Quiasma (Quattro artisti intermediali)

Torino - 26/09/2013 : 02/11/2013

Con questa mostra il curatore, Omar Pascual Castillo direttore del CAAM – Centro Atlantico de Arte Moderno di Las Palmas, Gran Canaria, espone il visitatore ai vincoli tra memoria, emozione e ragione che la visione genera.

Informazioni

Comunicato stampa

Mostra collettiva con opere di Laura Gonzalez Cabrera, Paco Guillen, Marina Vargas, Jesus Zurita


Il chiasma è una “croce” di nervi che lavora come ponte delle informazioni visive che arrivano, attraverso l’occhio, al cervello, e per questo possiamo parlare di una relazione intermediale. Con questa mostra il curatore, Omar Pascual Castillo direttore del CAAM – Centro Atlantico de Arte Moderno di Las Palmas, Gran Canaria, espone il visitatore ai vincoli tra memoria, emozione e ragione che la visione genera

Questi quattro artisti mettono in discussione le connessioni che l’arte propone tra esperienza del sentire ed esperienza del narrare, sfidando narrazione tradizionale e tradizione astratta, attraverso la creazione di un’arte che sembra sia vissuta in una parentesi, uno “stato intermediale”, dove vivono tutti i linguaggi, disegno, pittura, installazione murale, video e fotografia, dove i temi dell’arte più introspettivi ed estroversi si mescolano, dove gli ideali estetici paradigmatici si incrociano, e di cui questi quattro artisti sono un esempio perfetto.

La mostra si svolge in due spazi espositivi, infatti dopo l’inaugurazione nella sede di Torino, il 28 settembre inaugurerà a Milano presso Costantini Art Gallery in via Crema n. 8. Per l’occasione verrà realizzato un catalogo in distribuzione presso le due sedi.

Il lavoro di Laura Gonzalez Cabrera è la risposta dell'artista, attraverso la pittura, alla produzione accelerata e al conseguente flusso di immagini e a tutto ciò a cui la percezione umana nel mondo contemporaneo è soggetta . Opere in cui l'artista indaga, attraverso la lenta condensazione della materia pittorica, opponendosi alla velocità dissolvente del pixel, o dove la pennellata occulta lettere nascoste che ci interpellano sul significato del nostro essere qui e ora, come se l'artista tentasse di mettere in discussione la nostra nozione di ontologia, in un tempo des-ontologizzato.

Laura González Cabrera (Las Palmas de Gran Canaria, 1976) ha iniziato a studiare Belle Arti presso l'Università di La Laguna concludendo gli studi presso l'Università di Salamanca. Ha esposto il suo lavoro presso la Galleria d'Arte Contemporanea a Santa Cruz de Tenerife, Galeria Marta Cervera (Madrid), Galeria Saro León (Las Palmas de Gran Canaria) e una recente esposizione personale al CAAM – Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas. Ha inoltre realizzato vari progetti site-specific come quello effettuato per Dak'art 08 (Senegal) o per il FATE FESTIVAL a San Potito Sannitico (Napoli).

Pensare al disegno come strumento per ordinare il suo universo, uno strumento che si manifesta come dissidente, irriverente e diafano, è ciò che l'artista Paco Guillén presenta nel proprio lavoro.
Con un concetto ampio ed espansivo del linguaggio del disegno, Paco Guillén crea opere che ricevono e restituiscono influenze dai cartoni animati, dalla calligrafia urbana dei graffiti, la video-animazione e l'installazione, rivelandoci una visione critica della sua società in cui l'universo dell'arte corrente è messo in discussione; egli rivisita con un'acidità non comune, carico di sarcasmo, sottile ironia e una sorta di rusticità grafica che fa appello alla immediatezza, la velocità delle idee, la freschezza germinale del marchio che quasi strappa la carta, raschiandola, creando un buio rumore che attraversa l'incolore-bianco virginale, ormai annerito campo della superficie che la sua azione sostiene.

Nato a Las Palmas di Gran Canaria, in Spagna nel 1974, Paco Guillén ha studiato presso le Università di Cuenca e La Laguna de Santa Cruz de Tenerife e ha esposto il suo lavoro in paesi come Italia, Germania, Spagna e Messico, tra gli altri. Recente l'esposizione personale al CAAM – Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas.

Di fronte a qualsiasi lavoro di Marina Vargas nell'ampio respiro dell'eclettismo della sua opera, che spazia dal disegno, pittura, scultura, fotografia, video e installazione murale, non si può restare indifferenti. Il suo lavoro è composto di dramma, brutalità e bellezza insieme, e in esso, il mondo interno (dove il senso delle cose risiede) entra in una visione inondata di sangue curativo, orpelli e luce perla. E 'un luogo dove la violenza è domata dal sottobosco, dove la divinità viene battezzato dalla bellezza della carezza dell'altro, che è colui che più la venera.

Marina Vargas nasce a Granada nel 1980. Ha studiato Belle Arti presso l'Università della sua città natale. Ha esposto il suo lavoro a Granada, Siviglia, Cordoba, Malaga, Milano, New York, Messico, Monterrey e Havana. Ha vinto premi come il INJUVE (Madrid), INJUVE (Malaga), Focus Abengoa (menzione d'onore), e Iniciarte Creazione Grants (Siviglia), Manuel Rivera, e la sovvenzione concessa dalla Fundación Antonio Gala e ha recentemente esposto, con una personale, al CAAM – Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas.

Il lavoro di Jesús Zurita formalmente si estende fra i media di disegno, pittura e installazione, eseguendo quello che lui stesso definisce "pitture murali", e dal punto di vista concettuale o discorsiva, tra i deliri di messa in discussione della rappresentazione stessa, sia essa eseguita o "messa in scena" tramite uno qualsiasi dei mezzi espressivi sopra menzionati, più che altro per “mettere in scacco” le nozioni contemporanee di narrativa e silenzio.

Jesus Zurita nasce a Ceuta, in Spagna, nel 1974. Dal 1993 vive e lavora a Granada, dove si è laureato presso la Facoltà di Belle Arti della sua famosa Università. Ha esposto il suo lavoro presso il Centro Andaluz de Arte Contemporáneo de Sevilla, il Palacio de los Condes de Gabia e Institute of America / Damian centro Bayon di Granada, e nelle Fucares gallerie, Almagro / Madrid, Sandunga, Granada, Liquid Space, Gijón Alfredo Vinas, Malaga, in Spagna, così come, tra gli altri, alla GEGalería di Monterrey (Messico), Costantini Arte Contemporanea, Milano, 7 Contemporary Art Gallery a L'Aia (Paesi Bassi) o l'Instituto Cervantes di Tokyo.