Radu Oreian

Firenze - 23/01/2021 : 06/03/2021

“Radu Oreian” è la prima mostra monografica del giovane artista rumeno nella città di Firenze e sarà curata da Pier Paolo Pancotto.

Informazioni

  • Luogo: EDUARDO SECCI FIRENZE
  • Indirizzo: Piazza Goldoni, 2 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 23/01/2021 - al 06/03/2021
  • Vernissage: 23/01/2021 ore 14
  • Autori: Radu Oreian
  • Curatori: Pier Paolo Pancotto
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedì – Sabato / 10:00 – 13:30 & 14:30 – 19:00

Comunicato stampa

La Galleria Eduardo Secci è lieta di annunciare le mostre “Marco Tirelli” e “Radu Oreian” che inaugureranno la stagione espositiva 2021 il giorno 23 Gennaio dalle ore 14.00 alle ore 19.00 nelle due aree della Galleria in piazza Carlo Goldoni 2, Firenze. “Radu Oreian” è la prima mostra monografica del giovane artista rumeno nella città di Firenze e sarà curata da Pier Paolo Pancotto.

Il corpo di lavori esposto rappresenta una selezione delle ultime opere dell’artista Radu Oreian, una serie che spazia dai disegni in grafite, ai dipinti ad olio su tela, legno e plexiglass

Questa varietà di media, oltre a riflettere l’agio con il quale Oreian si muove tra le diverse tecniche, è anche prova dell’eredità classica che sembra essere alla radice della pratica dell’artista.

I dipinti ad olio, realizzati appositamente per la mostra e datati 2020, fanno parte del ciclo dei cosiddetti “Molecular Paintings”. Sono lavori che ricordano miniature dai dettagli minuziosi, in grado di catturare l’occhio dello spettatore e trasportarlo attraverso la superficie intrisa di pittura e condurla al significato più profondo del dipinto. Come scrive Pier Paolo Pancotto nel suo testo introduttivo, ad accomunare i lavori di Oreian “(…) pur nella loro eterogeneità, è un vocabolario cromatico denso, fortemente espressivo ove la materia sembra a tratti raggrumarsi e amalgamarsi con altre sostanze fino a rendersi scabra, sabbiosa anche se, in realtà, è solo il modo con cui essa è disposta sul piano (stratificata ed impastata a punta di pennello) a provocare questo effetto; come pure, un repertorio iconografico condiviso, che va dalla memoria fisica (il richiamo alle viscere del proprio corpo o della propria pelle) a quella intellettuale (la pittura rinascimentale, quella classica ammirata a Pompei e a Roma, la calligrafia dell’antico Oriente) dell’artista. (…)“.

La pratica di Radu Oreian trae fondamento dalle tecniche classiche del disegno e della pittura, esplorando come la storia, i miti antichi e gli archivi plasmano la nostra società e la nostra comprensione dell’umanità. Il filo rosso che attraversa ed unisce i lavori di Radu Oreian si manifesta nella creazione di una nuova impronta visiva meditativa dotata di una densità particolare che sembra esistere in uno stato pulsante di tensione e rilassamento.

Radu Oreian nasce nel 1984 a Târnăveni in Romania. Attualmente lavora e vive in Francia. Nel 2002 ha ottenuto una laurea all’Università di Arte e Design di Cluj-Napoca per poi continuare i suoi studi alla National University of Art di Bucharest dove si è diplomato nel 2007. Radu Oreian è stato protagonista di numerose mostre personali: SVIT Gallery, Befriending the memory muscle (Praga, 2020, con Ciprian Mureşan), Gallery Nosco, Microsripts and Melted Matters (Londra, 2019), Gallery ISA, Farewell To The Thinker of Thoughts (Mumbai, 2018). Tra i suoi progetti istituzionali: La Fondazione, Project Room (Roma, 2020, personale), The Last Agora, Plan B Foundation (Cluj-Napoca, 2019) e Chasseur d’Images, Musée de la Chasse et de la Nature (Parigi, 2019). Tra le sue mostre collettive: One in a million, Gallery Nosco (Marsiglia, 2018) e On The Sex of Angels, Nicodim Gallery (Bucarest, 2017).