Progetto Memip

Torino - 26/11/2012 : 26/11/2012

Una giornata di studi dedicata al progetto Memip, Medieval enamels, metalwork and ivories in Piedmont: art-historical and scientific methods for evaluation.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CIVICO D'ARTE ANTICA - PALAZZO MADAMA
  • Indirizzo: Piazza Castello - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 26/11/2012 - al 26/11/2012
  • Vernissage: 26/11/2012 ore 9.30
  • Generi: incontro – conferenza
  • Biglietti: previa registrazione
  • Sito web: www.arc.unito.it

Comunicato stampa

Lunedì 26 novembre 2012, a Palazzo Madama si tiene una giornata di studi dedicata al progetto Memip, Medieval enamels, metalwork and ivories in Piedmont: art-historical and scientific methods for evaluation. Durante tutta la giornata, a partire dalle ore 9.30, si alterneranno interventi da parte degli enti coinvolti nel progetto su problemi storico-artistici e scientifici che daranno conto dei più recenti risultati delle indagini condotte su opere in smalto, avorio e metallo medievali in Piemonte e nell’arco alpino occidentale



Il progetto Memip, finanziato dalla Regione Piemonte e avviato nel 2010, è dedicato allo studio integrato delle opere di oreficeria, smalto e avorio presenti nelle principali istituzioni museali piemontesi, dal punto di vista storico-artistico e scientifico. Memip vede la collaborazione fra i Dipartimenti di Studi Storici e di Chimica dell’Università degli Studi di Torino, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, la Galleria Sabauda (Soprintendenza ai Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte), il Museo del Tesoro del Duomo, la Fondazione Museo del Tesoro del Duomo e Archivio Capitolare di Vercelli.

Obiettivo del progetto Memip è la valorizzazione del patrimonio artistico piemontese attraverso lo studio interdisciplinare, storico-artistico e scientifico, delle opere medievali d’arte suntuaria (oreficeria, opere in metallo e avorio) conservate dalle istituzioni museali della Regione, con alcune incursioni, dettate da ragioni storiche, in Valle d’Aosta, Vaud e Savoia; tali opere in molti casi costituiscono documenti che consentono di stabilire in Piemonte un osservatorio privilegiato dell’arte del Medioevo.

La ricerca si pone, inoltre, l’intento di creare protocolli di analisi da utilizzare nella valutazione e nello studio delle opere, in particolare in casi in cui vi siano dubbi sull’autenticità e sulla cronologia di riferimento; il caso dell’oreficeria limosina è in questo senso esemplare, vista la presenza in molti musei, accanto a opere originali, di repliche otto-novecentesche sulla cui valutazione le analisi della composizione dei materiali possono essere dirimenti. La collaborazione tra competenze scientifiche e storiche intende portare a una più completa e approfondita conoscenza del patrimonio storico-artistico offrendo, dunque, strumenti e azioni di tutela mirate ed efficaci.

Il progetto avrà come esito la pubblicazione di due cataloghi sistematici dedicati rispettivamente alle raccolte di smalti e di avori di Palazzo Madama, il censimento e lo studio degli avori e degli smalti medievali conservati sul territorio (in Piemonte, Valle d’Aosta e Savoia), le analisi scientifiche su tutti gli oggetti in smalto limosino del Museo Civico d’Arte Antica e alcune opere scelte in metallo e smalto degli enti coinvolti. Ogni anno, in una giornata di studi, le unità di ricerca coinvolte comunicano i risultati del proprio lavoro.


Programma della giornata

ore 9.30
Enrica Pagella (Palazzo Madama), Introduzione alla giornata di studio
ore 9.45
Saluti delle Istituzioni
ore 10.15
Fabrizio Crivello (Università degli studi di Torino), Avanzamento dei lavori sul progetto Memip
ore 10.30
Simonetta Castronovo (Palazzo Madama), Smalti limosini in Savoia, Vaud e Valle d’Aosta
ore 10.50
Angelo Agostino (Università degli studi di Torino), Analisi chimiche sugli smalti del Museo Civico d’Arte Antica di Torino
ore 11.10
Paola E. Boccalatte (collaboratore Palazzo Madama), Falsari di oggetti preziosi tra Otto e Novecento.
ore 11.30
Gaia Fenoglio (Università degli studi di Torino), Gli smalti nelle legature preziose medievali del Nord Italia
ore 11.50
Lorenza Operti (Università degli studi di Torino), I metalli nelle legature preziose medievali del Nord Italia
ore 12.10
Giovanna Saroni (Università degli studi di Torino), Avori embriacheschi in Piemonte
ore 14.00
Silvia Faccin (borsista Fondazione Museo del Tesoro del Duomo e Archivio Capitolare di Vercelli), Bacili romanici incisi del Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli: indagini preliminari
ore 14.20
Maurizio Aceto (Università degli studi del Piemonte Orientale), Analisi sul corredo di gemme della legatura del codice C di Vercelli
ore 14.40
Saverio Lomartire (Università degli studi del Piemonte Orientale), La legatura del codice C della Biblioteca Capitolare di Vercelli
ore 15.00
Elisa Robotti (Università degli studi del Piemonte Orientale), Applicazione della chemiometria ai beni culturali: tecniche multivariate applicate a indagini spettroscopiche su gemme
ore 15.20
Fabrizio Crivello (Università degli studi di Torino), Vetri dorati e graffiti tardoantichi del Museo Civico d’Arte Antica di Torino: osservazioni preliminari
Discussione


Per ragioni dettate dalla capienza limitata della sala, è necessario iscriversi sul sito www.arc.unito.it