ren.con.tre – Marco Senaldi

Bologna - 12/01/2017 : 12/01/2017

Marco Senaldi propone una Lecture sul concetto di obversione trattato ampiamente in una sua pubblicazione edita da Postmedia dal titolo Obversione - Media e disidentità.

Informazioni

Comunicato stampa

Marco Senaldi propone una Lecture sul concetto di obversione trattato ampiamente in una sua pubblicazione edita da Postmedia dal titolo Obversione - Media e disidentità


“Siamo passati da una generica “riproducibilità tecnica” a uno “stadio-video” che si configura come fase ulteriore e più radicale dello stadio dello specchio lacaniano, che porta dalla consapevolezza (immaginaria) della propria identità alla sconcertante scoperta della propria radicale dis-identità, del fatto di essere e, insieme, non essere se stessi.”

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

Marco Senaldi (1960) é Filosofo, curatore e teorico d’arte contemporanea, ha insegnato estetica e arte contemporanea in varie istituzioni accademiche tra cui Accademia di Belle Arti Carrara, Bergamo, Politecnico di Milano, Università Statale di Milano Bicocca, IULM di Milano, e attualmente Estetica dei Media all’Accademia di Brera.
Ha curato mostre e convegni internazionali fra cui Cover Theory - L’arte contemporanea come reinterpretazione, Officina della Luce, Piacenza (catalogo Scheiwiller, 2003); Il marmo e la Celluloide – Arte contemporanea e visioni cinematografiche, Villa La Versiliana, Pietrasanta (catalogo Silvana Editoriale, 2006); La generazione delle immagini (1994-1997), Comune di Milano; Benvenuti nel XXI secolo, (2014) Comune di Mantova.
Ha pubblicato numerosi saggi tra cui Enjoy! Il godimento estetico, Meltemi, 2003-2006; Van Gogh Hollywood. La leggenda cinematografica dell’artista, Meltemi, 2004-2007), Doppio sguardo. Cinema e arte contemporanea, Bompiani, 2008; Filosofia dell’arte contemporanea, Guerini, Milano 2012; Rapporto confidenziale. Percorsi tra cinema e arti visive, Mimesis, Milano 2013; Obversione. Media e disidentità, Postmedia, 2014. E’ stato autore televisivo ai programmi culturali di Canale 5 e RAI Tre, e in seguito ha collaborato con i programmi radiofonici RadioTre Suite e Fahreneit (Radio Tre).
Suoi articoli e interventi sono apparsi su il manifesto, Corriere della Sera, D-donna – la Repubblica, Interni; collabora con Flash Art e firma la rubrica In fondo in fondo su Artribune.
Attualmente sta ultimando una ricerca pluriennale sull’immagine movimento in Marcel Duchamp, e sulle sue fonti nella psicofisiologia e nell’estetica scientifica francese tra XIX e XX secolo.