Paolo Barbieri – L’inferno di Dante

Bologna - 28/11/2012 : 11/12/2012

Barbara Baraldi e Paolo Barbieri sono i protagonisti dell’incontro Raccontare i luoghi della paura. La Baraldi è infatti l’autrice italiana per eccellenza dell’horror, tra romanzi e il fumetto Bloodymilla nonché la sceneggiatura per lo speciale Dylan Dog nell’estate 2012 (color fest n.9) mentre Barbieri ha da poco pubblicato L’inferno di Dante, oltre ad essere l’illustratore della seguitissima scrittrice italiana di fantasy Licia Troisi. Correda l’incontro l’esposizione delle illustrazioni originali di Barbieri – L’inferno di Dante.

Informazioni

Comunicato stampa

Prosegue nella Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale il ciclo di incontri Il nastro di Moebius dedicato ai linguaggi della contemporaneità. Sei dialoghi moderati da Alberto Sebastiani fra scrittori e fumettisti che, accomunati da esperienze lavorative e affinità, rifletteranno sulla continua interazione creativa tra scritture e linguaggi diversi, una delle cifre della narrazione contemporanea che a Bologna ha molti e validi esponenti, sia tra gli scrittori sia tra i disegnatori, di cui la Biblioteca ospiterà mostre temporanee



Nel secondo appuntamento in programma, mercoledì 28 novembre 2012 alle ore 18, Barbara Baraldi e Paolo Barbieri sono i protagonisti dell’incontro Raccontare i luoghi della paura. La Baraldi è infatti l’autrice italiana per eccellenza dell’horror, tra romanzi e il fumetto Bloodymilla nonché la sceneggiatura per lo speciale Dylan Dog nell’estate 2012 (color fest n.9) mentre Barbieri ha da poco pubblicato L’inferno di Dante, oltre ad essere l’illustratore della seguitissima scrittrice italiana di fantasy Licia Troisi.

La conversazione fra i due autori è l’occasione per scoprire anzitutto la passione per i fumetti dell’autrice, poi per capire i molteplici aspetti di come si racconti la paura, di come sia possibile immedesimarsi in un personaggio come Dylan Dog e infine per scoprire da dove nasca la passione per i luoghi della paura, e come possano essere rappresentati in una città come Bologna, capace anche a fumetti di ospitare così tante storie in nero. Correda l’incontro l’esposizione delle illustrazioni originali di Barbieri – L’inferno di Dante –, fino all’11 dicembre 2012.



IL NASTRO DI MOEBIUS
PROSSIMI DIALOGHI


giovedì 13 dicembre 2012, ore 18
Le affinità elettive
Vasco Brondi e Andrea Bruno
Esposizione delle tavole di Andrea Bruno: Come le strisce che lasciano gli aerei (13 dicembre – 10 gennaio)


mercoledì 16 gennaio 2013, ore 18
(Ri)leggendo Andrea Pazienza
Emidio Clementi e Gianluca Morozzi
Esposizione dei fumetti di Pazienza amati dagli autori: Il “nostro” Paz (16 – 29 gennaio)


venerdì 1 febbraio 2013, ore 18
Quando il mio racconto diventa un fumetto
Marcello Fois e Daniele Serra
Esposizione delle tavole di Daniele Serra: Carne (1 – 11 febbraio)


mercoledì 12 febbraio 2013, ore 18
Dare un volto a Sarti Antonio, dare un volto a Bologna
Loriano Macchiavelli e Otto Gabos
Esposizione delle illustrazioni di Otto Gabos: Per Sarti Antonio (12 – 19 febbraio)



Barbara Baraldi
È autrice di romanzi noir, libri per ragazzi e sceneggiature di fumetti. Scrive per Mondadori la saga dark fantasy Scarlett, giunta al secondo capitolo, intitolato Il bacio del demone.
Insieme a Camilleri, Lucarelli, Carlotto e De Cataldo, è protagonista di Italian noir, il documentario prodotto dalla BBC sul thriller italiano.
È vincitrice di vari premi letterari, tra cui il Gran Giallo città di Cattolica e il premio Valtenesi.
I suoi libri sono accolti con favore dalla critica e dal pubblico, e sono pubblicati in nove Paesi, tra cui Germania, Inghilterra e Stati Uniti. Alcuni titoli: La bambola dagli occhi di cristallo, Lullaby – La ninna nanna della morte, La casa di Amelia.
Ha sceneggiato la storia Il bottone di madreperla, pubblicata su Dylan Dog color fest n.9.
Il suo romanzo più recente è Un sogno lungo un’estate (Einaudi).
www.barbarabaraldi.it



Paolo Barbieri
Nel 1978 fece la sua comparsa in televisione un cartone animato giapponese, Atlas Ufo Robot (Ufo Robot Grendizer), del maestro Go Nagai.
Iniziai a ritrarre l’eroe spaziale ovunque, e in qualunque modo! Credo proprio che sia iniziato allora il mio amore per il disegno. Un po’ più tardi, ho frequentato scuole che mi hanno permesso di approfondire e migliorare la mia tecnica e la mia sensibilità artistica.

Poi, da autodidatta, ho continuato a creare mondi strani e creature misteriose.
Inizialmente preferivo la fantascienza, con le sue astronavi e i mezzi futuristici. Ma a poco a poco, ho scoperto il mondo fantasy, ed ora sono costantemente immerso in immagini di draghi, mostri, eroi con le spade e reami fatati. Oggi lavoro per molte case editrici italiane ed europee, ed ho illustrato copertine per libri di autori come Michael Crichton, Clive Cussler, Desmond Bagley, Ursula L. Guin, George R. R. Martin, Cornelia Funke, Umberto Eco, Sergej Luk’Janenko, Lian Hearn, Bernard Cornwell, Wilbur Smith, Marion Zimmer Bradley etc...
Un discorso a parte meritano i libri di Licia Troisi, di cui ho realizzato tutte le copertine edite da Mondadori.
Ho lavorato anche nel mondo dell’animazione, partecipando alla realizzazione di Aida degli alberi (2001), per cui sono stato direttore del reparto colori alle scenografie (key-backgrounds).
Ho sempre realizzato illustrazioni con aerografo,colori acrilici o ad olio. Dalla fine del 2005 sono passato al’uso del computer e tuttora dipingo digitalmente con Photoshop e Painter IX.