Rebecca Brodskis – La danse de l’absurde

Roma - 07/10/2021 : 13/11/2021

La Galleria Anna Marra è lieta di presentare La danse de l’absurde, prima personale in Italia di Rebecca Brodskis, curata da Giorgia Calò.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA ANNA MARRA
  • Indirizzo: via Sant'angelo in Pescheria 32 00186 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 07/10/2021 - al 13/11/2021
  • Vernissage: 07/10/2021 ore 18
  • Autori: Rebecca Brodskis
  • Curatori: Giorgia Calò
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La Galleria Anna Marra è lieta di presentare La danse de l’absurde, prima personale in Italia di
Rebecca Brodskis, curata da Giorgia Calò.
La mostra presenta dodici lavori realizzati appositamente per l’occasione, ispirati a immagini di
danzatori espressionisti e alla filosofia dell’assurdo di Albert Camus.
I ritratti di Rebecca Brodskis sono decontestualizzati rispetto a ogni riferimento spazio-temporale,
vivono una dimensione altra perché la loro cifra distintiva si focalizza sull'essere umano,
indipendentemente dalla sua identità di genere, dal luogo di origine, dal retaggio culturale o dal
tempo in cui vive

Slegati dall'idea classica della rappresentazione, indagano l'animo umano in
un'introspezione che si focalizza sulla condizione alienante e al contempo reale dell'uomo.
Così, l'artista ci invita ad andare oltre i limiti della realtà, accedendo così a infinite possibilità
dell'identità personale che attrae emotivamente lo spettatore e contemporaneamente lo sfida
intellettualmente.
Il lavoro di Rebecca Brodskis esplora attraverso la pittura il rapporto tra l’essere umano e il
contesto sociale, un mondo in continuo mutamento che spesso sfugge alla nostra comprensione. I
protagonisti delle sue opere, che appaiono attanagliati dal dubbio, l’ansia e il disorientamento,
“sono metafore dell'umano contemporaneo impigliato in circoli sociali in continua espansione.
Vagano per i meandri di città tentacolari, condannati all'estrema lucidità ma costantemente invasi
dalla paura del domani”, afferma l’artista.
Esplicito è il riferimento a Camus e alla sua Trilogia dell’assurdo. L’autore, negando qualsivoglia
valore a un significato trascendente alla vita e al mondo, riconosce come assurda l'esistenza stessa.
La mancanza di senso dell'esistere e di motivazioni per vivere - l’assurdo, appunto - non è tuttavia
nella natura dell'uomo in quanto tale, ma nelle sovrastrutture sociali che egli crea per regolare il
proprio esistere. La creazione di legami interpersonali tuttavia non è sempre facile e la ricerca del
legame inter-umano continuamente sfugge.
Da queste riflessioni Rebecca Brodskis introduce una sua risposta positiva all’assurdità
dell’esistenza umana, indicando nella danza una possibile via per ricercarne un senso. La danza
espressionista a cui l’artista in particolare si ispira - più libera, naturale e meno governata dalle
regole - diventa un modo per liberarsi dalle convezioni e dagli schemi sociali che opprimono la
natura più intima dell’individuo. Nella danza i corpi si toccano e si intrecciano, favorendo così la
comunicazione tra gli esseri umani.
Gli stranieri non sono più stranieri, l’ignoto diventa palpabile, dando un senso alla vita e una
direzione alla propria esistenza. Il legame umano, dunque, si rivela nella consapevolezza
dell'assurdo e nel tentativo costante di superarlo.
ANNA MARRA
ARTE CONTEMPORANEA
GALLERIA ANNA MARRA
via sant’angelo in pescheria 32 – 00186 Roma | tel. +39 06 97612389 | [email protected]
www.galleriaannamarra.it | lunedì – venerdì, 15.30 - 19.30 | sabato 10.00 – 14.00 | su appuntamento
Rebecca Brodskis (1988, Francia) vive e lavora a Marsiglia.
Ha trascorso gran parte dell’infanzia viaggiando e soggiornando tra Francia e Marocco. Brodskis ha poi
vissuto a New York, Berlino, Tel-Aviv, Parigi.
Ha studiato Pittura presso l’Ateliers des Beaux-Arts de la Ville de Paris e presso Central St. Martins College of
Art and Design di Londra (2010). Inoltre, nel 2015 ha ottenuto un Masters Degree in Sociologia,
approfondendo i temi della vulnerabilità e delle crisi sociali.
Esplorando i confini del mondo sensibile, il lavoro di Brodskis spazia tra spazi consci e inconsci, portando a
una riflessione sull'esistenza, il sé e l'alterità. L'idea di essere in una via di mezzo è evidente nell'opera di
Brodskis: uno spazio intermedio al crocevia tra realtà empirica e immaginazione, ordine e disordine,
materialismo e spiritualità, determinismo e libertà.
Tra le mostre personali ricordiamo: Arrêt Sur Image, Kristin Hjellegjerde Gallery, Londra (2021); Tomorrow Is
Another Day, Steve Turner LA (2020); Fragments of Life, Kristin Hjellegjerde Gallery, Berlino (2020); Galeriste
with Hors Cadre, Parigi (2019); Septième Galerie, Parigi (2019); Unsettled disorders, Canopy Gallery, Netanya
(2019); Dépendance, Gallery Mario Kreuzberg, Berlino (2019); Drifting Singularities, Sputnik Gallery, Tel Aviv
(2017).
Il suo lavoro è presente in importanti collezioni sia pubbliche che private, tra cui: Alan Lo Collection (Hong
Kong); Museum Azman Collection (Malaysia); Pamela and David Hornik Collection (USA); Selebe Yoon
Collection (Senegal); The Beth Rudin Dewoody Collection (USA); Tiroche DeLeon Collection (Israele); Zeifang
Collection (Germania).