Nicola Genco – Exodus

Lecce - 28/08/2020 : 10/09/2020

Exodus, un’opera d’arte pubblica e partecipata dialoga con Lecce e il suo multiculturalismo: un’installazione di Nicola Genco realizzata con giovani extracomunitari nell’ambito del progetto La bellezza dell’integrazione.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CASTROMEDIANO
  • Indirizzo: Viale Gallipoli 28 - Lecce - Puglia
  • Quando: dal 28/08/2020 - al 10/09/2020
  • Vernissage: 28/08/2020 ore 19
  • Autori: Nicola Genco
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento

Comunicato stampa

Start ore 19 al Museo. Insieme allestiremo l’opera in via Duca degli Abruzzi per poi approdare nel chiostro del Convitto Palmieri. Diretta streaming a cura degli studenti del corso DAMS dell’Università del Salento.



Exodus è un’opera partecipata e pubblica da Nicola Genco concepita nell’ambito del progetto La bellezza dell’integrazione.Dal Museo Castromediano parte una grande opera d’arte composta da centinaia di piccole sculture realizzate da Genco e da alcuni giovani rifugiati coinvolti in un vero e proprio laboratorio artistico che è andato in scena nelle ultime settimane proprio negli spazi museali

Nasce così un percorso espositivo diffuso, che dallo spazio istituzionale si farà strada su viale Gallipoli, viale Lo Re e via Duca degli Abruzzi, nel cuore della città, fino ad arrivare nel chiostro del Convitto Palmieri. I negozianti che “vivono” questa via adotteranno le opere di Genco e di chi ha partecipato al laboratorio, quotidianamente le allestiranno sul marciapiede e se ne prenderanno cura. Da una scultura-barca composta da 81 corpi – 81 sono i morti della tragedia della Kater I Rades nel Canale d’Otranto nel 1997–, allestita nel museo, si generano quindi centinaia di altri corpi, che “invadono” lo sguardo dei passanti nei ritmi del quotidiano.



Pensare al Museo come a un laboratorio attivo, un dispositivo capace non soltanto di favorire la contemplazione delle opere d’arte, ma di adottarle per poter innescare nuove relazioni di pensiero, nuove forme di comunicazione e soprattutto un dialogo serrato con le comunità. Anzitutto con quelle prossime. Via Duca degli Abruzzi in questi anni ha rappresentato, a Lecce, un esempio di spazio di convivenze tra differenti comunità, che lì vivono e lavorano quotidianamente. L’opera sarà installata nello spazio urbano per tre giorni, mentre continuerà a vivere nel museo e in biblioteca fino al 10settembre.



Così com’è stato con la Venere degli straccidi Michelangelo Pistoletto, l’opera sarà allestita dalle associazioni, dagli studenti della città e dalla comunità del museo, in maniera corale.

Il 28 agosto alle 19 ci incontreremo tutti nel Museo Castromediano, insieme porteremo in via Duca degli Abruzzi le sculture realizzate da Genco, dai partecipanti al laboratorio e dalla bottega di Stella Ciardo e Vincenzo Casto.I due artigiani hanno rilevato la storica bottega del cartapestaio Gallucci a Lecce, nel quartiere San Pio, facendo di un posto ricco di memoria e tradizione un luogo operativo e vivo che oltre ad essere un laboratorio artistico e artigianale è anche un laboratorio sociale.

Tutti insieme approderemo poi al Convitto Palmieri, nel cui chiostro l’opera rintraccerà la sua parte finale.

L’opera diffusa e partecipata di Nicola Genco realizzata con i rifugiati...

Si tratta di Exodus, un’opera partecipata, pubblica e diffusa sul territorio leccese dell’artista pugliese Nicola Genco, creata con l’aiuto di giovani extracomunitari nell’ambito del progetto “La bellezza dell’integrazione”