Pulvis es

Milano - 13/05/2014 : 19/05/2014

Il tema della mostra Pulvis Es – Cosa rimarrà dell’arte contemporanea? è interpretato attraverso le opere di 23 artisti, tra cui il vincitore della 1° edizione – Daniele Salvalai – i 12 finalisti in concorso per il premio e i 10 artisti invitatati (fuori concorso).

Informazioni

Comunicato stampa

L’associazione cramum con il sostegno della Fondazione Giorgio Pardi presenta la mostra collettiva PULVIS ES & 2° edizione del premio cramum.
La mostra, ideata e curata per il secondo hanno consecutivo da Sabino Maria Frassà e Andi Kacziba, promuove la sinergia tra generazioni di artisti. Il tema della mostra Pulvis Es – Cosa rimarrà dell’arte contemporanea? è interpretato attraverso le opere di 23 artisti, tra cui il vincitore della 1° edizione – Daniele Salvalai – i 12 finalisti in concorso per il premio e i 10 artisti invitatati (fuori concorso)



I 12 finalisti del 2° premio cramum:
Adele Ardigò, Matthew Attard, Laura Bisotti, Eracle Dartizio, Marco Formisano, Valentina Lara Garbagnati, Kamilia Kard, Zhaopeng Li,Stefania Lomi, Alessandro Mazzoni, Paolo Peroni e Adriano Sganzini.
I 10 artisti fuori concorso:
Salvatore Astore, Leonida De Filippi, Luisa Elia, Andi Kacziba, Elena Modorati, Daniele Papuli, Raffaele Penna, Elisabeth Scherffig, Carla Tolomeo e Zoltán Tombor.
Il Comitato scientifico del 2° premio cramum:
Silvia Berselli – restauratrice di fotografia; Leonardo Capano – storico d’arte; Angela Madesani – critico, curatore e storico d’arte; Michela Moro – giornalista RAI5; Antonello Negri – storico d’arte; Renato Rizzo – giornalista culturale.

Il catalogo della mostra è edito da SKIRA.

L’associazione cramum promuove l'arte contemporanea e supporta i migliori giovani artisti che operano in Italia, a prescindere dalla loro origine. L’obiettivo ultimo è mettere nelle condizioni questi talenti di vivere della propria arte.
L’arte e la cultura sono il futuro del nostro Paese. Tutti hanno il dovere di contribuire nell’ottica di una strategia a lungo termine: cramum ci prova organizzando il suo premio per giovani artisti, che cerca di accompagnare lungo la loro crescita professionale.
Il giorno dell’inaugurazione, 13 maggio alle ore 18:30, sarà proclamato il vincitore del 2° premio cramum, al quale verrà conferito il cubo di pietra, simbolo del premio cramum. Su progetto dell’architetto Antonio Frassà, il cubo di pietra è stato realizzato e donato dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano con il marmo di Candoglia, lo stesso con cui è costruito il Duomo di Milano.

L’evento è stato realizzato dall’associazione cramum con il supporto della Fondazione Giorgio Pardi, della Provincia di Milano - Assessorato Moda Eventi EXPO 2015 – e della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.
Con il patrocinio di: Regione Lombardia, Comune di Milano, Ambasciata della Repubblica di Malta in Italia, Consolato Generale di Ungheria a Milano, Consolato generale di Svizzera a Milano, Consolato Generale della Repubblica Popolare di Cina a Milano, Università degli Studi di Milano, Goethe-Institut Mailand, Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, Istituto Europeo di Design.