Paola Calcatelli – Materia in transizione

Torino - 08/10/2015 : 24/10/2015

Paola Calcatelli mostra installazioni e opere su metallo e nelle quali la matericità è tangibile. Stiamo attraversando territori nuovi e già da tempo l'arte e percorre piste espressive e tecniche che trattano la materia con impostazioni in cui la classicità è piegata alle istanze mediatiche più aggiornate.

Informazioni

  • Luogo: MUTABILIS
  • Indirizzo: Via Dei Mille 25/c - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 08/10/2015 - al 24/10/2015
  • Vernissage: 08/10/2015 ore 18.40
  • Autori: Paola Calcatelli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a venerdì 15.30-19.30 sabato 10.30-13.00/15.30-19.30 chiuso domenica e lunedì

Comunicato stampa

“Materia in transizione” opere di Paola Calcatelli

Paola Calcatelli mostra installazioni e opere su metallo e nelle quali la matericità è tangibile. Stiamo attraversando territori nuovi e già da tempo l'arte e percorre piste espressive e tecniche che trattano la materia con impostazioni in cui la classicità è piegata alle istanze mediatiche più aggiornate.
Al proposito Paola Calcatelli espone l'effimero analizzando sia perdite e aggiunzioni operate su di esso dal tempo, sia il tentativo virtuale e impossibile, sperimentato dalla tecnologia avanzata, di immortalare con le immagini sempre più perfettibili la fisicità oggettuale

L'artista mette in evidenza l'illusorio sforzo della contemporaneità di fermare così l'usura delle cose; questa utopia cela una heideggeriana presenza e metafisica che cambia pelle alle precedenti versioni occidentali dell'essere.
Le creazioni in metallo suggeriscono liriche astrazioni, rugginose, bianche, nero grigiastro, ocra, o con poche e tenui tonalità ottenute con lavorazione di ossidi, gessi e colle (tutti materiali deteriorabili). Sono denominate "opere a termine" per sottolineare in tal modo le inesorabili mutazioni del lavoro artistico su base organica.
Le installazioni viventi invece, chiamate ”bioopere a termine”, supportano lo stesso principio attivando però specifiche fasi: la prima è la riproduzione fotografica dell'elemento naturale ripreso in un dato istante, mentre la seconda è la concreta presentazione del mutamento dello stesso, al momento temporale della mostra. Anche le "tele a termine", opere destinate ad un lento trasformarsi dei gessetti e degli altri strumenti pittorici instabili, sono composizioni intense dove si intersecano piani, forme vagamente geometriche, prospettive impossibili, morbidi segni semicorrosi, fantastiche architetture astratte sui cieli neri.
L'artista ci accompagna lungo il suo tragitto ideativo e poetico, acutamente sottile.
Giovanna Arancio








Cenni biografici

Diplomata presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, Corso di Decorazione.
Presso l’Istituto per l’Arte e il Restauro di Palazzo Spinelli a Firenze segue i corsi di “Introduzione alle Tecniche di Restauro Dipinti” e “Introduzione alle Tecniche di Restauro Legni”.
Ha lavorato come restauratrice e come pittrice.
Ha gestito per la “Scuola degli Antichi Mestieri “ di Torino corsi di pittura e trompe l’oeil.
Ha insegnato “Arts Plastiques” presso la scuola “Licee Francais Jean Giono di Torino.
Attualmente insegna Arte e immagine presso la scuola pubblica.
Dal 2000 ha partecipato a numerose esposizioni personali e collettive
Vive e lavora in una cascina nella pianura cuneese.