Regaliamoci speranza

Milano - 22/09/2013 : 22/09/2013

La Casa della carità chiude l'iniziativa estiva “Regaliamoci speranza” nel segno dell'arte e rilancia le sue attività culturali insieme all'associazione iBVA. Un'asta benefica per la Casa della carità e un murales con Bros e gli ospiti della fondazione.

Informazioni

Comunicato stampa

Le hanno realizzate gli ospiti della Casa e i proventi della loro vendita andranno a sostenere la Casa stessa. Sono le opere d'arte che verranno messe all'asta la sera di domenica 22 settembre all'interno di una giornata dedicata ad arte e accoglienza organizzata dalla Casa della carità in collaborazione con l'associazione iBVA.

Il momento clou sarà alle ore 20 circa quando verranno battute all'asta ventiquattro tele realizzate dagli ospiti della Casa nel corso dei laboratori artistici organizzati dalla fondazione negli ultimi mesi

Attraverso questi momenti, giovani migranti, persone con problemi di salute mentale, o semplicemente in un momento difficile della loro vita, hanno trovato il modo di esprimersi e di riacquistare fiducia. Ora, dopo essere state esposte nella sede dell'iBVA in centro a Milano lo scorso maggio, le opere verranno messe all'asta per finanziare le attività della fondazione. Ad introdurle il gallerista Jean Blanchaert che già aveva curato l'allestimento della prima mostra.

Prima dell'asta, a partire dalle ore 18.00, tutta la cittadinanza è invitata in via Brambilla 10 per un aperitivo offerto dall'azienda Camst, con la quale la Casa ha appena stretto un nuovo rapporto. Oltre a passare un momento conviviale si potrà anche ammirare il lavoro realizzato nel corso del week end da ospiti, volontari e operatori insieme a Bros. Il giovane artista milanese ha accettato infatti l'invito della Casa a dipingere insieme un murales che farà bella mostra di sé sul muro esterno della sede della fondazione.

La giornata, organizzata insieme all'associazione iBVA con cui la Casa collabora ormai da quasi un anno in maniera sempre più stretta, arriva al termine dell'iniziativa estiva “Regaliamoci speranza”. Da un lato, quindi, sarà l'occasione per fare un bilancio di due mesi intensi, faticosi, ma ricchi di soddisfazioni e, dall'altro, sarà l'occasione per rilanciare le attività culturali per l'anno a venire insieme alla stessa iBVA.