Poubelle. 5

Alghero - 28/12/2011 : 03/01/2012

"Poubelle. 5 - Il bello della spazzatura” una grande rassegna di arte pubblica dedicata al riciclo creativo.

Informazioni

Comunicato stampa

Ad Alghero “POUBELLE.5 – Il bello della spazzatura” una grande rassegna di arte pubblica dedicata al riciclo creativo.

Diversi caratteri visivi, linguistici, culturali e prospettici messi a confronto da sedici artisti attraverso le loro percorrenze espressive.


Giunta alla sua quinta edizione la mostra d'arte contemporanea POUBELLE.5 quest'anno ospita 16 artisti che esporranno le loro opere nei locali del Mercato Civico Ortofrutticolo di via Sassari ad Alghero



Ideata e organizzata dall'attivissima associazione culturale Dea Madre con il contributo del Comune di Alghero, della Fondazione META e del consorzio dei commercianti AlgheroInCentro, questa edizione vede tra le novità la partecipazione di Chiara Demelio, artista di fama nazionale e docente di scenografia all'Accademia di Belle Arti di Sassari, che per l'occasione ha curato i testi critici.

Riciclare gli oggetti di uso comune e materiale di scarto per dargli nuova vita sotto una veste artistica non è un fatto nuovo, ci sono esempi di opere composte letteralmente da ʻspazzaturaʼ nei più prestigiosi musei dʼarte contemporanea nel mondo, dal Moma di New York al Macro di Roma, dal Guggenheim di Bilbao alla Tate Modern di Londra, ma alla luce della recente e sempre più allarmante crisi economica globale e dellʼemergenza rifiuti, questo modus operandi risulta quasi un dictat salvifico. E se è vero che ʻla bellezza salverà il mondoʼ, come Dostoevskyj fa pronunciare al folle protagonista de LʼIdiota, e che ʻla follia è lʼunica vera compagna e protezione agli uomini in ogni età ed occasioneʼ, (Erasmo da Rotterdam- Elogio alla follia), e che gli artisti vivano sulla propria esistenza un rapporto tra genialità artistica e follia (Paolo Fresu – Time in Jazz 2011), allora è giusto ascoltare e saper osservare gli spunti e le indicazioni che gli artisti offrono nelle loro forme ed esperienze di ricerca.

Fino al 3 di gennaio sarà possibile vedere gli scatti di Antonio Mannu, Paola Rizzu, Fabio Petretto, Vittoria Pirrone, Margherità Staglianò, Fabio Piccioni e Costantino Idini, le installazioni di Giovanni Pala, Pierpaolo Luvoni, Mariella Manconi e Antonella Muresu e il lavoro degli street artists Alessio Carta, Salvatore Angius, Daniele Sanna, Manuel Riu e Federico Carta impegnati nel riciclaggio di una parete di cemento che verrà tramutata in opera d’arte permanente. Con un ‘aggressione’ tonale e coloristica di varia natura gli artisti intaccheranno la parete compresa tra il parcheggio di via Lo Frasso e la neonata Piazza dei Mercati, grazie al sostegno di Europol.

All'inaugurazione, prevista per mercoledì 28 dicembre alle ore 19 nei locali del mercato, l'artista Claudia Aru presenterà in esclusiva il progetto inedito della Nootempo Records “Alighendi”, un viaggio sonoro fatto di musiche, suoni, voci di strada e ricordi del passato in cui tutto si ricicla e diventa "canzone".