Per Barclay – Cavallerizza Palazzo Mazzarino

Milano - 02/04/2019 : 31/05/2019

Il lavoro di Per Barclay si muove per di più su due strutture percettive entrambe connotate da una consistenza estetica elevatissima.

Informazioni

Comunicato stampa

The Sense of Faithfulness

text by Agata Polizzi

If we had to provide a demonstration of equivalence – in accordance with the intentions of Ernst H. Gombrich (Art and illusion, New York/London 1960) – so as to consider how much the images produced by the arts can be compelling even if they don’t reflect the depicted reality so closely, we could certainly assert that, in the case of Per Barclay’s works, the face of illusion is as true as reality itself


Per Barclay’s artwork mainly moves around two perceptive structures, which are both characterized by a highly aesthetic consistency. There is no discordance between the subject and its representation, because there exists a perfect continuity of perception between them, that it’s similar to an echo.
In the oil chamber he created for the “Cavallerizza“, the historical stables of Palazzo Mazzarino in Palermo, the artist once again allows the dynamic force of space to characterize the perception of reality by replicating it. Crossing optical boundaries becomes a generative action and the act of “showing” has a huge creative power in itself, which in fact is even capable of making illusions appear as real.
So, both in the big metal tub installation and in the ensuing photographic rendering, the columns are real, the vaults and archs are real, as well as all the other architectural elements that offer a faithful representation of themselves, even though they’re replicated in their glassy reflection.
There is nothing counterposed between reality and its representation – the original scene is always maintained, both content and shape are untouched, nothing has been lost.
Per Barclay’s work is defined by a deep “sense of faithfulness” because his perspective suggests the same experience of the depicted reality – while time passes by, the light stays unchanged, as well as dimensions, the layout and even the substance. (read more)


IT_
Il senso della fedeltà

di Agata Polizzi

Volendo fare una dimostrazione di equivalenza – secondo l’intenzione di Ernst H. Gombrich (Art and illusion, New York/Londra 1960) – per considerare quanto le immagini prodotte dall’arte possano essere convincenti anche senza essere effettivamente aderenti alla realtà rappresentata, potremmo certamente affermare nel caso delle opere di Per Barclay che la fisionomia dell’illusione è altrettanto vera quanto quella della realtà stessa.
Il lavoro di Per Barclay si muove per di più su due strutture percettive entrambe connotate da una consistenza estetica elevatissima. Non c’è dissonanza tra il soggetto e la sua rappresentazione, perché esiste tra loro una perfetta continuità, simile ad una eco.
Nella camera d’olio realizzata per la Cavallerizza di Palazzo Mazzarino a Palermo, l’artista, ancora una volta, permette che sia la forza dinamica dello spazio a connotare, replicandola, la percezione della realtà, laddove il superamento dei confini ottici diventa azione generativa e l’atto del “mostrare” ha in sé un enorme potere creativo, capace appunto di rendere vera persino un’illusione.
Sia nell’installazione della grande vasca che nella successiva restituzione fotografica, vere sono dunque le colonne, veri sono le volte e gli archi, veri sono tutti gli elementi architettonici che, pur replicati nel riflesso vitreo, offrono la rappresentazione fedele di se stessi.
Nulla si contrappone tra realtà e rappresentazione, la scena originaria è sempre mantenuta, sia il contenuto che la forma sono intatti, verificati, nulla di loro si è perso.
Un profondo “senso della fedeltà” caratterizza il lavoro di Per Barclay, perché la sua visione propone la medesima esperienza della realtà rappresentata, la luce è la stessa al variare delle ore, così come lo sono le dimensioni, la distribuzione e perfino la sostanza.