Quanta luce nel nero

Roma - 29/10/2011 : 30/11/2011

Una mostra delle opere di Carol Rama che dialogano con i lavori di Andrea Guerzoni e che propone una visionarietà e una nuova filosofia – che è in linea con l’obiettivo culturale della galleria - fatta di rovesciamenti e di prospettive ribaltate nel leggere l’arte.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZETTO ART GALLERY
  • Indirizzo: Via delle Botteghe Oscure 34 00186 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 29/10/2011 - al 30/11/2011
  • Vernissage: 29/10/2011 ore 18
  • Autori: Carol Rama, Andrea Guerzoni
  • Curatori: Corrado Premuda
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, doppia personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle 10:00 alle19:00 orario continuato - Lunedì chiuso

Comunicato stampa

Uno speciale spazio espositivo al Palazzetto, dimora storica di Roma.

Palazzetto Art Gallery è un nuovo spazio espositivo nel cuore storico di Roma, in via delle Botteghe

Oscure al civico 34. Il nobile Palazzo Caetani, costruito nella metà del ‘500, domina con la sua

bellezza classica questa famosa strada di Roma Capitale

Uno spazio cubico, bianco e neutro,

interamente dedicato ad ospitare l’arte moderna e contemporanea, la fotografia e i nuovi linguaggi

della creatività, sarà un luogo speciale dove ammirare, pensare, sorprendersi, emozionarsi, ritornare

e scoprire: nuovi talenti e grandi maestri, sperimentazioni internazionali ed esperienze giovani,

linguaggi complessi ma anche la rivisitazione di forme e tecniche antiche. Come un ponte lanciato

verso il futuro, questo spazio vuole proporsi come luogo del dialogo critico ed estetico tra selezionate

esperienze artistiche del mondo.

Palazzetto Art Gallery è diretta da Franco Ruben e inaugura il 29 ottobre con una mostra delle

opere di Carol Rama che dialogano con i lavori di Andrea Guerzoni. La mostra intitolata Quanta

luce nel nero e curata da Corrado Premuda, propone una visionarietà e una nuova filosofia – che

è in linea con l’obiettivo culturale della galleria - fatta di rovesciamenti e di prospettive ribaltate nel

leggere l’arte.