [email protected]




RENATO SABATINO
Biografia
Renato Sabatino nasce nel 1977 a Vibo Valentia. Trascorre i primi anni dell'infanzia in un piccolo paese dell'entroterra calabrese che si autososteneva principalmente con la lavorazione artigianale delle terrecotte. Da bambino cresce e gioca tra ''montagne'' di argilla, gli rimarranno sempre impresse le immagini di mastri vasai intenti a pestare, tornire e cuocere in grandi e antichi forni quell materiale a lui prezioso. Molto giovane si trasferisce a Torino con la famiglia, la fascinazione per quel materiale non svanirà, porterà con sé quella tradizione e, la tecnica, gli verrà poi trasmessa durante gli anni successivi dal padre vasaio. Sabatino studia al Primo Liceo Artistico di Torino e poi continua il suo percorso alle Accademie di Belle Arti di Torino e di Valencia Durante questi anni lavora e collabora con diversi artisti, tra cui, Luigi Mainolfi, che sarà fondamentale per la sua crescita e formazione artistica.