Paesaggi di carta e di suoni

Venezia - 08/09/2021 : 08/09/2021

Una serata esclusiva tra musica e arte.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA
  • Indirizzo: Campo Santa Maria Formosa 5252 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 08/09/2021 - al 08/09/2021
  • Vernissage: 08/09/2021 ore 19-22
  • Generi: arte contemporanea, performance – happening, serata – evento, musica

Comunicato stampa

Paesaggi di carta e di suoni
Una serata esclusiva tra musica e arte

mercoledì 8 settembre 2021, ore 19-22
Apertura straordinaria con concerto e aperitivo


Un appuntamento che ritorna, dopo il grande successo di luglio.

Un omaggio a Venezia e al paesaggio, reale e trasfigurato, raccontato dalle mostre in corso.

Con Paesaggi di carta e di suoni la Fondazione Querini Stampaliapropone con una serata esclusiva tra musica e arte, mercoledì 8 settembre 2021, a partire dalle ore 19.
Un'apertura straordinaria con aperitivo, per ammirare le opere in mostrasulle note dal vivo del duo Vendrasco-Tonolo



Posti limitati, su prenotazione a [email protected]

Costo: 22 euro a persona.



Alle ore 19 il concerto in auditoriumTuono e Semituono a cura di Cecilia Vendrasco, flauto, ottavino, flauto basso e Pietro Tonolo, sax tenore, sax soprano, flauto contralto, flutax.

Verranno proposte inedite suggestioni musicali peruna declinazione sonora del paesaggio, storico e contemporaneo, di Venezia.

Manoscritti della Biblioteca Querini Stampalia, canzoni da battello del Settecento, partiture che riecheggiano le produzioni della Biennale Musica, brani ispirati alla storia musicale veneziana, andranno a tracciare una mappa musicale della città.

A partire dalle ore 20 (e fino alle 22) sarà possibile godersi l'atmosfera suggestiva del giardino di Carlo Scarpa sorseggiando un aperitivo,prima o dopo aver visitato le mostre in corso:

Venezia panoramica. La scoperta dell’orizzonte infinitoa cura diGiandomenico Romanelli e Pascaline Vatin.

La più grande veduta di Venezia mai realizzata, quella dipinta nel 1887 dal pittore e decoratore venezianoGiovanni Biasin,viene esposta per la prima volta dopo il recentissimo restauro conservativoche ne ha recuperato gli splendidi colori originali. E’ anche l’occasione per ricostruire, attraverso una sessantina tra incisioni e dipinti, quel viaggio avvincente che parte dalle minuscole vignette xilografiche quattrocentesche, concentrate quasi soltanto su Piazza San Marco, e si allarga man mano a scorci sempre più vasti dello skyline di Venezia, fino ad abbracciarne l’intero orizzonte.



Un’evidenza fantascientifica. Luigi Ghirri, Andrea Zanzotto, Giuseppe Caccavalea cura di Chiara Bertola e Andrea Cortellessa.

Il progetto, terzo atto del programma di ricerca legato al Fondo Luigi Ghirri, mette a confronto fotografia, pittura e poesia aprendo una nuova occasione di valorizzazione tra i linguaggi dell’arte. Il dialogo è a tre: un artista visivo come Giuseppe Cacccavale e un grande poeta come Andrea Zanzotto si confrontano con le opere di Luigi Ghirri sul grande tema del paesaggio. I linguaggi della fotografia, della poesia e della pittura vengono qui a comporre un paesaggio inedito tanto irriconoscibile e trasfigurato da sembrare il paesaggio di un altro mondo, fantascientifico appunto.