Pantani-Surace – La responsabilità dei cieli e delle altezze

Prato - 24/04/2014 : 24/04/2014

La responsabilità dei cieli e delle altezze parte dall’idea di Pantani-Surace, Lia Pantani e Giovanni Surace, che la piazza non appartiene al luogo ma a coloro che la vivono e perciò sarà proprio lì, in piazza, e insieme a loro, i residenti/partecipanti, che si svolgerà l’azione di produzione del messaggio collettivo proposto dagli artisti: “ti amo”.

Informazioni

Comunicato stampa

a responsabilità dei cieli e delle altezze parte dall’idea di Pantani-Surace, Lia Pantani e Giovanni Surace, che la piazza non appartiene al luogo ma a coloro che la vivono e perciò sarà proprio lì, in piazza, e insieme a loro, i residenti/partecipanti, che il giorno 24 aprile, si svolgerà l’azione di produzione del messaggio collettivo proposto dagli artisti: “ti amo”.Sebbene questo messaggio sia ormai diventato una caratteristica del loro lavoro, questa volta sarà scritto in cinese, 我愛你, usando la tecnica della xilografia e con la collaborazione di chi, transitando nella piazza sarà invitato a partecipare a questa azione: saranno i loro piedi a produrre la stampa di ognuno dei tre ideogrammi che compongono ti amo e diventeranno anche protagonisti e conduttori sottili di altri modelli possibili di convivenza. Tutte e tre gli elementi stampati su carta verranno affissi sulle pareti di alcuni edifici di Piazza dell’Immaginario.

Portare l’arte altrove, fuori dai luoghi ad essa dedicati è un’operazione che conduciamo ormai da vari anni, con diverse modalità.
Con Spread in Prato, progetto iniziato nel 2002 curato da Pier Luigi Tazzi, l’arte ha incontrato la città collocandosi in fabbriche, esercizi commerciali, uffici, abitazioni e infine è ritornata nei luoghi del potere.
Questa volta l’arte esce da ogni tipo di spazio chiuso, per andare in piazza, sulle pareti esterne degli edifici di abitazioni e negozi. Incontra i passanti e gli abitanti di una zona della città adiacente al centro storico, piena di vita, contraddizioni, segni, carica di un immaginario che pare dividere la città quasi in parti contrapposte.
Ancora una volta per un determinato periodo di tempo opere d’arte entrano a far parte del quotidiano di un gran numero di persone e il quotidiano di queste persone sarà visibile forse per la prima volta dai frequentatori del mondo dell’arte e in questa occasione, come non abbiamo mai fatto, sarà interessante andare ad indagare la relazione fra le opere installate e il contesto in cui sono inserite e le mutazioni che in questo contesto si sono manifestate.
Pantani-Surace
Lia Pantani e Giovanni Surace collaborano dal 1996 e insegnano all’ Accademia di Belle Arti di Firenze.Tra le diverse partecipazioni: Working Insider, Stazione Leopolda, Firenze; Allineamenti, Trinitatiskirche, Colonia; Mobili, Nosadella due, Bologna; Una giornata particolare, luogo delle possibilità, Teatro Sant’Andrea, Pisa; Au Pair, coppie di fatto nell’arte contemporanea, Fondazione MalvinaMenegaz per le Arti e le Culture, Borgo Medievale di Castelbasso, Teramo; Start Point, Sun Studio 74rosso, Firenze. Tra le mostre personali: Se la memoria mi dice il vero, Certosa Monumentale di Calci, Pisa; Non spiegatemi perché la pioggia si trasforma in grandine galleria nicolafornello, Prato; Ti amo, Galleria Madder 139, Londra; The other party (who’s next, dovrebbe piovere su di voi e non su di me) Galleria Die Mauer e Mura di cinta via Pomeria (giardino d’infanzia), Prato.

Inaugurazione Piazza dell'Immaginario
venerdì 30 maggio
Gabriele Basilico, Andrea Abati, Bleda y Rosa, Pantani-Surace, R.E.P. Revolutionary Experimental Space

Piazza dell'Immaginario è il secondo progetto, dopo Giardino Melampo (Andrea Abati, 2012/2013), che nasce nell’ambito di Mandela Garden, un’idea lanciata da una residente del quartiere che ci “ospita”: costruire giardini in luoghi dimenticati.

Piazza dell'Immaginario è la prima tappa di un percorso che si allargherà fino a diventare una vera e propria galleria all’aperto.

Piazza dell'Immaginario è promossa da Comune di Prato, ASM Ambiente Servizi Mobilità e Circolo Curiel in collaborazione con Centro Per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Associazione Cinese di Li Shui, Associna.

Piazza dell'Immaginario

Piazza dell’Immaginario
Curator: Alba Braza
Organization: Dryphoto arte contemporanea
Thursday 24 April, 11:30 via Pistoiese 142/146, Prato

La responsabilità dei cieli e delle altezze Pantani-Surace

To take art elsewhere, out of the places set aside for it, is an operation we’ve been performing for years, in different ways.
The responsibility of the skies and the heights starts with the idea of Pantani-Surace – Lia Pantani and Giovanni Surace – that the square does not belong to the place, but to the people who live it, and therefore it will be precisely there, in the square, together with those people, the residents/participants, that on 24 April the action will take place to produce the collective message proposed by the artists: “I love you.”While this message has become a characteristic of their work by now, this time it will be written in Chinese, 我愛你, using the xylography technique and with the cooperation of those who pass by in the square, and are invited to take part in the action: their feet will produce the print of each of the three ideograms that compose the phrase, as they become the protagonists and subtle agents of other possible models of coexistence. The three prints, on paper, will be hung on the walls of several buildings of Piazza dell’Immaginario.

With Spread in Prato, a project that began in 2002, curated by Pier Luigi Tazzi, art met the city in factories, stores, offices, homes, and then made its return to the places of power.