Premio internazionale fotografia Gabriele Basilico

Milano - 28/01/2016 : 28/01/2016

Il Premio, biennale, dedicato alla memoria di Gabriele Basilico (Milano, 1944-2013), grande protagonista della fotografia di architettura e di paesaggio internazionale, intende diventare nel tempo un punto di riferimento per la ricerca e la sperimentazione dei linguaggi visivi presso le nuove generazioni, con le quali l’artista milanese, indiscussa figura di maestro, si è sempre posto in dialogo in modo aperto e costruttivo.

Informazioni

Comunicato stampa

Premio internazionale di fotografia di architettura e paesaggio Gabriele Basilico (I edizione): ecco il vincitore.

È Maria Gruzdeva, russa, nata nel 1989 e residente a Londra, ad aggiudicarsi la prima edizione del Premio Basilico.


Gruzdeva: Red star monument, Severodvinsk, Arkhangelsk region

cerimonia di premiazione – conferenza stampa:
28 gennaio 2016, h. 12.00
Fondazione Riccardo Catella
via G

De Castillia, 28 – 20124 Milano


La giuria del Premio - indetto dall’Ordine degli Architetti di Milano, dallo Studio Gabriele Basilico e dalla Fondazione Studio Marangoni - si è riunita il 12 dicembre 2015 presso la sede dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano e ha analizzato e discusso i progetti fotografici pervenuti, selezionando 6 finalisti e individuando infine il vincitore della prima edizione del Premio.

Il Premio, biennale, dedicato alla memoria di Gabriele Basilico (Milano, 1944-2013), grande protagonista della fotografia di architettura e di paesaggio internazionale, intende diventare nel tempo un punto di riferimento per la ricerca e la sperimentazione dei linguaggi visivi presso le nuove generazioni, con le quali l’artista milanese, indiscussa figura di maestro, si è sempre posto in dialogo in modo aperto e costruttivo.

Proposti da 42 autori under 35 selezionati da 25 segnalatori indicati dalla giuria (critici, curatori, docenti, direttori di musei, specialisti di fotografia e arti visive) in 28 paesi di tutti i continenti, i progetti pervenuti hanno preso in considerazione temi quali l’architettura storica, quella contemporanea, il paesaggio antropizzato, la fotografia di interni, la nascita di nuovi luoghi e ogni tipo di complessità dei territori del mondo globalizzato in trasformazione.

Questi i nomi dei sei fotografi finalisti: Maria Gruzdeva (Russia), Andreas Valentinas Rutkauskas (Canada), Ieva Saudargaite (Libano), Alberto Sinigaglia (Italia), Danila Tkachenko (Russia), Nina Elise Vossen (Olanda).
Tra questi la giuria ha dichiarato vincitrice Maria Gruzdeva, che ha proposto un progetto dedicato alle trasformazioni che vive oggi la città di Tkvarcheli, situata nel territorio caucasico dell’Abcasia. Creata negli anni Quaranta durante il periodo stalinista, la città ha a lungo basato la sua economia sulla estrazione del carbone per l’industria sovietica. Con i primi anni Novanta, con il crollo dell’Unione Sovietica e in seguito alla guerra abcaso-georgiana, a Tkvarcheli la produzione del carbone entra gravemente in crisi e la città decade a luogo di rovine. Oggetto di analisi di Maria Gruzdeva è ciò che resta della città, della sua economia industriale, degli abitanti sopravvissuti. Il lavoro della giovane artista vedrà convivere immagini che documentano l’attuale paesaggio urbano, ritratti degli abitanti, materiali d’archivio, per una riflessione sulla storia e sui mutamenti della città.
La giuria ha giudicato importante il modo in cui Maria Gruzdeva vorrà affrontare un territorio segnato da così gravi mutamenti bellici, economici, politici, sociali, attraverso l’utilizzo del metodo documentario e insieme della ricerca negli archivi storici, in linea con le attuali tendenze dei linguaggi della ricerca fotografica contemporanea.
Il Premio consiste nella somma di 15.000 Euro. La vincitrice dispone di 8 mesi di tempo per la realizzazione del progetto, la cui consegna dovrà avvenire entro il 1° settembre 2016. Il libro relativo al progetto di Maria Gruzdeva sarà pubblicato entro la fine dello stesso anno.

Giuria
Presidente:
Giovanna Calvenzi, Studio Gabriele Basilico, Milano
Stefano Boeri, architetto, Milano
Vincenzo Castella, fotografo, Milano
Francesca Fabiani, responsabile delle collezioni di fotografia, MAXXI, Roma
Alberto Ferlenga, responsabile Architettura e Territorio, Fondazione La Triennale di Milano
Bernard Latarjet, già direttore della Mission Photographique de la DATAR, Paris
Martino Marangoni, presidente della Fondazione Studio Marangoni, Firenze
Sandra Phillips, curatore capo Dipartimento di Fotografia, Museum of Modern Art, San Francisco
Franco Raggi, architetto, vicepresidente dell’Ordine Architetti di Milano
Roberta Valtorta, direttore scientifico, Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo-Milano
Bas Vroege, direttore, Paradox, Edam-Amsterdam





Promosso da:
Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Milano
Studio Gabriele Basilico, Milano
Fondazione Studio Marangoni, Firenze

Con il patrocinio di:
Fondazione Catella, Milano
Fondazione La Triennale di Milano
Fondazione Mast, Bologna
MAXXI, Roma
Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo-Milano
Museum of Modern Art, San Francisco
Politecnico di Milano

Con il sostegno di:
Coima SGR SpA, Milano
Epson Italia, Cinisello Balsamo-Milano
Flexform, Meda
Fondazione Mast, Bologna
Unifor, Turate-Como


I finalisti della prima edizione:
Maria Gruzdeva (Russia), Andreas Valentinas Rutkauskas (Canada), Ieva Saudargaite (Libano), Alberto Sinigaglia (Italia), Danila Tkachenko (Russia), Nina Elise Vossen (Olanda).

Vincitore prima edizione:
Maria Gruzdeva (Russia) - www.mariagruzdeva.com

Contatti:
Premio Internazionale di Fotografia di Architettura e Paesaggio Gabriele Basilico
c/o Ordine degli Architetti, P. P. e C. della Provincia di Milano
via Solferino 19 - 20121 Milano
tel. +39 02 62534390
www.premiogabrielebasilico.ordinearchitetti.mi.it
[email protected]