On 2014 – Do elephants ever forget?

Bologna - 13/12/2014 : 31/01/2015

Do elephants ever forget? è il titolo scelto per l’edizione 2014 di ON, un progetto di arte contemporanea che invita artisti italiani e internazionali a realizzare opere site specific, azioni e performance in luoghi pubblici della città di Bologna.

Informazioni

  • Luogo: PONTE DI GALLIERA
  • Indirizzo: via Matteotti - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 13/12/2014 - al 31/01/2015
  • Vernissage: 13/12/2014 ore 18
  • Autori: Luca Vitone, Alexandra Pirici & Manuel Pelmuş
  • Curatori: Martina Angelotti
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento
  • Sito web: http://www.onpublic.it
  • Email: info@onpublic.it
  • Patrocini: Con il contributo di Comune di Bologna Regione Emilia-Romagna Con il contributo e supporto di Fondazione del Monte nell'ambito di fUNDER35 In collaborazione con Istituzione Bologna Musei | Residenza per artisti Sandra Natali. Art City Bologna 2015 ON 2014 Do Elephants ever forget? Direzione Artistica: Martina Angelotti Coordinamento: Anna De Manincor Organizzazione: Francesca Apolito Direttore di Produzione: Davide Sorlini Grafica: Simone Bertuzzi Web Design: Davide Barbieri Ufficio Stampa: Lara Facco e Claudia Santrolli Ingegnere: Studio Nicoli Sviluppo architettonico: Ekinos Architetture

Comunicato stampa


Do elephants ever forget? è il titolo scelto per l’edizione 2014 di ON, un progetto di arte contemporanea che invita artisti italiani e internazionali a realizzare opere site specific, azioni e performance in luoghi pubblici della città di Bologna.

Per la nuova edizione di ON 2014, a cura di Martina Angelotti, sono stati invitati Luca Vitone e Alexandra Pirici & Manuel Pelmuş a confrontarsi con la città in due momenti diversi dell'anno, fra dicembre 2014 e gennaio 2015



Per l’occasione Luca Vitone realizza l’opera Souvenir d’Italie (lumières): una luminaria pubblica, composta da cinque sculture luminose monumentali, che sarà collocata in via Matteotti sul ponte che attraversa i binari della Stazione Centrale di Bologna dal 13 dicembre 2014 al 31 gennaio 2015. L'opera prosegue una ricerca che l'artista porta avanti da tempo, in riferimento a memorie storiche, vicende politiche, caratteri architettonici e modalità di fruizione collettiva.
Souvenir d’Italie (lumières) è composto da una sequenza di tre forme simboliche che hanno attraversato la storia e hanno caratterizzato culture diverse, dall’antico Egitto passando per le religioni monoteiste a tutte le relative eresie e diversioni. In particolare il triangolo, l’occhio e il circolo di raggi sono forme semplici e potenti che possono sia valere singolarmente che combinarsi in modi diversi. Da due punti di visione speciale però, in via Matteotti 6 e in via Indipendenza all’altezza della fermata degli autobus davanti all’Autostazione, le tre forme viste in prospettiva combaciano l’una con l’altra, formando il simbolo massonico adottato dalla Loggia P2, il cui progetto eversivo è tragicamente legato all’attentato che ha provocato la strage del 2 agosto 1980 sul primo binario della stazione di Bologna. La memoria di quel giorno è ancora viva ed è una parte importante dell’identità di Bologna e del senso di condivisione che lega la sua cittadinanza. Vitone dedica quest’opera alla memoria collettiva, memoria d’elefante che tutto contiene e nulla dimentica, e a tutte le nostre memorie personali, frammentate e lacunose, parziali e partigiane, dirette o ereditate, proponendosi come monito, promemoria e vera e propria lampadina accesa sulle tante storie sotterranee e occultate del nostro Paese che ancora continuano e riverberano sul presente e su cui dobbiamo pretendere che venga fatta piena luce.

A gennaio, in collaborazione con la Fondazione del Monte, in occasione di ArteFiera nell'ambito di Art City Bologna 2015, ON presenta poi Public Collection - Bologna, il progetto performativo del duo di artisti Alexandra Pirici e Manuel Pelmuş, rappresentanti del Padiglione Romania all'ultima Biennale di Venezia. Il progetto è pensato ad hoc per l'Oratorio San Filippo Neri, l’ex Oratorio dei Filippini acquisito e ristrutturato dalla Fondazione del Monte, con il significativo intervento d’armatura in legno della cupola barocca distrutta durante la guerra realizzato dall'architetto Pier Luigi Cervellati. L’Oratorio di via Manzoni si propone come luogo ideale per un'azione performativa pensata come un ongoing show, in cui entrare e uscire quando si vuole. Non esiste inizio né fine. Una mostra in continua trasformazione durante le tre giornate del 23, 24 e 25 gennaio 2015.
Partendo dall'iconografia della città, con dipinti, monumenti e sculture che vanno dal Rinascimento a oggi, la mostra è pensata come una serie di azioni fisiche che mettono in scena alcuni dei capolavori più significativi della storia dell'arte antica e recente attraverso la combinazione delle posture dei corpi di cinque performer.
Public Collection – Bologna di Alexandra Pirici e Manuel Pelmuş si interroga sul valore della monumentalizzazione e sulla fruizione dell'opera d'arte, passando attraverso opere come il Compianto di Niccolò dell’Arca, La Nona Ora di Maurizio Cattelan e la Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer, recentemente transitato da Bologna a due passi dall’Oratorio.

Do elephants ever forget? ON 2014 è realizzato grazie a fUNDER35 (Fondazione Cariplo), con il contributo di Fondazione del Monte, della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna e in collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei | Residenza per artisti Sandra Natali, Art City – Arte Fiera.

Le opere commissionate da ON si prefiggono lo scopo di immettere visioni, contrasti, narrazioni e suggestioni dentro al contesto urbano adottando prospettive inusuali, utilizzando piazze, strade, edifici, monumenti o dettagli architettonici come elementi di ricognizione geografica, politica e civile e contribuendo a definire l’identità della città come luogo sensibile e determinante nella formazione del Contemporaneo, inteso come espressione e interrogazione del presente.
La caratteristica di non avere una sede né uno spazio espositivo fisso, ma di lavorare direttamente sulla città, nello spazio urbano e nei luoghi pubblici, rende il progetto ON naturalmente orientato ad ampliare costantemente la dimensione del pubblico, a intrecciare sinergie tra luoghi e persone, singoli oggetti e comunità di abitanti, dimensione pubblica e privata, storia e immaginazione.

Dal 2007 ON ha prodotto e promosso numerose installazioni, performance multimediali e workshop.
Una delle sculture luminose realizzata da ON nel 2009 è diventato patrimonio collettivo della città di Bologna, ed è ora esposta come installazione permanente nel quartiere della Manifattura delle Arti, grazie all'acquisizione nella Collezione del Museo MAMbo, in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Il lampadario Casa Grande di ZimmerFrei è acceso ogni sera in via Azzo Gardino 65.