Oltre il tempo

Roma - 24/05/2012 : 29/05/2012

Durante l’evento saranno simbolicamente illuminate due installazioni con i titoli Il Cammino della speranza e Il Fioco della speranza delle artiste bulgare Marussia Kalimerova e Tania Kalimerova per esprimere la continuità della luce della fede e della spiritualità cristiana nei secoli.

Informazioni

  • Luogo: BASILICA SAN CLEMENTE
  • Indirizzo: Via di San Giovanni in Laterano, 52 (San Giovanni - Celio) - Roma - Lazio
  • Quando: dal 24/05/2012 - al 29/05/2012
  • Vernissage: 24/05/2012 ore 15
  • Autori: Marussia Kalimerova, Tania Kalimerova
  • Generi: serata – evento
  • Biglietti: Ingresso a pagamento
  • Email: texfilart@libero.it
  • Patrocini: PROMOSSA E ORGANIZZATA DA • Texfilart/ Iniziative Musicali Internazionali IN COLLABORAZIONE • Ambasciata della Repubblica di Bulgaria presso la Santa Sede, Ambasciata della Repubblica di Bulgaria in Italia

Comunicato stampa

CERIMONIA UFFICIALE, INAUGURAZIONE e ILLUMINAZIONE SIMBOLICA DELLE INSTALLAZIONI Il Cammino della speranza e Fuoco della Speranza di Marussia Kalimerova e Tania Kalimerova

1. Tradizionale Moleben davanti alla tomba di San Cirillo

2. Cerimonia performance artistico - a cura delle Associazioni I.M.I. e Texfilart
• Saluto e accoglienza Dott. Antonio Giammarco - Presidente I.M.I
• Saluto e breve intervento del Dott. Stefan Boncev - Ambasciata della Repubblica di Bulgaria presso la Santa Sede
• Accensione simbolica delle installazioni dal Presidente della Repubblica di Bulgaria S.E

Rosen Plevneliev alla presenza del Corpo Diplomatico e rappresentanti della Comunità bulgara in Italia e amici di Bulgaria

TESTI CRITICI • dalla Rassegna Stampa Stampa (Prof. Claudio Strinati/ Prof. Antonio Paolucci/ Prof. Bruno Mantura/ Prof. Boris Danailov) ecc.

COLONNA SONORA • CANTI DI LUCE (Melodie sacre della Chiesa Ortodossa), Philippopolis, coro di voci maschili (Red Edizioni)
SEGRETERIA TEXfilART• per il vernissage

COORDINAMENTO ARTISTICO • TEXfilART

RAPPORTI CON LE AGENZIE STAMPA TEXfilART • Gianni Lattanzio Cell. 347/ 8773272 [email protected]

SI RINGRAZIANO • Padre Terence Crotty, Priore della Basilica di San Clemente e i padri dell’ordine Domenicano, Padre John Walsh O.P., Riccardo Roverelli, Dimitar Gancev Direttore Sezione bulgara di Radio Vaticana, Antonio Bianco, Your Music, Azzaro Arti Grafiche, Galleria La Pigna, Tecnosas, Fiori & Piante (Fiori&Ali)

CARATTERISTICHE DELL’EVENTO La Bulgaria celebra nel 24 maggio la Festa Nazionale della Cultura e la Scrittura dedicata ai Santi Cirillo e Metodio, apostoli dell’Oriente cristiano e co - patroni dell’Europa. In quel giorno il Papa riceve in udienza in Vaticano la delegazione ufficiale bulgara, mentre nella Basilica di San Clemente a Roma si celebra il tradizionale moleben davanti alla tomba del San Cirillo. In Bulgaria il 24 maggio è una delle più sentite Feste Nazionali dove i rappresentanti della cultura trovano spazi per numerosi spettacoli e iniziative culturali.
CARATTERISTICHE EVENTO ARTISTICO • Le Associazioni Iniziative Musicali Internazionali e TEXfilART, Associazioni Culturali Interdisciplinari per la ricerca, nell’ambito delle loro attività intese a promuovere la cultura, hanno programmato in occasione della Festa Nazionale della Cultura e la Scrittura bulgara un evento unico e raro, particolarmente affascinante e suggestivo con il titolo Oltre il tempo

Durante l’evento saranno simbolicamente illuminate due installazioni con i titoli Il Cammino della speranza e Il Fioco della speranza delle artiste bulgare Marussia Kalimerova e Tania Kalimerova per esprimere la continuità della luce della fede e della spiritualità cristiana nei secoli. La speranza testimoniata attraverso la vita e nelle opere dei due fratelli e co - Patroni dell’Europa anche oggi può ispirare e orientare le nuove generazioni, rafforzando l’identità e la cultura di una nazione. Una speranza che anche oggi traccia un sentiero umano e spirituale nell’incontro tra diverse esigenze culturali e religiose per un rinnovamento spirituale e l’autentica promozione della libertà e dell’unità dell’Europa cristiana. Inspirandosi dell’”inculturazione” dell’opera dei Santi Cirillo e Metodio, secondo cui ogni popolo deve calare nella propria cultura il messaggio salvifico, le due artiste esprimono con un linguaggio proprio il sottile filo dell’evoluzione della tradizione bulgara e dello spirito forte di un Paese che ha dovuto, nel corso dei secoli, conquistare la propria libertà e dignità con tenacia. Un filo come quello di Ariana che unisce il passato e il presente oltre il tempo.
Le artiste sono due sorelle di cui una rappresenta l’antica arte bulgara, applicando una tecnica personale con quale contribuisce all’avanzamento dell’arte tessile mondiale fino ad arrivare alle forme tridimensionali, l’altra, i forti legami con il suo paese la Bulgaria e l’arte universale italiana attraverso la sua vita in Italia dal 1980.

Il mezzo espressivo ed il linguaggio è quello dell’arte tessile così amato in Bulgaria con la quale le artiste tracciano il sottile filo dell’evoluzione di questo Paese entrato di diritto nel 2007 nella grande famiglia europea. E’ proprio questa arte che ha accompagnato l’essere umano ancora dai tempi della sua creazione.

L’evento, nel suo proporsi come espressione artistica, si manifesta sia piacevole alla vista che al tatto come lo è stato nel corso dei secoli per i tessuti dell’Egitto e gli arazzi delle antiche arazzerie di Arras, Beauvais, Tournai e Gobelins.

Le artiste sanno di affrontare un movimento culturale dalle ampie dimensioni e la segnalano al Mondo attraverso un’espressione artistica del loro tempo, lasciando alle forme della materia le loro storie e le loro evoluzioni nel tempo.

Lo spirito dell’iniziative è quello di affrontare e diffondere i valori di questo antico popolo. Gli esperimenti fatti fin’ora, nella loro lunga carriera internazionale, hanno dato risultati tanto soddisfacenti al punto da stimolare le artiste a continuare questa loro ricerca, alla fine della quale hanno trovato concordi, nella validità della loro missione molti accademici, studiosi, professori, i giovani e, cosa ancora più importante, la gente comune affascinata dalla conoscenza dei popoli lontani entrando nello spazio “senza limiti”. E proprio la sensibilità della gente comune fa ben sperare nel futuro dell’Europa unita.

Nel linguaggio contemporaneo le due installazioni sono opere straordinarie per la loro idea, dimensione, colori ed eleganza. Rappresentano una testimonianza di grande amore, passione, sensibilità, fantasia e abilità delle mani così assenti in alcuni casi nell’arte contemporanea.

Fuoco e Speranza
Il cammino più lungo che l’uomo può oggi affrontare è il cammino dentro il proprio cuore: passo dopo passo, per avvicinarsi all’infinita Speranza che nutre la vita. E questo cammino bene si accompagna all’altro, quello che attraversa con coraggio il Fuoco dell’esistenza: impetuoso e crudele; purificatore infine, quando le scorie che ingombrano e pesano sul nostro fardello, residuo dei tormenti del tempo, presenti e ostinati ancora, pungenti tra le pieghe del ricordo…si! saranno rese incapaci di influenzare la volontà di proseguire e affrontare l’impervio destino che brucia senza riguardi il cammino degli uomini.
Verso la Speranza, attraversando il Fuoco…sono questi i due itinerari che le giovani artiste bulgare Tania e Marussia Kalimerovi hanno intrapreso e reso visibili sulle ali dell’arte: installazioni vibranti nell’aere, tracce colorate che intersecano lo spazio, che muovono in direzioni variegate, che indicano e vogliono rappresentare i tanti segmenti di vita che ognuno annoda a segmenti di vita altrui…per racchiudere in unica dimensione, umanamente accettabile, la forza dell’unione, della fede, dell’ardore, dell’amore che brucia quel cuore ricolmo di Fuoco e di Speranza.
Dante Fasciolo, Giornalista, Regista Cine - TV