Paola Pivi – Rock the art

Bologna - 18/05/2021 : 30/09/2021

Marchio storico del design italiano, Paradisoterrestre è felice di annunciare la collaborazione con l’artista Paola Pivi e la sua mostra personale Rock the art nella Galleria Paradisoterrestre.

Informazioni

  • Luogo: PARADISO TERRESTRE
  • Indirizzo: Via De’ Musei, 4 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 18/05/2021 - al 30/09/2021
  • Vernissage: 18/05/2021
  • Autori: Paola Pivi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Mar-Sab | 11-19

Comunicato stampa

Marchio storico del design italiano, Paradisoterrestre è felice di annunciare la collaborazione con l’artista Paola Pivi e la sua mostra personale Rock the art nella Galleria Paradisoterrestre in Via De’ Musei 4 a Bologna. Il dialogo tra arte e design, caposaldo dell’esperienza visionaria e anticipatrice di Dino Gavina (1922-2007), fondatore di Paradisoterrestre, prosegue all’insegna dell’eccellenza nel nuovo corso del brand rilanciato nel 2017 da Gherardo Tonelli.

Paola Pivi realizza in esclusiva per Paradisoterrestre Let’em shine art e Universe, presentati in anteprima all’interno della mostra

Let’em shine art è una lampada a parete in edizione limitata, omaggio alla Garbo dell’artista giapponese Mariyo Yagi e ai Bachi da setola di Pino Pascali. Universe è un tappeto in edizione limitata ispirato a una sua precedente opera Untitled (1998), a sua volta realizzata basandosi sull’invito della sua prima mostra personale presso la Galleria Massimo De Carlo a Milano nel 1998.

Affascinata dalla natura ibrida della Galleria Paradisoterrestre, concepita dal direttore creativo Pierre Gonalons come la casa di un collezionista ideale, l’artista si mette in gioco con un’esposizione personale di stampo museale in uno spazio non convenzionale. Il percorso espositivo conduce il visitatore alla scoperta delle opere di Paola Pivi nel susseguirsi di stanze che compongono l’appartamento al primo piano di un palazzo storico, situato nella centralissima zona del “Quadrilatero”, a pochi passi da Piazza Maggiore.

All’ingresso ci accolgono con il loro movimento ipnotico le fluttuanti ruote piumate della serie Time machine, realizzate a partire dal 2016. Queste opere cinetiche, che richiamano gli acchiappasogni degli indigeni americani e la Ruota di bicicletta di Marcel Duchamp, girano a velocità costante, alterando la percezione dello scorrere del tempo.

Si prosegue con Old is gold (2007), scultura composta da migliaia di nastri di colore oro e argento che si stratificano in un monolite frammentato, una moltitudine che si trasforma in unicità, pesantissima ma mobile. Un’opera della stessa serie I am a rainbow too (2004) è presente nella collezione permanente del museo cittadino MAMbo.

Tra scultura e performance nella stanza centrale, per la prima volta in Europa, viene esposta Money machine (true blue, baby I love you), 2013 - un’imponente scultura blu che ogni minuto dispensa denaro in monete e banconote, invitando i visitatori a prenderle e portarle via con se’ e/o a ridepositarle all’interno dell’opera.

Il percorso all’interno della galleria si chiude con la leggerezza immaginifica di I did it again (2018), parte della iconica serie degli orsi polari dai piumaggi psichedelici, recentemente esposta presso il museo Arken di Copenhagen. L’orso, giallo e a grandezza naturale, è schiacciato contro una grande vetrata da una montagna di oggetti che paiono essergli caduti addosso.

Paola Pivi innesca un cortocircuito tra le opere in mostra - grandi installazioni di respiro museale - e l’ambiente domestico che si trovano ad abitare. Con Rock the art la “casa” di Paradisoterrestre diviene contenitore degli universi fantastici di una tra le più importanti artiste nel panorama contemporaneo internazionale.

Si ringraziano le gallerie Massimo De Carlo e Perrotin per la gentile collaborazione.



PAOLA PIVI

Paola Pivi è nata a Milano nel 1971. Vive e lavora fra Anchorage, Alaska, e la Val d’Aosta.

“Con le sue sculture, performance e installazioni Paola Pivi costruisce un mondo contro natura, un universo personale governato dalle leggi dell’assurdo. Le opere dell’artista nascono da imprese ciclopiche ma sono pervase da ironia e leggerezza: con mutamenti di scenario, moltiplicazioni sterminate o stravolgimenti di collocazione, il realismo magico di Paola Pivi trasforma operazioni apparentemente impossibili in gesti di una semplicità spiazzante.” - Massimiliano Gioni, Direttore artistico Fondazione Trussardi, Milano.

Ha ricevuto diversi premi che includono il Leone d’Oro alla 48a Biennale di Venezia per il migliore padiglione nazionale (insieme ad altre artiste) e la fellowship alla American Academy a Roma nel 2011.
Le sue opere sono presenti in prestigiose collezioni permanenti fra cui quella del Guggenheim Museum di New York, del Centre Pompidou di Parigi, della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e del Castello di Rivoli a Torino, e del MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo a Roma.
Ha esposto in importanti musei e gallerie, fra cui: Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (1999), P.S.1 MoMA, New York (2000, 2001, 2003, 2007), MACRO, Roma (2003, 2010), Brown University, Providence (2004), MCA - Museum of Contemporary Art of Chicago (2005), CCA Wattis Institute for Contemporary Arts, San Francisco (2005), White Columns, New York (2005), MassArt - Massachusset College of Art, Boston (2006), Hayward Gallery, Londra (2005), Fondazione Trussardi, Milano (2006), Kunsthalle Basel, Basilea (2007), Portikus, Francoforte (2008), Palazzo Grassi, Venezia (2008), Tate Modern, Londra (2009), Schirn Kunsthalle, Francoforte (2010), Rockbund Art Museum, Shanghai (2012), Dallas Contemporary, Dallas (2016), The Bass Museum of Art, Miami Beach (2018), Museo MAXXI, Roma (2019), Arken Museum of Modern Art, Copenhagen (2020).