Project room #4 – Anna-Bella Papp

Milano - 29/03/2017 : 19/05/2017

L’esposizione – prima di tre Project Room 2017, il cui progetto scientifico è curato da Simone Menegoi – presenta un nucleo di opere, tutte inedite per l’Italia, che si distinguono per il loro carattere spiccatamente figurativo.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE ARNALDO POMODORO
  • Indirizzo: via Vigevano 9 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 29/03/2017 - al 19/05/2017
  • Vernissage: 29/03/2017 ore 18
  • Autori: Anna-Bella Papp
  • Curatori: Simone Menegoi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al venerdì, dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 19:00
  • Uffici stampa: CLP

Comunicato stampa

Dal 30 marzo al 19 maggio 2017, la Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano ospita la mostra di Anna-Bella Papp (1988), artista di origine romena che vive e lavora ad Anversa, le cui opere consistono in sculture di argilla cruda che si collocano liberamente fra astrazione e figurazione.


L’iniziativa è uno degli appuntamenti ufficiali di “Art Week”, il programma promosso dal Comune di Milano in occasione di Miart



L’esposizione – prima di tre Project Room 2017, il cui progetto scientifico è curato da Simone Menegoi – presenta un nucleo di opere, tutte inedite per l’Italia, che si distinguono per il loro carattere spiccatamente figurativo: sono rilievi che riproducono volti e dettagli di corpi di operai edili e dei loro utensili, quasi frammenti di un fregio celebrativo contemporaneo del lavoro operaio, che suscitano domande sulle condizioni di lavoro svolto nelle nostre economie neo-liberali, sull’identità di chi lo svolge e sulla sua visibilità sulla scena sociale.

A queste opere, dotate di una particolare sfumatura di realismo, ne saranno accostate altre di carattere più astratto, nelle quali tuttavia è possibile cogliere riferimenti all’architettura.

Come afferma Simone Menegoi: “Le coordinate di Anna-Bella Papp si riassumono in poche parole: un materiale modesto – l’argilla cruda, associata più agli hobby che all’arte contemporanea – e un formato che si ripete pressoché uguale – formelle quadrate o rettangolari di pochi centimetri di spessore, presentate per lo più in orizzontale su dei tavoli. La gamma di variazioni che Papp riesce a produrre all’interno di limiti così ristretti è sorprendente: da una parte crea composizioni la cui essenzialità rimanda al confronto con la scultura astratta degli anni Trenta o con la scultura minimalista; al polo opposto troviamo bassorilievi che ritraggono, con precisione di dettaglio, volti e figure umane”.

“Fra questi due estremi – continua Simone Menegoi – Papp ha dato vita a un corpus di opere che esplorano con sottigliezza il confine fra astrazione e figurazione, immagine e materia, e i cui riferimenti iconografici e compositivi provengono tanto dalle arti maggiori quanto dalle arti applicate, dall’archeologia, dall’architettura”.

Con l’iniziativa delle Project Room la Fondazione mette a disposizione di giovani artisti Under 40 i suoi spazi e le sue competenze in materia di ideazione e realizzazione di progetti artistici, promuovendo inoltre una serie di attività didattiche curate dal Dipartimento educativo per accompagnare anche i più piccoli alla scoperta dell’arte contemporanea.