Pierluca Cetera – Tarli

Corato - 23/01/2015 : 22/02/2015

Pierluca Cetera mette in scena una mostra che si articola in due sezioni: la prima ispirata al “giudizio di Paride” con le opere “ἰσχύς”, “πλοῦτος”, “κάλλος, le tre dee che si contendevano la “mela per la più bella”; la seconda con la serie “cariatidi” dove i corpi si stagliano su sfondo lucido, allude ad uno specchio, e raffigurano i frammenti di ragazze intente a farsi un autoscatto.

Informazioni

  • Luogo: COART GALLERY
  • Indirizzo: Vico San Francesco 4/6 - Corato - Puglia
  • Quando: dal 23/01/2015 - al 22/02/2015
  • Vernissage: 23/01/2015 ore 20.30
  • Autori: Pierluca Cetera
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al sabato h.10-12, 18-21

Comunicato stampa

Si terrà Venerdì 23 Gennaio alle ore 20:30 presso la CoArt gallery, Vico S.Francesco 4/6 (piazza Di Vagno) a Corato, l’ opening di “Tarli” mostra personale di Pierluca Cetera a cura di Alexander Larrarte.

Per quanto la scienza possa compiere progressi straordinari non appaga, con le sue aride risposte, gli interrogativi che dimorano nell’ animo degli uomini. Cielo, terra , mare, vita e morte, un universale bisogno di senso spiegato nel divino.
Da ciò è derivato quello straordinario patrimonio di miti, la mitologia ha avuto per millenni, la funzione di spiegare il mondo agli uomini

I miti non sono appannaggio unicamente della cultura greca e di quella occidentale in genere, ma presenti in qualunque civiltà e ad ogni latitudine, la loro importanza in ogni terra è testimoniata fin dalle origini dalla produzione di immagini votive. Il mito non solo viene rappresentato visivamente, ma finisce per condizionare tutto il mondo culturale che da questo dipende, dalla ritualità delle feste alle realizzazioni architettoniche fino agli usi e ai costumi sessuali.

Pierluca Cetera mette in scena una mostra che si articola in due sezioni: la prima ispirata al “giudizio di Paride” con le opere “ἰσχύς”, “πλοῦτος”, “κάλλος, le tre dee che si contendevano la “mela per la più bella”; la seconda con la serie “cariatidi” dove i corpi si stagliano su sfondo lucido, allude ad uno specchio, e raffigurano i frammenti di ragazze intente a farsi un autoscatto.
La serie dei dipinti è un work in progress e nasce da una profonda e attenta riflessione dell’ artista sulla crisi, soprattutto culturale, che sta attraversando l’ Europa e, in particolar modo Grecia e Italia.
I diversi soggetti si ispirano alla mitologia e le figure, su sfondo nero, sembrano frammenti di sculture. Tuttavia i soggetti sono attualizzati, richiamando lo spirito pedagogico dell'antica statuaria greca. I corpi non sono idealizzati e sottolineano un allontanamento dalla ricerca di perfezione dell'arte greca. Oltre a mostrarsi come frammenti in uno spazio indefinito, la massa è segnata da buchi in tutto il corpo. Il riferimento, questa volta, è all'arte neoclassica e al tentativo di “imitare” l'arte classica. Canova utilizzava un particolare “metodo” per (far) realizzare le sue sculture, che prevedeva la ricerca dei “punti di repere”, che poi, sulla scultura ben levigata, apparivano come dei buchi. L'artista poi richiudeva i buchi e rivestiva l'opera con la cera (in alcune interpretazioni il termine sincera deriverebbe da “ senza cera, con riferimento agli scultori che non usavano la cera per mascherare i difetti delle proprie opere, e quindi sinceri, genuini”).
Anche in questo caso, la citazione offre uno spunto per far “degenerare” il concetto, infatti i buchi si moltiplicano fino a sembrare dei tarli.
Il termine tarli rimanda direttamente agli insetti che scavano le gallerie nel legno (i dipinti, pur alludendo a sculture in marmo, sono su tavola, segnando un ulteriore distanza dall'arte antica), ma richiama anche, in senso figurato, la noia, il rancore, il tormento.

Info/contatti
Tarli
mostra personale di Pierluca Cetera
a cura di Alexander Larrarte
CoArt gallery, Vico S.Francesco 4/6 – Corato (Ba)
Opening Venerdì 23 Gennaio 2014, h. 20:30
Dal 23/01 al 22/02, dal lunedì al sabato
h. 10-12; 18-21
Tel. 349. 61. 41. 159
e-mail [email protected]










Pierluca Cetera, nato a Taranto il 13-11-1969.
vive e lavora a Gioia del Colle (Ba)
canale su youtube:
http://www.youtube.com/results?search_query=peterzetl&aq=f

principali mostre personali:
2014 - il Bosco a cura di Vincenzo Schino, CAOS di Terni
2013 - “Scritturati” , galleria FormaQuattro, Bari
2012 - “Porta in Faccia”, a cura di ArtSob, Lucrezia Naglieri e Lara Carbonara , Porta Baresana, Bitonto
2011 - Vieni Dentro, nell'ambito del progetto Murart a cura di Nuccio Altieri della Provincia di Bari sexy shop Le Pon Pon, Bari
2012 - “la (mala) creanza”, a cura di Roberto Lacarbonara, galleria FormaQuattro, Bari
2011 - “emiCRANIA (con aura)” testo critico di Antonella Marino, studio d'arte Fedele, Monopoli.
2011 - “ le Cavie” nell'ambito della rassegna “senso plurimo” a cura di Marinilde Giannandrea presso i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce.
2010 – “la Pensée du Dehors” a cura di Roberto Lacarbonara e Luca Arnaudo, associazione culturale Entropie, presso la masseria Mavù di Locorotondo (BA)
2008 - "Euclidea" personale a cura di A.Trabucco e M.C. Valacchi, presso la galleria Arte Boccanera Contemporanea di Trento
2007 – “Tre.e” (tripersonale) Pinacoteca Civica di Follonica (GR), a cura di Maria Chiara Valacchi, testi critici di Maria Chiara Valacchi e Alessandro Trabucco;
2006- “le Ore”personale presso la galleria Paolo Erbetta di Foggia, testo critico Alberto Zanchetta
2004 – “La conquista della posizione eretta” Vorraum space, galerie Urs Meile , Lucerna, a cura di Nataline Colonnello.
2003 –“REPLAY”, personale presso la galleria “Biz-art” di Shangai, a cura di Monica Demattè; testi di Maurizio Giuffredi e Monica Demattè.

Principali mostre collettive:
2014 – Italia Moderna – Consolato Edimburgo a cura dell’Istituto Italiano di Cultura di Edimburgo
2014 – étrA – palazzo Romano – Gioia del Colle (BA)
2014 – Apulian Aliens – Alpha Art Gallery - Edinburgh
2014 – Lavori in corso a cura di Toti Carpentieri, Must – Museo Storico, Lecce
2013 - Spiaggia libera a cura di Antonella Marino, Coco Beach Club, Cozze
2013 - Forme in movimento , a cura di Elisabetta Longo, chiesa di San Salvatore, Monopoli (BA)
2012 - Open Space 2 incursioni figurative, a cura di Carmelo Cipriani, Palazzo Arnone, galleria nazionale di Cosenza
2012 - A modo suo. Aspetti della pittura contemporanea a cura di Lorenzo Madaro, E-lite studio gallery, Lecce
2012 - Ouverture- la Festa dell'Arte a cura di Roberto Lacarbonara, Antonio Frugis, Nicola Zito, Museo Pino Pascali, Polignano
2012 - “espiare” a cura di Roberto Lacarbonara e Alexander Larrarte, ex convento dei Padri Domenicani, Ruvo di Puglia
2011 – 54°Biennale di Venezia- sezione pugliese a cura di Vittorio Sgarbi, Santa Scolastica Bari
2011 - “affinità elettive” a cura di Luigi Meneghelli , presso la galleria ArteBoccanera Contemporanea di Trento.
2009- “SINGOLARI” a cura di Monica Demattè, ex-convento di Santa Chiara a Castellaneta (TA);
2008- "Allarmi 4" a cura di Alessandro Trabucco, caserma De Cristoforis di Como
2007- “ Voci Silenti” a cura di Alessandro Trabucco e Jessica Anais Savoia, presso Atre spazio, Milano
2007 – “Arte Italiana 1968-2007 Pittura” Palazzo Reale di Milano, una mostra ideata da Vittorio Sgarbi e cura di Maurizio Sciaccaluga;
2005 – “ Memoria Contemporanea” Spazio Liberty, centrale Taccani, Trezzo sull’Adda (Mi)
a cura di Maria Chiara Valacchi.
2005 - “Crysalis” Castello Svevo di Bari, a cura di Grazia De Palma.
2004 – “ Gemini Muse” Pinacoteca Provinciale di Bari , a cura di A.Marino.
2004 – “GAP”, installazione della serie “PARTI” presso il Museo Diocesano a Bari, a cura di Antonella Marino, Lia De Venere e Marilena Di Tursi.
2001 – “Art&Maggio”, Sala Murat, a cura di Antonella Marino, Bari.
1998 – “Unheimlich”, a cura di M. Giuffredi, ex Monastero S. Chiara, Castellaneta (TA).