Pier Paolo Pasolini. Urlare la verità

Roma - 01/11/2015 : 01/11/2015

Il MAXXI rende omaggio a Pier Paolo Pasolini con un evento speciale a 40 anni dalla sua scomparsa.

Informazioni

  • Luogo: MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
  • Indirizzo: Via Guido Reni 4a - Roma - Lazio
  • Quando: dal 01/11/2015 - al 01/11/2015
  • Vernissage: 01/11/2015 ore 21 auditorium
  • Autori: Pippo Delbono
  • Generi: performance – happening, serata – evento
  • Biglietti: biglietto € 10 valido anche per ingresso la museo fino a domenica 29 novembre

Comunicato stampa

Pier Paolo Pasolini. Urlare la verità
reading di e con Pippo Delbono

MAXXI, Domenica 1 Novembre, ore 21, unica rappresentazione

Il MAXXI rende omaggio a Pier Paolo Pasolini con un evento speciale
a 40 anni dalla sua scomparsa

Auditroium del MAXXI, biglietto € 10
valido anche per ingresso la museo fino a domenica 29 novembre

www.fondazionemaxxi.it

Roma, ottobre 2015. A 40 anni dalla sua scomparsa, il MAXXI celebra Pier Paolo Pasolini, regista, scrittore poeta. E lo fa con le parole e la fisicità di un artista altrettanto intenso, profondo, controcorrente: Pippo Delbono


In anteprima assoluta, domenica 1 Novembre alle ore 21 (Auditorium del MAXXI, biglietto €10 validio anche per ingresso al museo fino a domenica 29 novembre), Delbono – autore, attore e regista - sarà in scena con il reading Pier Paolo Pasolini. Urlare la verità, pensato appositamente per il museo.

“Pasolini – dice Pippo Delbono - credo sia stato uno dei rari esempi di persona coerente proprio nell’incoerenza dell’essere umano che cambia nelle idee, nei pensieri, nei giudizi, nelle opinioni ma rimane coerente nel profondo dell’anima. Pasolini con i comunisti contro i comunisti, contro il papa con il papa, con i rivoluzionari del ’68 e contro di loro… Che denunciava il fascismo dietro la democrazia, il perbenismo dietro il comunismo, la rigidità morale dietro l’apparente libertà. Il colpevole che non si è mai pentito. Il poeta che danzava contro il triste cammino di un mondo verso la normalità come accettazione della menzogna”.

Dopo La Rabbia, lo spettacolo dedicato a Pasolini creato da Delbono nel 1995, la poesia, il pensiero, l’evocazione di Pier Paolo Pasolini sono costanti nel lavoro teatrale e cinematografico di Pippo Delbono, come una presenza viva e illuminante. Urlare la verità è un percorso dove l’artista rifà i conti con i testi di Pasolini che lo hanno sempre segnato e accompagnato, e che diventano musica negli spazi fascinosi del MAXXI in un nuovo omaggio alla presenza sempre viva del poeta nelle nostra vita, alla sua voce profetica mai taciuta.

“Buonasera. Ai tempi di Pasolini io ero molto piccolo. Erano gli anni sessanta… il boom degli anni ‘60, quando tutti si compravano le prime lavatrici, i televisori, le Fiat 600... e mi ricordo che mio papà veniva a prenderci a scuola, a me e mia sorella, che eravamo molto piccoli, e ci chiamava da lontano in dialetto genovese; ora nessuno parlava più il dialetto, tutto era proiettato verso la modernità, e mi ricordo che di questo noi ci vergognavamo moltissimo… Era questa sua voglia di essere un po’ fuori luogo in tutte le circostanze... E a questo proposito mi ricordo di aver letto di Pasolini che una volta si era presentato a un premio letterario, una situazione diciamo un po’ chic, e prima era stato a giocare a calcio con dei ragazzi, ed era arrivato così, tutto sporco di terra, e questo aveva creato un certo imbarazzo in sala; e di questo lui rideva moltissimo…”.
Così inizia La rabbia, lo spettacolo dedicato a Pier Paolo Pasolini che Pippo Delbono ha creato nel 1995, su richiesta di Laura Betti per il ventennale della morte del poeta. Faceva parte di tutta una serie di eventi, firmati da grandi nomi che davano alla Betti una grande sicurezza sul prestigio della celebrazione. Mentre non conosceva il lavoro di Pippo Delbono, ed era insospettita dal suo interesse per un film di Pasolini considerato minore, La rabbia appunto. Da allora, La rabbia ha continuato a girare il mondo e la “presenza” di Pier Paolo Pasolini è una costante nel lavoro di Pippo Delbono.